La coscienza: un dialogo incessante tra le nostre aree cerebraliUno studio comparativo su pazienti in stato di coscienza minima e pazienti in stato vegetativo individua un meccanismo fondamentale associato alla presenza di coscienza. Lo studio è stato pubblicato su Science.


Milano, 12 maggio 2011 - Questo lavoro, pubblicato domani sulla rivista Science, è il frutto di una collaborazione tra il Coma Science Group dell’Università di Liegi, lo University College of London (Gran Bretagna) e il Dipartimento di Scienze Cliniche dell’Università di Milano (dott. Marcello Massimini).
Utilizzando un elettroencefalogramma ad alta densità e un protocollo di stimolazione acustica, lo studio ha scoperto un’importante differenza nelle reazioni di fronte a uno stimolo sensoriale esterno tra due distinte categorie di pazienti: pazienti in stato vegetativo e pazienti che si trovano in uno stato di coscienza minima, ovvero affetti da gravissime lesioni cerebrali ma ancora in grado di manifestare, seppur in modo sporadico e incostante, la presenza di un qualche livello di coscienza. Poiché sia i pazienti in stato vegetativo che quelli in stato di coscienza minimale non sono in grado di comunicare, la diagnosi differenziale tra queste due categorie di pazienti è spesso difficile.
Il lavoro su Science dimostra che, proprio come accade nel caso di soggetti sani, nei pazienti in stato di coscienza minimale uno stimolo sensoriale rilevante (come un tono acustico diverso nel contesto di una sequenza di toni omogenei) genera dapprima un’onda di attivazione neurale che procede, dal basso verso l’alto, dalle aree corticali sensoriali primarie del lobo temporale verso le aree associative frontali e, successivamente, un’onda in direzione opposta (top-down). Lo studio dimostra che questa seconda onda di rientro, dalle aree frontali associative a quelle sensoriali, manca nei pazienti con una chiara diagnosi di stato vegetativo.
I risultati di questo lavoro confermano l’ipotesi che la coscienza dipende dalla capacità di diverse aree cerebrali di influenzarsi reciprocamente e dinamicamente. In altre parole, la coscienza sembrerebbe dipendere dallo svolgersi di un dialogo continuo e bidirezionale tra le aree corticali primarie e quelle associative. In futuro, lo sviluppo di metodiche in grado di “ascoltare” direttamente questo dialogo interno al cervello rappresenterà un passo importante per la diagnosi e la comprensione dei disturbi della coscienza in pazienti portatori di gravi lesioni cerebrali.

Science
Preserved Feedforward but Impaired Top-down Processes in the Vegetative State
Melanie Boly1,2*, Marta Isabel Garrido2, Olivia Gosseries1, Marie-Aurélie Bruno1, Pierre Boveroux3, Caroline Schnakers1, Marcello Massimini4, Vladimir Litvak2, Steven Laureys1,Karl Friston2
1 Coma Science Group, Cyclotron Research Centre and Neurology department, University of Liège and CHU Sart Tilman Hospital, Liège, Belgium 2 Wellcome Trust Centre for Neuroimaging, Institute of Neurology, University College London, United Kingdom 3Anesthesiology department, University of Liège and CHU Sart Tilman Hospital, Liège, Belgium
4 Department of Clinical Sciences, “Luigi Sacco,” University of Milan, Milan, Italy

 

Per informazioni:

Ufficio Stampa Università degli Studi di Milano
Anna Cavagna - Glenda Mereghetti
Tel. 02 50312983- 02 50312025
ufficiostampa@unimi.it


 



Inserita il 13-06-2011