Sociologia dello sviluppo economico locale

A.A. 2019/2020
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
SPS/09
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento fornisce le conoscenze e gli strumenti analitici fondamentali per comprendere i fattori che influenzano le dinamiche dello sviluppo locale, con particolare riferimento agli aspetti istituzionali, alle reti di collaborazione fra le imprese e al sistema dell'innovazione, e alla crescente interdipendenza globale dei sistemi di produzione. Una specifica attenzione è dedicata all'analisi del caso dei distretti industriali italiani e alle loro trasformazioni dagli anni settanta a oggi, nonché all'analisi della recente affermazione della "economia della cultura e della conoscenza", in particolare nelle aree urbane.
Risultati apprendimento attesi
Al termine del corso, lo studente dovrà conoscere e sapere presentare i fattori principali che influenzano i percorsi di sviluppo locale all'interno dell'economia globale, con particolare riferimento al ruolo delle istituzioni sociali e politiche, delle reti di collaborazione fra imprese e del sistema dell'innovazione. Saprà applicare lo schema concettuale sviluppato durante il corso a casi concreti. Conoscerà l'origine e le trasformazioni recenti dei sistemi distrettuali italiani e le caratteristiche principali dell'economia della cultura e della conoscenza in ambito urbano.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo trimestre
Programma
Per gli studenti frequentanti:
I fattori dello sviluppo economico locale. I beni collettivi locali per la produzione: Cosa sono, come si producono? Le teorie della agglomerazione delle attività produttive. I distretti industriali in Italia: La 'Terza Italia' e le trasformazioni del modello distrettuale. Innovazione e ricerca in Italia. Immigrazione e sistema produttivo in Italia. Città ed economia globale.

Per gli studenti non frequentanti:
I fattori dello sviluppo economico locale. I beni collettivi locali per la produzione: Cosa sono, come si producono? Le teorie della agglomerazione delle attività produttive. I distretti industriali in Italia: La 'Terza Italia' e le trasformazioni del modello distrettuale. Innovazione e ricerca in Italia. La rappresentanza degli interessi in Italia. Immigrazione e sistema produttivo in Italia. Economia, ambiente, sostenibilità. Città ed economia globale.
Prerequisiti
Gli studenti devono avere una conoscenza generale delle questioni relative allo sviluppo economico e alle politiche dello sviluppo. Per gli studenti del corso di laurea, tale conoscenza è assicurata dagli insegnamenti di Politica, istituzioni e sviluppo (primo anno) e di Istituzioni di economia (secondo anno).
Metodi didattici
L'insegnamento è impartito prevalentemente attraverso lezioni frontali. Durante l'insegnamento, gli studenti sono invitati a svolgere al di fuori dell'orario di lezione e in autonomia alcune esercitazioni per verificare l'apprendimento. Le esercitazioni sono poi discusse in classe in lezioni dedicate. Oltre alle letture obbligatorie, agli studenti sono proposte letture integrative per approfondire alcuni argomenti. La partecipazione attiva durante le lezioni con domande e risposte è incoraggiata. La frequenza è fortemente consigliata.
Materiale di riferimento
Per gli studenti frequentanti:
-Perulli, P., Pichierri, A. (a cura di), La crisi italiana nel mondo globale. Economia e società del Nord, Torino, Einaudi [capp. "La crisi italiana e il Nord", "I territori delle imprese nell'economia globale", "Innovazioni senza sistemi", Sviluppo senza ricerca", "Le radici sociali dell'immigrazione", "Il Nord: una città regione globale?"].
-Letture assegnate dal docente durante il corso.
-Allen J. Scott, Città e regioni nel nuovo capitalismo. L'economia sociale delle metropoli, Bologna, Il Mulino, 2011.

Per gli studenti non frequentanti:

Per gli studenti non frequentanti:
-Perulli, P., Pichierri, A. (a cura di), La crisi italiana nel mondo globale. Economia e società del Nord, Torino, Einaudi.
-Allen J. Scott, Città e regioni nel nuovo capitalismo. L'economia sociale delle metropoli, Bologna, Il Mulino, 2011.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
La verifica dell'apprendimento prevede una prova scritta finale con domande aperte. La valutazione dell'elaborato scritto avviene secondo i seguenti criteri: capacità di rispondere in maniera puntuale alla domanda; chiarezza e completezza dell'esposizione; capacità di utilizzare in modo appropriato i concetti rilevanti; capacità di rielaborare in modo originale e critico quanto appreso. Per gli studenti frequentanti, è prevista una prova dedicata. Il voto finale è in trentesimi ed è comunicato automaticamente dal sistema d registrazione.
SPS/09 - SOCIOLOGIA DEI PROCESSI ECONOMICI E DEL LAVORO - CFU: 6
Lezioni: 40 ore
Docente/i
Ricevimento:
Durante il periodo di sospensione della didattica frontale a causa dell'emergenza Coronavirus, il ricevimento studenti avviene per appuntamento via Microsoft Teams, senza vincolo di giorno e orario. Scrivere a roberto.pedersini@unimi.it
Dipartimento di Scienze sociali e politiche - stanza 311 - 3° piano - via Conservatorio 7