Sociologia dell'organizzazione

A.A. 2019/2020
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
SPS/09
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento si propone di fornire agli studenti le conoscenze teoriche e metodologiche per analizzare in una prospettiva sociologica le organizzazioni, la pluralità delle loro strutture e le loro logiche di comportamento. Adottando un taglio di tipo storico, offre una rassegna critica delle principali teorie e approcci sociologici allo studio delle organizzazioni, con l'obiettivo di fornire agli studenti gli strumenti indispensabili per cogliere la complessità dei processi organizzativi, sia nelle organizzazioni industriali che in quelli di servizi, pubbliche e private. Particolare attenzione verrà posta, da un lato, allo studio del rapporto tra individuo e organizzazione, dall'altro, a quello della relazione tra organizzazione e ambiente, mettendo in grado gli studenti di analizzare criticamente due tra le dimensioni principali dei fenomeni organizzativi.
Risultati apprendimento attesi
Gli studenti devono essere in grado di analizzare e interpretare autonomamente regole, strutture, comportamenti e processi organizzativi. Dovranno acquisire le competenze utili ad analizzare il funzionamento di organizzazioni pubbliche e private, operanti nel settore industriale e dei servizi, identificando alcune problematiche tipiche di tali organizzazioni e proponendo possibili soluzioni. È inoltre richiesta l'acquisizione di adeguate abilità comunicative, con particolare riguardo all'utilizzo del linguaggio specifico della teoria delle organizzazioni, in modo tale da permettere agli studenti di descrivere i fenomeni organizzativi, nonché di discutere e argomentare le proprie opinioni e tesi in merito a temi e situazioni, proposte dalla letteratura o osservabili nella realtà, connesse a questo ambito di studi. Infine, tra i risultati di apprendimento attesi dall'insegnamento, vi è lo sviluppo della capacità di approfondire autonomamente le tematiche inerenti gli studi organizzativi.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo trimestre
Programma
Definizioni di organizzazione. La scuola classica dell'organizzazione: Taylor e Weber. I limiti della scuola classica: Merton e le conseguenze inattese della burocrazia. La critica della burocrazia di Crozier. La crisi dell'organizzazione taylor-fordista. Dal fordismo ai nuovi modelli produttivi. L'approccio istituzionalista nella sociologia dell'organizzazione: vecchio e nuovo istituzionalismo. Le teorie economiche dell'organizzazione: la teoria dei costi di transazione di Williamson; Ouchi e il concetto di clan.
Prerequisiti
Non è richiesta la frequenza preliminare di altri corsi prima di Sociologia dell'organizzazione.
Metodi didattici
L'insegnamento è svolto mediante lezioni frontali, con la presentazione e discussione di casi studio. Gli studenti saranno stimolati ad analizzare situazioni organizzative tratte dall'esperienza empirica, proponendo possibili soluzioni alle criticità emerse.
Materiale di riferimento
1) Bonazzi G., Come studiare le organizzazioni, Bologna, Il Mulino, 2006 (tutto il volume tranne il cap. V)
2) Bonazzi G., Storia del pensiero organizzativo, Milano, Franco Angeli, 2008, ultima edizione (solo i due capitoli relativi rispettivamente al taylorismo e al modello di produzione giapponese)
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
La prova d'esame è scritta e si compone di 9-10 domande, di cui 2-3 a risposta multipla e 7-8 aperte. La prova ha una durata di un'ora. Non è prevista prova orale
La prova d'esame comprende domande relative sia agli approcci teorici illustrati durante il corso e nei testi indicati come materiali di riferimento, sia a casi studio o esempi di situazioni organizzative prese in esame durante il corso. La prova è volta a verificare:
- la conoscenza e capacità di comprensione delle teorie illustrate nel corso, tali che gli studenti siano in grado di cogliere la complessità delle organizzazioni e di analizzarne regole, strutture, comportamenti e processi;
- l'acquisizione di competenze adeguate ad analizzare il funzionamento delle organizzazioni pubbliche e private, operanti nel settore industriale e dei servizi, identificando alcune problematiche tipiche di tali organizzazioni e proponendo possibili soluzioni;
- l'acquisizione di abilità comunicative, con particolare riguardo all'utilizzo del linguaggio specifico della sociologia dell'organizzazione, per descrivere i fenomeni organizzativi e discutere temi e situazioni, proposte dalla letteratura o osservabili nella realtà, connesse a questo ambito di studi;
- lo sviluppo di capacità di apprendimento relative ai comportamenti, processi e fenomeni organizzativi, tali da consentire agli studenti di approfondire le tematiche ad essi inerenti in modo autonomo.
SPS/09 - SOCIOLOGIA DEI PROCESSI ECONOMICI E DEL LAVORO - CFU: 6
Lezioni: 40 ore
Docente: Neri Stefano
Docente/i
Ricevimento:
Mercoledì 27 maggio, via skpe, dalle ore 11 alle ore 14. Si prega di scrivere al docente via e-mail, entro le ore 10.30 del giorno del ricevimento, indicando un recapito skype. Sarete contattati via skype dal docente in orario di ricevimento
Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche - Stanza 6. Palazzina nuova (stesso edificio delle aule 10, 11, 12, 13).