Filosofia del diritto (of2)

A.A. 2019/2020
Insegnamento per
9
Crediti massimi
63
Ore totali
SSD
IUS/20
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso mira a fornire allo studente la conoscenza delle principali problematiche filosofico-giuridiche e degli strumenti concettuali fondamentali per orientarsi nella comprensione della struttura e del funzionamento dei sistemi normativi di tipo giuridico.
Il corso intende inoltre fornire allo studente la capacità di applicare i concetti appresi nella diagnosi dei casi giuridici.
Per quanto riguarda l'analisi dei testi esaminati, il corso si propone di fornire allo studente la capacità di affrontare criticamente la lettura degli autori esaminati.
Il corso mira infine a migliorare complessivamente le capacità di apprendimento dello studente.
Al termine del corso, lo studente avrà appreso alcuni concetti fondamentali per orientarsi nella comprensione della struttura e del funzionamento dei sistemi normativi di tipo giuridico.

Struttura insegnamento e programma

Cognomi A-C
Edizione attiva
Responsabile
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Docente: Velluzzi Vito
Programma
Diritto e linguaggio. Diritto e coazione. Concetto e concezioni del diritto. Il rapporto tra diritto e morale. Concetti giuridici fondamentali. La norma giuridica. Il sistema giuridico. Stato di diritto e costituzionale di diritto. L'interpretazione giuridica. La costruzione giuridica. Le situazioni giuridiche soggettive.

Programma integrazione:
Per gli studenti provenienti da Scienze dei servizi giuridici, sarà necessario sostenere un colloquio orale su N. Bobbio, Diritto e potere, Giappichelli (escluso il cap. 4)
Informazioni sul programma
Il corso verterà su alcuni concetti centrali nella riflessione e nella formazione del giurista: diritto soggettivo; norma; sistema giuridico; ragionamento giuridico; gerarchie normative; stato di diritto e stato costituzionale di diritto. I concetti giuridici fondamentali saranno studiati attraverso le principali concezioni del diritto (per esempio: il giuspositivismo, il giusnaturalismo, il giusrealismo). Studiando le concezioni del diritto si affronterà anche la questione del rapporto tra diritto e morale. Durante le lezioni sarà rivolta particolare attenzione al tema dell'interpretazione giuridica.

I cambi cattedra devono essere autorizzati da entrambi i docenti coinvolti, previa richiesta da effettuare dopo l'inizio del corso ed entro le prime due settimane del medesimo.

Ricevimento: il prof. Vito Velluzzi riceve il martedì dalle 14.30 alle 16.30 presso il Dipartimento di Scienze giuridiche "Cesare Beccaria". Il docente è reperibile per informazioni all'indirizzo email: vito.velluzzi@unimi.it
Prerequisiti e modalità di esame
Esame orale, con valutazione espressa in trentesima più eventuale lode. Non è prevista alcuna verifica in itinere.
Materiale didattico e bibliografia
Per gli studenti frequentanti e non frequentanti di Giurisprudenza.
-R. GUASTINI, Filosofia del diritto positivo. Lezioni, a cura di V. Velluzzi, Torino, Giappichelli, 2017, per intero;
oppure, in alternativa:
-M. JORI e A. PINTORE, Introduzione alla filosofia del diritto, Torino, Giappichelli, 2014, va escluso il solo capitolo VIII (Semiotica giuridica);
a uno dei due libri indicati va aggiunto obbligatoriamente lo studio del seguente volume:
-A. SCHIAVELLO e V. VELLUZZI (a cura di), Il positivismo giuridico contemporaneo. Una antologia, Torino, Giappichelli, 2005, limitatamente alle pagine: da 3 a 20; da 24 a 95; da 117 a 203; da 229 a 248 (corrispondenti ai saggi di Kelsen, Hart e Ross della parte I; ai due saggi che compongono la parte II; al saggio di Hart contenuto nella parte III; all'introduzione alla parte I escluso l'ultimo paragrafo; all'introduzione della parte II).
Periodo
Secondo semestre
Cognomi D-L
Edizione attiva
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Le due domande fondamentali della filosofia del diritto. (i) Che cosa è la giustizia? (ii) Che cosa è il diritto? Che cosa è la giustizia? La giustizia come rispetto della legge. Il problema della legge ingiusta. La giustizia come rispetto dell'eguaglianza. Primato del giusto e priorità del diritto. Diritto positivo e diritto naturale. I limiti della giustizia. Che cosa è il diritto? Teoria pura del diritto vs. teoria sociologica del diritto. Diritto e natura. Diritto e morale. Il concetto di diritto e la dottrina della proposizione giuridica. Il dualismo della dottrina del diritto e il suo superamento. Nomostatica e nomodinamica. L'ordinamento giuridico e la sua costruzione a gradi. Validità del diritto: concetti e condizioni. Rapporti tra validità e efficacia. Il concetto di diritto sovralegale. Diritto sovralegale e diritto naturale. La tesi del diritto naturale come tesi metaetica e la sua negazione. Attualità del diritto naturale. L'indirizzo fenomenologico nella filosofia sociale e giuridica. Realtà giuridica e realtà di base. Realtà giuridica, istituzioni, regole. La struttura deontica della realtà giuridica. Regole costitutive e fatti istituzionali. Linguaggio e realtà giuridica.
Informazioni sul programma
Il corso si svolgerà attraverso la lettura e il commento di alcuni testi classici della filosofia del diritto antica e contemporanea e attraverso la discussione di casi giuridici (reali e immaginari). Il corso si articolerà in due parti, dedicate, rispettivamente, alle due domande fondamentali della filosofia del diritto: (i) Che cosa è giusto? (ii) Che cosa è diritto?. Le lezioni sono rivolte sia agli studenti iscritti al corso di laurea in Giurisprudenza sia agli studenti iscritti ai corsi di laurea di Studi umanistici, e si svolgeranno in forma dialogica per consentire allo studente un coinvolgimento attivo.

