Diritto internazionale degli scambi e della proprietà intellettuale

A.A. 2019/2020
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
IUS/13
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
I temi nuovi e controversi che caratterizzano attualmente le relazioni fra Stati in materia economica, dunque sia le relazioni commerciali fra l'Unione europea e le differenti aree geografiche (area europea in senso ampio, transatlantica, del Pacifico, del Mediterraneo, asiatica), sia i rapporti sempre più complessi e diversificati con i paesi meno avanzati, sia ancora i rapporti con gruppi variabili di Stati che si costituiscono e si aggregano di volta in volta intorno a determinate questioni (per citarne alcune agricoltura e ogm, specifiche tecniche, misure sanitarie, brevetti, indicazioni geografiche, servizi culturali e audiovisivi) richiedono che lo studente, in particolare uno studente il quale abbia intrapreso un percorso di studi magistrali specificamente orientato al commercio internazionale preferibilmente (ma non solo) verso uno sbocco professionale con assunzione di responsabilità nel settore dei servizi, della rappresentanza degli interessi e in generale delle imprese sui mercati internazionali e in campo istituzionale per le relazioni con altri paesi, impari, anche nel campo del diritto, ad aprire la prospettiva al contesto globale, a prendere confidenza con modelli giuridici e di comportamento economico c.d. glocali, ad uscire dallo schema tradizionale strettamente domestico ed europeo e, in definitiva, a prendere atto della interdipendenza dei sistemi nazionali giuridici ed economici derivante dalla imprescindibile compenetrazione dei mercati e dalla denazionalizzazione degli attori economici, dunque della non neutralità delle (scelte) politiche nazionali in tutti i settori che incidono sugli scambi internazionali di merci e servizi. Il corso mira a fare acquisire la capacità di ricondurre le situazioni al corretto contesto normativo internazionale, a riconoscere gli interessi nazionali sottesi, a ricercare soluzioni nelle regole del diritto internazionale e secondo gli strumenti tipici del sistema WTO (primo fra tutti quello negoziale multilaterale) oppure che ad esso sono andati affiancandosi e/o sovrapponendosi. Tale obiettivo presuppone la conoscenza e la riconduzione a sistema delle norme del diritto internazionale, del diritto dell'Unione europea (per esempio con riferimento alle misure di difesa commerciale o al marchio di impresa), del diritto interno le quali, a diversi livelli e nei differenti settori di interesse (merci, servizi, proprietà intellettuale, soluzione delle controversie), da un lato incidono, limitandola, sulla sovranità degli Stati nelle materie attinenti, in senso ampio, alla circolazione internazionale delle merci e dei servizi, dall'altro impongono o quanto meno suggeriscono, nei meccanismi istituzionalizzati della cooperazione fra Stati in materia economica, la ricerca del punto di equilibrio fra interessi nazionali confliggenti e, sempre più, fra gli obiettivi di crescita economica e di tutela dei diritti e degli interessi diffusi che fanno capo alla collettività (salute, accesso alla conoscenza e alle informazioni, ambiente, diritti umani, lotta alla corruzione). Al centro del corso è posta l'Organizzazione mondiale del commercio/World Trade Organization. Lo studente acquisisce la conoscenza del diritto e della prassi WTO, dei principi ispiratori del sistema multilaterale degli scambi (primo fra tutti quello dei mutui vantaggi e degli obblighi reciproci), dei meccanismi di funzionamento di esso, la dimestichezza a inquadrare, di volta in volta, le situazioni nel corretto contesto normativo, quindi a prospettare, compatibilmente con tale sistema, le possibili soluzioni per raggiungere gli obiettivi in sede negoziale internazionale e sul piano interno.
Risultati apprendimento attesi
Non definiti
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Periodo
Primo trimestre
Programma
L'ordinamento dell'Organizzazione mondiale del commercio struttura istituzionale, Gatt e accordi in materia doganale, le misure di difesa commerciale, le misure non tariffarie, misure sanitarie e fitosanitarie e ostacoli tecnici agli scambi, l'accordo sull'agricoltura, l'accordo generale sul commercio dei servizi, proprietà intellettuale e scambi internazionali, gli appalti pubblici, gli accordi commerciali regionali, la soluzione delle controversie. Il marchio nell'unione europa (Regolamento UE 1001 del 2017).
