Globalizzazione, pluralismo normativo e devianza sociale

A.A. 2020/2021
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
SPS/12
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Scopo del corso è di fornire agli studenti e alle studentesse una generale comprensione dei concetti di globalizzazione giuridica e di pluralismo normativo. Dentro questa cornice teorica, il corso si propone inoltre di approfondire una macro-tematica particolarmente influenzata dalle dinamiche di globalizzazione e pluralismo nelle società contemporanee, ovvero il rapporto tra diritto, diritti e diversità culturale.
Risultati apprendimento attesi
- Conoscenza e capacità di comprensione dei concetti di globalizzazione giuridica e di pluralismo normativo;
- Capacità di applicare le conoscenze acquisite all'analisi della regolazione giuridica nelle società contemporanee;
- Capacità di analizzare criticamente e con autonomia l'impatto delle dinamiche di globalizzazione del diritto e di pluralismo normativo sui diritti fondamentali;
- Capacità di esprimere le conoscenze acquisite con coerenza argomentativa e proprietà di linguaggio;
- Capacità di intraprendere studi approfonditi sul rapporto tra globalizzazione, pluralismo e diritto, attraverso l'acquisizione di un metodo di studio che sappia coniugare analisi teorica e osservazione critica.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Terzo trimestre
Nell'ipotesi in cui la fase emergenziale, dovuta alla pandemia da Covid-19, continuasse nel terzo semestre dell'a.a. 2020-2021, le lezioni si svolgeranno in streaming su Microsoft Teams.
Ulteriori informazioni verranno pubblicate prima dell'inizio del semestre e verranno indicate sul sito ARIEL del corso che si raccomanda di consultare regolarmente.
Programma
Il corso è diviso in due parti.
Prima parte: Il diritto nella prospettiva delle scienze sociali; globalizzazione e globalizzazione del diritto; pluralismo giuridico e normativo: teorie e ambiti di ricerca; globalizzazione, pluralismo e diritti umani.
Seconda parte: Diritto, immigrazione e diversità culturale; produzione, applicazione e interpretazione delle norme giuridiche nelle società multiculturali.
Prerequisiti
Non sono richieste conoscenze preliminari.
Metodi didattici
Lezioni frontali, discussione, seminari di approfondimento. È previsto l'utilizzo di slides in PowerPoint che verranno caricate sulla piattaforma Ariel.
Materiale di riferimento
Studenti frequentanti:
- M. Vogliotti (a cura di), Saggi sulla globalizzazione giuridica e il pluralismo normativo. Estratti da "Il tramonto della modernità giuridica. Un percorso interdisciplinare", Giappichelli, Torino 2013
- L. Mancini, La diversità culturale tra diritto e società, Franco Angeli, Milano, 2018.
- Appunti, slides e materiale indicato durante il corso.

Studenti non frequentanti:
- M. Vogliotti (a cura di), Saggi sulla globalizzazione giuridica e il pluralismo normativo. Estratti da "Il tramonto della modernità giuridica. Un percorso interdisciplinare", Giappichelli, Torino 2013.
- L. Mancini, La diversità culturale tra diritto e società, Franco Angeli, Milano, 2018.
- V. Ferraris, Immigrazione e criminalità, Carocci, Milano 2012.

Studenti Erasmus: Vengono forniti materiali specifici se richiesti.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
Studenti frequentanti:
L'esame verte sul contenuto delle lezioni e sui testi indicati.
In alternativa agli appelli ordinari in forma orale studenti e studentesse frequentanti hanno la possibilità di sostenere l'esame optando per una prova scritta che si svolgerà alla fine del corso. Il voto finale potrà essere modificato, nel massimo di due punti, in positivo o in negativo, sostenendo una prova orale facoltativa sull'intero programma previsto per studenti e studentesse frequentanti.
La prova scritta consiste in una serie di domande a risposta aperta.
La frequenza è documentata e per risultare frequentanti è necessario avere partecipato al 70% delle lezioni. La valutazione è espressa con un voto in trentesimi, con eventuale lode.
Studenti non frequentanti: l'esame verte sui testi indicati e consiste in una prova orale. La valutazione è espressa con un voto in trentesimi, con eventuale lode.
I criteri di valutazione tengono conto della conoscenza delle tematiche fondamentali relative al rapporto tra globalizzazione, pluralismo e diritto, delle capacità di analisi critica e della chiarezza dell'esposizione.
SPS/12 - SOCIOLOGIA GIURIDICA, DELLA DEVIANZA E MUTAMENTO SOCIALE - CFU: 6
Lezioni: 40 ore
Docente/i
Ricevimento:
10.00-13.00
Dipartimento Cesare Beccaria - Sezione di Filosofia e Sociologia del Diritto
Ricevimento:
Il ricevimento si svolge sulla piattaforma di Microsoft Teams (codice del Team: syd99y3) il mercoledì alle ore 11.30 previo appuntamento preso via mail: letizia.mancini@unimi.it
Dipartimento di Scienze Giuridiche 'Cesare Beccaria', Sezione di Filosofia e Sociologia del diritto