Cambi di corso: I cambi di cattedra devono essere autorizzati da entrambi i docenti coinvolti.

Studenti Erasmus: Non sono previsti programmi specifici per gli studenti Erasmus.
Per ogni ulteriore informazione si invitano gli studenti a consultare la pagina web del corso http://bit.ly/fildir2019-2020 o http://bit.ly/materialidilucia

Orario di ricevimento: Il Prof. Paolo Di Lucia riceve gli studenti su appuntamento (paolo.dilucia@unimi.it), il mercoledì dalle ore 10:30, presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche "Cesare Beccaria", e il giovedì al termine della lezione.
Prerequisiti e modalità di esame
La prova finale del profitto relativa all'insegnamento si svolge n forma orale e la valutazione è espressa con un voto in trentesimi, con eventuale lode.
Materiale didattico e bibliografia
Testi per gli studenti frequentanti di Giurisprudenza e di Studi umanistici (CFU 9):
L'esame degli studenti frequentanti verterà sui seguenti due testi:
1. Hans Kelsen, Lineamenti di dottrina pura del diritto. Torino, Einaudi, 2000 (da p. 1 a p. 116).
2. In secondo libro di testo verrà indicato agli studenti frequentanti all'inizio delle lezioni.
Programma integrazione: Per gli studenti provenienti da Scienze dei servizi giuridici, sarà necessario sostenere un colloquio orale su N. Bobbio, Diritto e potere, Torino Giappichelli (escluso cap. 4).

Testi consigliati per gli studenti frequentanti e non-frequentanti di Giurisprudenza e di Studi umanistici (CFU 6):
L'esame verterà sui seguenti due testi:
1. Amedeo Giovanni Conte/Paolo Di Lucia/Luigi Ferrajoli/Mario Jori, Filosofia del diritto. A cura di Paolo Di Lucia. Seconda edizione ampliata: Milano, Raffaello Cortina, 2013. Sono da studiare i seguenti nove saggi (comprese le note bio-bibliografiche iniziali):
Adolf Reinach (pp. 23-37), Giorgio Del Vecchio (pp. 61-78), Czesław Znamierowski (pp. 79-87), Hans Kelsen (pp. 115-132), Chaïm Perelman (pp. 141-158), Gustav Radbruch (pp. 159-173), Alf Ross (pp. 265-280), Antonio Pigliaru (pp. 321-328), Karl Olivecrona (pp. 413-432).