Prerequisiti
Conoscenza delle origini, dei caratteri e della struttura della Comunità internazionale; familiarità con il diritto dei trattati, in particolare gli accordi istitutivi delle organizzazioni internazionali, con gli istituti della sovranità degli Stati, dell'illecito e della responsabilità internazionale, con il diritto dell'Unione europea con particolare riguardo alle fonti, agli Organi e alle competenze. Padronanza delle nozioni fondamentali del diritto pubblico e del diritto costituzionale. Conoscenza dei temi che caratterizzano ke attuali relazioni politiche ed economiche internazionali.
Metodi didattici
Il metodo didattico privilegia l'interazione del docente con gli studenti e quella degli studenti fra loro. Mira a sviluppare le competenze trasversali e presuppone il rigore nell'attenzione alle fonti normative e al loro corretto inquadramento sistematico. Il manuale è un riferimento centrale come pure i testi degli accordi lo sono.
Grande attenzione è data all'attualità negli scambi internazionali. Questa offre spunti di riflessioni interessanti. Globalizzazione, complessità e interculturalità caratterizzano il contesto. Il ricorso alle restrizioni unilaterali degli scambi, il nuovo bilateralismo, le misure sanitarie sono al centro dell'attenzione nel corso e nel dibattito che può svilupparsi anche attraverso una metodologia didattica a distanza.
Le lezioni digitali imposte dalla attuale contingenza sanitaria rappresentano sono un limite rispetto ad alcune potenzialità delle lezioni in presenza ma permettono una attenzione one by one quindi un training mirato dello studente.
Materiale di riferimento
Venturini, a cura di, L'Organizzazione mondiale del commercio, terza edizione, Giuffrè, Milano, 2015.
Gli accordi e i documenti pubblicati nella seconda parte del volume costituiscono un imprescindibile completamente e supporto allo studio. Essi devono essere consultati durante l'apprendimento.
Regolamento UE . 1001 del 2017 sul marchio dell'Unione europea (Piattaforma MS Teams)
Almeno 2 sentenze sul marchio dell'Unione europea (Piataforma MS Teams)
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'apprendimento è verificato in più momenti durante il corso. vi sono due prove orali una intermedia e una finale. La prova intermedia è facoltativa e si svolge intorno alla quinta settimana del corso. Oggetto della prova sono le parti del programma relative alle origini e alle competenze dell'OMC/WTO nonché i saggi relativi alla circolazione delle merci. Costituiscono oggetto di verifica anche il tema delle forme di integrazione regionale con particolare riferimento agli accordi di ultima generazione e alle tendenze bilateraliste. La prova dà luogo a una valutazione in 30esimi e pesa fino a metà del voto finale.
Gli studenti che superano con profitto la prova facoltativa possono partecipare a lavori di gruppo(5 studenti per gruppo) incentrati sull'esame di casi degli organi contenziosi dell'OMC. La buona gestione del tempo a disposizione (5 minuti), la capacità di selezionare pochi punti di attenzione, la conoscenza delle fonti e dei temi trattati a lezione, l'apporto personale nel tracciare il contesto generale, la capacità comunicativa e di attenta gestione dell'aula durante la presentazione entrano nella valutazione del risultato. La presentazione pesa 1/4 del voto voto finale. La seconda parte della verifica è orale e riguarda i diritti di proprietà intellettuale nel commercio internazionale e gli scambi dei servizi. E' oggetto di verifica anche il Regolamento UE 1001 del 2017 sul marchio dell'Unione europea, in particolare il Preambolo e gli argomenti trattati nei primi 50 articoli. I testi normativi di riferimento sono disponibili sulla piattaforma MS Teams come pure 2 sentenze utili per l'approfondimento.
IUS/13 - DIRITTO INTERNAZIONALE - CFU: 9
Lezioni: 60 ore
Docente/i
Ricevimento:
giovedì dalle 11.00 alle 13.00. Prego di contattarmi via mail per prendere l'appuntamento.
In remoto piattaforma MSTeams oppure Skype.