Diritto costituzionale comparato

A.A. 2019/2020
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
IUS/21
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Nell'ambito dell'insegnamento sulla base dell'analisi comparata diacronica e sincronica si intende sviluppare la conoscenza dei caratteri distintivi delle forme di Stato, delle forme di governo e dei processi federalistici al fine di individuare, anche in considerazione della disciplina internazionale, i modelli costituzionali posti dai diversi Stati europei ed extraeuropei a garanzia del pluralismo linguistico, etnico e religioso. Tale analisi, svolta sia sulla base dell'esame dei testi normativi sia sulla base dell'interpretazione giurisprudenziale degli stessi, risulterà funzionale non solo all'acquisizione della conoscenza delle modalità di governo delle differenze e dell'effettivo grado di tutela minoritaria accordato dagli Stati presi in considerazione ma anche a sviluppare la capacità di comprensione e l'autonomia di giudizio nei confronti dei recenti fenomeni di rivendicazione di maggiore autonomia all'interno degli Stati europei (Catalogna, Scozia) ed extraeuropei o dello Stato nei confronti di organizzazioni sovranazionali (Brexit).
Risultati apprendimento attesi
Comprensione delle problematiche connesse con il governo delle differenze, apprendimento degli strumenti tecnico giuridici per la tutela delle minoranze nella loro dimensione religiosa, etnica e linguistica, acquisizione delle capacità connesse con l'individuazione delle fonti giuridiche da applicare nei casi concreti, utilizzo del linguaggio giuridico appropriato.
Programma e organizzazione didattica

Single session

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Programma
Unità 1:
Le sfide alla classificazione delle forme di Stato nell'epoca della globalizzazione, tipi di Stato (Stato unitario accentrato, regionale e federale), forme di Governo, sistemi elettorali, controllo giurisdizionale di costituzionalità e revisione costituzionale. Illustrazione e discussione di case studies concernenti le rivendicazioni di maggiore autonomia sollevate all'interno degli Stati europei (regionalismo differenziato in Italia, Catalogna in Spagna, Scozia nel Regno Unito) e la questione della Brexit.

Unità 2
L'influenza dei trattati internazionali relativi alla tutela delle minoranze nazionali, etniche e linguistiche sul diritto pubblico interno. I modelli costituzionali di tutela delle differenze in prospettiva comparata: assimilazionista, indifferenziato, promozionale, multinazionale paritario. Gli strumenti tecnico giuridici a garanzia delle minoranze etniche e linguistiche. L'affermazione del diritto alla lingua. Discussione di case studies.
Prerequisiti
Organizzazione internazionale o Sistemi giuridici comparati
Metodi didattici
Le lezioni si svolgono sulla base della didattica frontale allo scopo di trasmettere agli studenti le nozioni fondamentali del metodo comparativo e l'impiego di un linguaggio giuridico appropriato nonché sul coinvolgimento attivo degli studenti in merito a temi di attualità di interesse giuspubblicistico.
Materiale di riferimento
Studenti frequentanti:
Unità 1:
L. Pegoraro, A. Rinella, Sistemi costituzionali comparati, Giappichelli, Torino, 2017, pp. 41-158, pp. 283-334, pp. 335-440, pp. 541-581, pp. 608-641.
Unità 2:
L. Pegoraro. A. Rinella, Sistemi costituzionali comparati, Giappichelli, 2017, pp. 262-282
F. Palermo, J. Woelk, Diritto costituzionale comparato dei gruppi e delle minoranze, Cedam, Padova, 2011, pp. 1-217
I saggi ricompresi nella sezione monografica "La questione linguistica nello Stato multiculturale (a cura di D. Armirante), in DPCE, n. 4, 2016, pp. 971-1229.

Studenti non frequentanti:
Unità 1:
G. Morbidelli, L. Pegoraro, A. Rinella, M. Volpi, Diritto pubblico comparato, G.Giappichelli Editore, Torino
Unità 2:
F. Palermo, J. Woelk, Diritto costituzionale comparato dei gruppi e delle minoranze, Cedam, Padova, 2011
D. Tosi, Diritto alla lingua in Europa, Giappichelli, Torino, 2017.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
Studenti frequentanti
Ai fini della verifica delle competenze acquisite gli studenti al termine del primo modulo potranno svolgere una prova intermedia il cui esito farà media con il risultato dell' esame orale finale durante il quale verranno sottoposte tre domande (una sulla parte del primo modulo non oggetto della prova intermedia e due relative al secondo modulo) oppure potranno svolgere solo un esame orale finale relativo a tutto il programma di entrambi moduli (tre domande per il primo modulo, due domande per il secondo modulo).
Le prove scritte e orali sono finalizzate all'accertamento della conoscenza, della capacità di comprensione e dell'autonomia di giudizio sviluppate dallo studente rispetto agli argomenti trattati a lezione.

Studenti non frequentanti:
L'esame finale è orale (tre domande per il primo modulo, due domande per il secondo modulo) ed è finalizzato all'accertamento della conoscenza, della capacità di comprensione e dell'autonomia di giudizio sviluppate dallo studente sulla base dei materiali bibliografici indicati per i non frequentanti.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica 1
IUS/21 - DIRITTO PUBBLICO COMPARATO - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica 2
IUS/21 - DIRITTO PUBBLICO COMPARATO - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Angeli Arianna

Docente/i
Ricevimento:
Concordare con la docente via mail l'ora del ricevimento. I colloqui si tengono via Skype
DILHPS stanza 7
Ricevimento:
il ricevimento proseguirà ogni mercoledì via Microsoft Teams o, in alternativa, via skype dalle ore 14.00 alle ore 17.00. Il codice di accesso del Team e l'indirizzo skype sono indicati nei siti didattici di ariel relativi agli insegnamenti.