Si consiglia di studiare i saggi seguendo il seguente ordine:
(i) sul rapporto tra diritto e giustizia:
1. Giorgio Del Vecchio, La giustizia (pp. 61-78)
2. Chaïm Perelman, La giustizia formale (pp. 141-158)
3. Gustav Radbruch, Ingiustizia legale e diritto sovralegale (pp. 159-173)
(ii) sul concetto di diritto:
4. Hans Kelsen, Dottrina pura del diritto (pp. 115-132)
5. Alf Ross, Norme giuridiche e regole degli scacchi (pp. 265-280)
6. Antonio Pigliaru, La vendetta barbaricina (pp. 321-328)
(iii) sulla natura della realtà giuridica e sul suo statuto ontologico:
7. Adolf Reinach, I fondamenti a priori del diritto (pp. 23-37)
8. Czesław Znamierowski, Atti thetici e norme costruttive (pp. 79-87)
9. Karl Olivecrona, Performativi giuridici (pp. 413-432)

2. Un secondo libro a scelta tra i seguenti:
2.1. Hans Kelsen, Che cos'è la giustizia? Lezioni americane. A cura di Paolo Di Lucia e Lorenzo Passerini Glazel. Macerata, Quodlibet, 2015.
2.2. Norberto Bobbio, L'indirizzo fenomenologico nella filosofia sociale e giuridica. Torino, Giappichelli, 2018.
2.3. Amedeo Giovanni Conte, Filosofia del linguaggio normativo. II. Studi 1982-1994. Torino, Giappichelli, 1995 (sono da studiare i capitoli 12, 13, 14, 15, 16, 21).
2.4. Uberto Scarpelli, Saggi di filosofia giuridica. Pisa, ETS, in corso di edizione.
2.5. John R. Searle, Il mistero della realtà. Milano, Raffaello Cortina Editore, 2019 (sono da studiare le lezioni 1, 3, 6, 7, 8 , 9).

Programma integrazione: Per gli studenti provenienti da Scienze dei servizi giuridici, sarà necessario sostenere un colloquio orale su N. Bobbio, Diritto e potere, Torino Giappichelli (escluso cap. 4).
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Materiale didattico e bibliografia
Testi per gli studenti non-frequentanti di Giurisprudenza e di Studi umanistici (CFU 9):
L'esame degli studenti non frequentanti verterà sui seguenti due testi:
1. Amedeo Giovanni Conte/Paolo Di Lucia/Luigi Ferrajoli/Mario Jori, Filosofia del diritto. A cura di Paolo Di Lucia. Seconda edizione ampliata: Milano, Raffaello Cortina, 2013. Sono da studiare i seguenti quindici saggi (comprese le note bio-bibliografiche iniziali):
Adolf Reinach (pp. 23-37), Wesley N. Hohfeld (pp. 39-50), Eugen Ehrlich (pp. 51-60), Giorgio Del Vecchio (pp. 61-78), Czesław Znamierowski (pp. 79-87), Hans Kelsen (pp. 115-132), Giuseppe Rensi (pp.133-139), Chaïm Perelman (pp. 141-158), Gustav Radbruch (pp. 159-173), Santi Romano (pp. 175-193), Alf Ross (pp. 265-280), Antonio Pigliaru (pp. 321-328), Uberto Scarpelli (pp. 303-318), Felix E. Oppenheim (pp. 345-353), Karl Olivecrona (pp. 413-432).

Si consiglia di studiare i saggi seguendo il seguente ordine:
(i) sul rapporto tra diritto e giustizia:
1. Giorgio Del Vecchio, La giustizia (pp. 61-78)
2. Giuseppe Rensi, L'essenza della giustizia (pp.133-139)
3. Chaïm Perelman, La giustizia formale (pp. 141-158)
4. Gustav Radbruch, Ingiustizia legale e diritto sovralegale (pp. 159-173)
5. Felix E. Oppenheim, Metaetica del diritto naturale (pp. 345-353)

(ii) sul concetto di diritto:
6. Hans Kelsen, Dottrina pura del diritto (pp. 115-132)
7. Uberto Scarpelli, Semantica del linguaggio normativo (pp. 303-318)
8. Eugen Ehrlich, Sociologia del diritto (pp. 51-60)
9. Antonio Pigliaru, La vendetta barbaricina (pp. 321-328)
10. Alf Ross, Norme giuridiche e regole degli scacchi (pp. 265-280)
(iii) sulla natura della realtà giuridica e sul suo statuto ontologico:
11. Adolf Reinach, I fondamenti a priori del diritto (pp. 23-37)
12. Wesley N. Hohfeld, Concetti giuridici fondamentali (pp. 39-50)
13. Czesław Znamierowski, Atti thetici e norme costruttive (pp. 79-87)
14. Santi Romano, Realtà giuridica (pp. 175-193)
15. Karl Olivecrona, Performativi giuridici (pp. 413-432)
2. Un secondo libro a scelta tra i seguenti:
2.1. Hans Kelsen, Che cos'è la giustizia? Lezioni americane. A cura di Paolo Di Lucia e Lorenzo Passerini Glazel. Macerata, Quodlibet, 2015.
2.2. Norberto Bobbio, L'indirizzo fenomenologico nella filosofia sociale e giuridica. Torino, Giappichelli, 2018.
2.3. Amedeo Giovanni Conte, Filosofia del linguaggio normativo. II. Studi 1982-1994. Torino, Giappichelli, 1995 (sono da studiare i capitoli 12, 13, 14, 15, 16, 21).
2.4. Uberto Scarpelli, Saggi di filosofia giuridica. Pisa, ETS, in corso di edizione.
2.5. John R. Searle, Il mistero della realtà. Milano, Raffaello Cortina Editore, 2019 (sono da studiare le lezioni 1, 3, 6, 7, 8 , 9).

