Diritto industriale (disciplina della proprietà industriale e intellettuale)

A.A. 2019/2020
6
Crediti massimi
42
Ore totali
SSD
IUS/04
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il diritto industriale tratta della materia contenuta nel Codice della proprietà industriale (D.lgs. 10 febbraio 2005, n. 30, e successive modificazioni) e, in particolare, dei marchi d'impresa, delle invenzioni industriali, delle invenzioni biotecnologiche, dei modelli di utilità, delle denominazioni d'origine e indicazioni di provenienza, dei disegni o modelli, dei segreti aziendali e del Know how.
Le lezioni si concentrano, ad anni alterni, su alcuni di questi argomenti.
Nell'a.a. 2019-2020 il corso sarà principalmente dedicato alla disciplina dei brevetti e dei modelli di utilità.
Al termine del corso lo studente dovrà avere acquisito una buona conoscenza della disciplina italiana ed europea della proprietà industriale ed intellettuale al fine di risolvere le questioni giuridiche attraverso la rielaborazione delle nozioni apprese.
Risultati apprendimento attesi
CONOSCENZA, CAPACITÀ DI COMPRENSIONE E DI APPRENDIMENTO. Lo studente dovrà dimostrare conoscere i principi generali della proprietà industriale e la disciplina nazionale ed europea dei brevetti, dei marchi e dei segni distintivi, dei disegni e modelli.
CAPACITÀ APPLICATIVE E AUTONOMIA DI GIUDIZIO. Lo studente dovrà dimostrare di saper interpretare ed applicare, con autonomia di giudizio, le nozioni apprese durante il corso alla soluzione di casi concreti che verranno sottoposti dal docente.
ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE. Lo studente dovrà dimostrare di saper esprimere le nozioni acquisite con linguaggio giuridico appropriato e con coerenza.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
Programma
Per l'a.a. 2019-2020 l'insegnamento è principalmente dedicato allo studio della disciplina delle invenzioni industriali, delle invenzioni biotecnologiche e dei modelli di utilità. L'insegnamento avrà per oggetto: i principi e le nozioni generali, la ratio del sistema brevettuale, la nozione di invenzione brevettabile, i requisiti di brevettabilità (novità estrinseca, altezza inventiva, liceità e industrialità), i profili soggettivi del brevetto e le invenzioni dei dipendenti, il contenuto del diritto e i suoi limiti, la procedura amministrativa di concessione del titolo nazionale, europeo ed europeo con effetto unitario, la tutela giudiziaria, la differenza fra invenzioni e modelli, la disciplina delle invenzioni biotecnologiche e il nuovo sistema del brevetto europeo con effetto unitario.
Alcune lezioni verranno dedicate ai principi generali della disciplina, nazionale ed europea, dei marchi e dei segni distintivi.
Prerequisiti
Non sono richiesti prerequisiti specifici
Metodi didattici
L'insegnamento è strutturato in una prima parte generale di esposizione dei principi generali della materia e dei singoli argomenti che la compongono da parte del docente ed in una seconda parte, dedicata alla discussione di casi pratici, distribuiti agli studenti mediante il Portale Ariel, con specifici approfondimenti su questioni di attualità.
Materiale di riferimento
Sena, I diritti sulle invenzioni ed i modelli di utilità, Milano Giuffrè 2011.
Sena, Il diritto dei marchi: marchio nazionale e marchio comunitario, Milano, Giuffrè, 2007.
Sena - Giudici, Codice di diritto industriale, Milano, Giuffrè, 2019.
Gli studenti che partecipino al programma Erasmus potranno eventualmente utilizzare come testo il volume di Gustavo Ghidini, Rethinking Intellectual Property, EE Edward Elgar, 2018 (Chapters 1, 2 and 4).
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame consiste in una prova orale con l'attribuzione di voti in trentesimi. L'esame è volto a valutare le conoscenze apprese, la capacità di ragionamento critico e la qualità dell'esposizione.
IUS/04 - DIRITTO COMMERCIALE - CFU: 6
Lezioni: 42 ore
Docente: Giudici Silvia
Docente/i
Ricevimento:
Mercoledì h. 13.30
Dipartimento di Diritto Privato e Storia del Diritto - 1° piano