Diritto fallimentare

A.A. 2019/2020
9
Crediti massimi
63
Ore totali
SSD
IUS/15
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
All'esito del corso ci si attende dallo studente:
- conoscenza dei principi fondamentali ed informatori delle procedure concorsuali, nonché della disciplina positiva delle medesime;
- capacità di comprensione ed interpretazione delle norme, e capacità di applicazione di queste ultime a casi concreti;
- capacità di esporre le conoscenza acquisite con proprietà di linguaggio anche tecnico e coerenza logica
Risultati apprendimento attesi
Al termine del corso lo studente che abbia proficuamente appreso la materia avrà una conoscenza approfondita degli argomenti del corso, con l'acquisizione di un metodo di ragionamento idoneo ad affrontare temi giuridici legati alla disciplina della crisi di impresa.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Programma
Il corso, dedicato alla crisi di impresa, ha per oggetto lo studio del fallimento - procedura esecutiva riservata all'imprenditore commerciale insolvente, nata nel medioevo in Italia e di qui diffusasi nel resto dell'Europa e del mondo - e delle così dette procedure concorsuali minori: tra di esse il concordato preventivo (che negli ultimi anni ha assunto una particolare importanza dovuta alla sua frequente applicazione), ma anche, per cenni, l'amministrazione straordinaria delle grandi imprese insolventi (che è stata applicata ad esempio nel crac Parmalat e all'Alitalia), la liquidazione coatta amministrativa (applicabile agli istituti bancari) e la composizione della crisi da sovraindebitamento.
In particolare, il modulo da 9 crediti ha ad oggetto il fallimento ed il concordato preventivo, nonché, solo per cenni, le altre procedure concorsuali minori; il modulo da 6 crediti ha ad oggetto il solo fallimento.
Sia il corso integrale, sia il modulo ridotto sono arricchiti da un corso integrativo sulle Soluzioni negoziali della crisi d'impresa e da seminari, l'uno e gli altri facoltativi e di approfondimento.
Poiché nell'agosto del 2020 dovrà entrare in vigore il nuovo Codice della crisi dell'impresa e dell'insolvenza, il corso avrà ad oggetto anche le novità che verranno dallo stesso introdotte.
Prerequisiti
Lo studente deve essere motivato ed interessato allo studio di una disciplina non semplice ma estremamente stimolante, la quale, da un lato, si situa al crocevia tra il diritto processuale civile, il diritto privato ed il diritto commerciale (motivo per il quale sono necessarie le conoscenze basilari di queste discipline); da un altro lato trova applicazione frequentissima, anche in casi di grande rilevanza (come dimostrano ad esempio i casi Ilva e Alitalia); e da un altro lato ancora è indispensabile per chiunque intenda intraprendere la strada delle professioni forensi.
Metodi didattici
Il corso si compone di lezioni frontali, nell'ambito delle quali vengono presi in considerazione anche i risvolti pratici della disciplina (con particolare riferimento alla sua applicazione a casi concreti, spesso di rilevanza nazionale).
Al corso si affiancano un corso integrativo sulle procedure concorsuali diverse dal fallimento, ed una serie di seminari su argomenti specifici variabili di anno in anno.
Agli studenti che parteciperanno attivamente al corso integrativo o ai seminari saranno riconosciuti 3 crediti aggiuntivi.
Materiale di riferimento
A. Nigro e D. Vattermoli, Diritto della crisi delle imprese - Le procedure concorsuali, Bologna, Il Mulino, 4^ ed., 2017 (o una ulteriore edizione, laddove dovesse essere nel frattempo pubblicata).
Per coloro i quali sosterranno l'esame da 6 crediti, il programma comprende i soli Capitoli dal I al XVI compreso;
Per coloro i quali sosterranno l'esame da 9 crediti, il programma comprende i Capitoli dal I al XVII compreso (e, solo per cenni, i Capitoli XVIII-XXIV).
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
La prova finale si svolge in forma orale e la valutazione è espressa con un voto in trentesimi, con eventuale lode.
Durante il corso è effettuata una prova intermedia in forma scritta riservata ai frequentanti. Essa è relativa agli argomenti trattati a lezione ed è articolata sotto forma di questionario con domande aperte.
I criteri per la valutazione delle prove tengono conto della correttezza dei contenuti, della chiarezza argomentativa e delle capacità di analisi critica e di rielaborazione.
IUS/15 - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Siti didattici
Docente/i
Ricevimento:
Martedì ore 15.30-Si avvisano gli studenti che il prof. Angelo Castagnola non dà indicazioni per posta elettronica sul programma d¿esame. A questo fine il professore è a disposizione degli studenti nell¿orario di ricevimento.