Testi consigliati per gli studenti frequentanti e non-frequentanti di Giurisprudenza e di Studi umanistici (CFU 6):
L'esame verterà sui seguenti due testi:
1. Amedeo Giovanni Conte/Paolo Di Lucia/Luigi Ferrajoli/Mario Jori, Filosofia del diritto. A cura di Paolo Di Lucia. Seconda edizione ampliata: Milano, Raffaello Cortina, 2013. Sono da studiare i seguenti nove saggi (comprese le note bio-bibliografiche iniziali):
Adolf Reinach (pp. 23-37), Giorgio Del Vecchio (pp. 61-78), Czesław Znamierowski (pp. 79-87), Hans Kelsen (pp. 115-132), Chaïm Perelman (pp. 141-158), Gustav Radbruch (pp. 159-173), Alf Ross (pp. 265-280), Antonio Pigliaru (pp. 321-328), Karl Olivecrona (pp. 413-432).

Si consiglia di studiare i saggi seguendo il seguente ordine:
(i) sul rapporto tra diritto e giustizia:
1. Giorgio Del Vecchio, La giustizia (pp. 61-78)
2. Chaïm Perelman, La giustizia formale (pp. 141-158)
3. Gustav Radbruch, Ingiustizia legale e diritto sovralegale (pp. 159-173)
(ii) sul concetto di diritto:
4. Hans Kelsen, Dottrina pura del diritto (pp. 115-132)
5. Alf Ross, Norme giuridiche e regole degli scacchi (pp. 265-280)
6. Antonio Pigliaru, La vendetta barbaricina (pp. 321-328)
(iii) sulla natura della realtà giuridica e sul suo statuto ontologico:
7. Adolf Reinach, I fondamenti a priori del diritto (pp. 23-37)
8. Czesław Znamierowski, Atti thetici e norme costruttive (pp. 79-87)
9. Karl Olivecrona, Performativi giuridici (pp. 413-432)

2. Un secondo libro a scelta tra i seguenti:
2.1. Hans Kelsen, Che cos'è la giustizia? Lezioni americane. A cura di Paolo Di Lucia e Lorenzo Passerini Glazel. Macerata, Quodlibet, 2015.
2.2. Norberto Bobbio, L'indirizzo fenomenologico nella filosofia sociale e giuridica. Torino, Giappichelli, 2018.
2.3. Amedeo Giovanni Conte, Filosofia del linguaggio normativo. II. Studi 1982-1994. Torino, Giappichelli, 1995 (sono da studiare i capitoli 12, 13, 14, 15, 16, 21).
2.4. Uberto Scarpelli, Saggi di filosofia giuridica. Pisa, ETS, in corso di edizione.
2.5. John R. Searle, Il mistero della realtà. Milano, Raffaello Cortina Editore, 2019 (sono da studiare le lezioni 1, 3, 6, 7, 8 , 9).

Programma integrazione: Per gli studenti provenienti da Scienze dei servizi giuridici, sarà necessario sostenere un colloquio orale su N. Bobbio, Diritto e potere, Torino Giappichelli (escluso cap. 4).
Periodo
Secondo semestre
Cognomi M-Q
Edizione attiva
Responsabile
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Docente: Del Bo' Corrado
Programma
Concetto di diritto. Concezioni del diritto. Concetti giuridici. Diritto e linguaggio. Diritto e coazione. La norma giuridica. L'interpretazione giuridica. I sistemi giuridici. Giustizia e legalità. Il rapporto tra diritto e morale. Il caso degli speleologi come case study.

