Voi siete qui

Altri contenuti - Corruzione  

Questa sezione riassume le misure che l’Università degli Studi di Milano ha adottato in ottemperanza alla L. n. 190/2012.


Il Responsabile della Prevenzione della Corruzione e il Responsabile della Trasparenza

Il Responsabile della Prevenzione della Corruzione dell’Università degli Studi di Milano è il dott. Walter Bergamaschi, Direttore Generale dell'Ateneo.
Il Responsabile collabora attivamente con il Responsabile della Trasparenza per l’Ateneo, dott.ssa Anna Canavese, Dirigente II fascia, Divisione Stipendi e Carriere del Personale.
 

La prof.ssa Maria Elisa D'Amico è Prorettore delegato a Legalità, trasparenza e parità di diritti (biennio accademico 2018/2020) - decreto di nomina del Prorettore

inizio pagina


Il ruolo del Responsabile della prevenzione della corruzione

Ai sensi della Legge 190/2012, del D.lgs. 39/2013 e del D.P.R. 62/2013 il Responsabile della prevenzione della corruzione è tenuto a:

  1. elaborare, entro il 31 gennaio di ogni anno, la proposta di Piano della Prevenzione della Corruzione (PTPC), da adottarsi a cura dell’organo di indirizzo politico;
  2. definire procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti destinati a operare in settori particolarmente esposti alla corruzione;
  3. verificare l’efficace attuazione del PTPC e la sua idoneità;
  4. proporre modifiche al PTPC, in caso di accertamento di significative violazioni o di mutamenti dell’organizzazione;
  5. verificare, d’intesa con il dirigente competente, l’effettiva rotazione degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio di corruzione;
  6. individuare il personale da inserire nei percorsi di formazione sui temi dell’etica e della legalità;
  7. vigilare sul rispetto delle norme in materia di inconferibilità e incompatibilità;
  8. curare la diffusione della conoscenza dei Codici di Comportamento (nazionale e dell’Università) presso tutta la comunità universitaria, ed effettuare il monitoraggio annuale sulla loro attuazione, in collaborazione con il Nucleo di Valutazione;
  9. vigilare sull’applicazione dell’art. 54 bis del D.lgs. n. 165/2001 “Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti” e del Regolamento attuativo adottato dall’Università.

inizio pagina





Schema-tipo di patto di integrità tra Università degli Studi di Milano e Operatori economici partecipanti a procedure di affidamento lavori, forniture e servizi o richiedenti iscrizione all'albo/elenco fornitori

inizio pagina



Interventi formativi programmati nel triennio 2017/2019

Formazione: obiettivi triennio 2017/2019 

Formazione di livello generale - approccio valoriale

La formazione di livello generale – approccio valoriale sarà rivolta gradualmente a tutto il personale tecnico-amministrativo (iniziando con i neo-assunti e con coloro  cui non è stata ancora impartita alcuna formazione in materia di prevenzione della corruzione) e verterà principalmente sui temi dell’etica e della legalità, sui contenuti del Piano triennale della Prevenzione della Corruzione, sul Codice di Comportamento dei dipendenti pubblici ai sensi del D.P.R. n. 62/2013 e sul Codice di Comportamento emanato dall’Ateneo, sullo strumento del whistleblowing.

Formazione di livello generale - approccio contenutistico

Il percorso formativo in esame, rivolto alle figure apicali di struttura (Direttori di Dipartimento, Dirigenti)  si pone l’obiettivo di assicurare il costante aggiornamento della normativa in materia di prevenzione della corruzione e della trasparenza, con il focus di volta in volta indirizzato all’analisi approfondita di un particolare tema (ad esempio conflitto di interesse, incompatibilità e inconferibilità degli incarichi ecc.).

Formazione specialistica

Gli obiettivi formativi  saranno volti  al consolidamento delle competenze che i diversi attori (Responsabile della Prevenzione della Corruzione, Responsabile per la Trasparenza, Dirigenti Responsabili di Struttura, Capi Divisione/Settore e Capi-Ufficio, Direttori dei Centri di servizio, Responsabili amministrativi di Dipartimento) devono acquisire con riferimento al processo di gestione del rischio corruttivo, con particolare attenzione alla fase della valutazione del rischio e al suo trattamento attraverso l’attuazione di misure di prevenzione ad hoc, a sostegno dell’attività operativa che verrà effettuata già a partire del 2017.

 

inizio pagina


Interventi formativi erogati nel triennio 2017/2019

Il 29 giugno 2018 sono intervenuti alla Statale il dott. Cantone, il dott. Tronca e la prof.ssa Valaguzza nell’ambito del corso di perfezionamento dal titolo “Anticorruzione e prevenzione dell’illegalità nella pubblica amministrazione e nell’impresa”, progettato e coordinato dal prof. Gatta, in collaborazione con l’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Nella pagina dedicata è disponibile la videoregistrazione degli interventi, che hanno posto il focus sulle azioni più significative per prevenire la corruzione nella pubblica amministrazione; l’accesso è riservato ai professori, ai ricercatori e al personale tecnico-amministrativo.

inizio pagina


Normativa in materia di prevenzione della corruzione e promozione della trasparenza

Normativa in materia di prevenzione della corruzione

L. 6 novembre 2012 n. 190 - Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione
 

Piano Nazionale Anticorruzione - Anno 2013

Determinazioni ANAC

Determinazione ANAC n. 12 del 28 ottobre 2015 - Piano Nazionale Anticorruzione Anno 2015

Determinazione ANAC n. 831 del 3 agosto 2016 - Piano Nazionale Anticorruzione Anno 2016

Determinazione ANAC n. 1208 del 22 novembre 2017 - Piano Nazionale Anticorruzione Anno 2017 

Atto di indirizzo MIUR del 14 maggio 2018 relativo all'Aggiornamento 2017 del Piano Nazionale Anticorruzione - Sezione Università

Normativa in materia di promozione della trasparenza

D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33 - Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità,  trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni

Determinazione ANAC n. 1310 del 28 dicembre 2016 - Prime linee guida recanti indicazioni sull'attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel D.lgs. 97/2016

Determinazione ANAC n. 1309 del 28 dicembre 2016 - Linee guida recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all'accesso civico di cui all'art. 5 co. 2 del D.Lgs. 33/2013
 

Link a siti istituzionali di interesse

Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.AC.)

inizio pagina