Programma integrazione:
Per gli studenti provenienti da Scienze dei servizi, sarà necessario sostenere un colloquio orale su N. Bobbio, Diritto e potere, Giappichelli (escluso il cap. 4)
Informazioni sul programma
Nella prima parte del corso, l'obiettivo è introdurre gli studenti alle principali concezioni del diritto e ai loro fondamenti teorici, approfondendone i maggiori snodi concettuali.
La seconda parte del corso si concentrerà invece sul rapporto tra diritto e morale. Essa punterà a esaminare, anche attraverso la lettura di alcuni testi "classici", le diverse risposte che sono state date alla questione se, ed eventualmente in che modo, diritto e morale siano separati.

Cambi di corso:
I cambi cattedra devono essere autorizzati sia da entrambi i docenti coinvolti, previa richiesta da effettuare dopo l'inizio del corso ed entro le prime due settimane del medesimo
Prerequisiti e modalità di esame
Esame orale, con valutazione espressa in trentesima più eventuale lode. Non è prevista alcuna verifica in itinere.
Materiale didattico e bibliografia
1. M. Barberis, Una filosofia del diritto per lo stato costituzionale, Torino, Giappichelli, 2017;
2. A. Porciello (a cura di), Il caso degli speleologi di Lon L. Fuller e alcuni nuovi punti di vista, Rubbettino, 2012.
3. Materiale di studio distribuito a lezione
Per gli studenti non frequentanti, l'esame verterà sui testi:
1. M. Jori, A. Pintore, Introduzione alla filosofia del diritto, Torino, Giappichelli, 2015 (escluso il capitolo Semiotica giuridica);
2. H. Kelsen, Lineamenti di dottrina pura del diritto, Torino, Einaudi, 2000;
3. H. L. A. Hart, Il concetto di diritto, Torino, Einaudi, 2002 (esclusi i capitoli VII e X, e il Poscritto).
Periodo
Secondo semestre
Cognomi R-Z
Edizione attiva
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Il corso intende introdurre gli studenti a una serie di tematiche relative all'interpretazione, che si sono presentate nel tempo, approfondendone gli snodi concettuali.
Ci si concentrerà sull'indeterminatezza semantica, sulla nozione di genericità e sul bilanciamento dei princìpi.
Informazioni sul programma
Cambi di corso: I cambi cattedra devono essere autorizzati da entrambi i docenti coinvolti, previa richiesta da effettuare dopo l'inizio del corso ed entro le prime due settimane del medesimo
Prerequisiti e modalità di esame
Esame orale, con valutazione espressa in trentesimi più eventuale lode. Non è prevista alcuna verifica in itinere.
Materiale didattico e bibliografia
Per gli studenti frequentanti il testo adottato è il seguente:
1. Claudio Luzzati, Del giurista interprete. Linguaggio, tecniche e dottrine, Giappichelli, Torino 2016.

Programma integrazione:
Per gli studenti provenienti da Scienze dei servizi, sarà necessario sostenere un colloquio orale su N. Bobbio, Diritto e potere, Giappichelli (escluso il cap. 4)
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Materiale didattico e bibliografia
Per gli studenti non frequentanti, l'esame verterà sui testi:
1. Claudio Luzzati, Questo non è un manuale, Giappichelli, Torino 2010;
2. H. Kelsen, Lineamenti di dottrina pura del diritto, Torino, Einaudi, 2000;
3. H. L. A. Hart, Il concetto di diritto, Torino, Einaudi, 2002 (fino al cap. VII incluso).
Programma integrazione:
Per gli studenti provenienti da Scienze dei servizi, sarà necessario sostenere un colloquio orale su N. Bobbio, Diritto e potere, Giappichelli (escluso il cap. 4)
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
su appuntamento il lunedì, martedì e mercoledì dalle 9,30 alle 10,15 tramite e-mail: corrado.delbo@unimi.it
Dipartimento di Scienze giuridiche, sezione di Filosofia e sociologia del diritto
Ricevimento:
riceve il mercoledì alle ore 10,30 su appuntamento
Dipartimento di Scienze Giuridiche "Cesare Beccaria" Sezione di Filosofia e Sociologia del diritto
Ricevimento:
il prof. Luzzati riceve il mercoledì dalle ore 12,15 alle ore 14,15 è consigliabile prenotare l'appuntamento scrivendo a: claudio.luzzati@unimi.it
Sezione diFilosofia e Sociologia del Diritto Dipartimento Beccaria
Ricevimento:
riceve il mercoledì dalle 14,30 alle 16,30
dipartimento di afferenza