Teorie dei diritti fondamentali

A.A. 2020/2021
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
IUS/20
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento si propone di introdurre al linguaggio, alla storia e alle teorie dei diritti fondamentali fornendo così basi concettuali e competenze linguistiche importanti per lo studio delle questioni concernenti l'attuazione e la tutela di specifici diritti affrontate in altri insegnamenti del curriculum. Particolare attenzione sarà rivolta alle questioni connesse all'internazionalizzazione dei diritti.
Risultati apprendimento attesi
-Conoscenza e comprensione delle nozioni di diritti soggettivi, fondamentali e umani, loro contetsualizzazione in prospettiva storica a partire dalla loro teorizzazione, passando per la loro positivizzazione fino ai processi più recenti di moltiplicazione e internazionalizzazione;
-conoscenza e comprensione delle principali questioni al centro del dibattito contemporaneo concernenti il fondamento dei diritti, la loro attuazione, i problemi della loro ineffettività e della conciliazione tra universalità dei diritti e diversità culturale;
- capacità di applicare conoscenze e comprensione all'analisi dei processi contemporanei di trasformazione e proliferazione dei diritti a livello nazionale, internazionale e sovranazionale;
- capacità di applicare le conoscenze acquisite all'analisi e alla discussione di specifici casi giuridici che sollevano il problema del conflitto tra diritti fondamentali e del loro bilanciamento.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo trimestre
Programma
Il corso sarà organizzato in due unità didattiche di dieci lezioni ciascuna.
La prima unità didattica esaminerà i diritti fondamentali come istituto del diritto positivo, alternando lezioni storiche e lezioni teoriche. Nelle lezioni storiche verranno trattati i seguenti temi: il passaggio dalle teorie del diritto naturale alle teorie dei diritti; le prime carte dei diritti, dalla Magna Carta alla Dichiarazione francese del 1789; il processo di positivizzazione dei diritti; le critiche ottocentesche alla nozione di diritti naturali; l'affermazione dei diritti delle donne e dei diritti dei lavoratori; la progressiva espansione dei soggetti titolari dei diritti fondamentali e dell'insieme di quei diritti; la costituzionalizzazione e l'internazionalizzazione dei diritti fondamentali. Nelle lezioni teoriche verranno trattati i seguenti argomenti: il concetto di diritti fondamentali in relazione alla categoria più generale dei diritti soggettivi; la funzione dei diritti fondamentali nello Stato di diritto costituzionale; il rapporto tra diritti fondamentali e democrazia; i possibili conflitti tra diritti fondamentali e le strategie per la loro soluzione; il rapporto tra i diritti fondamentali, liberalismo ed eguaglianza.
Nel corso della seconda unità didattica verranno esaminate questioni relative alla giustificazione dei diritti fondamentali. Verranno inoltre trattate questioni centrali nel dibattito contemporaneo dalla prospettiva dei diritti fondamentali, tra le quali: il diritto fondamentale alla sovranità personale; il rapporto tra diritti di libertà e sicurezza personale; il fondamento e i limiti delle libertà di parola e di stampa; il rapporto tra libertà di coscienza, laicità, tolleranza e neutralità; lo statuto di diritto fondamentale del diritto di immigrare; i diritti fondamentali delle minoranze culturali; le tensioni tra i diritti delle donne e i diritti delle culture.

Il programma per non frequentanti prevede lo studio di tre volumi: i primi due volumi, che corrispondono alla prima unità didattica del corso, considerano i diritti fondamentali come istituto del diritto positivo, sia in una prospettiva storica sia in una prospettiva teorica. Il terzo volume, che gli studenti potranno scegliere da una lista di proposte, sviluppa alcuni dei temi affrontati nella seconda unità didattica del corso.
Prerequisiti
Non sono richieste conoscenze preliminari.
Metodi didattici
Per gli studenti frequentanti l'attività didattica prevede lezioni frontali e discussioni in classe, nonché la lettura dei testi indicati nella sezione del programma relativa al materiale di riferimento. Potranno anche essere previste delle presentazioni in classe.
Gli studenti non frequentanti dovranno prepararsi per l'esame studiando i testi indicati nella sezione del programma relativa al materiale di riferimento.
Materiale di riferimento
Frequentanti

a) Facchi, A., Breve storia dei diritti umani. Dai diritti dell'uomo ai diritti delle donne, Il Mulino, Bologna, 2013.
b) Marshall, T.H., Cittadinanza e classe sociale, Laterza, Roma-Bari, 2002, pp. 1-89.*
c) Gli appunti presi e i testi indicati durante le lezioni.

I testi indicati con un asterisco (*) saranno resi disponibili via Ariel.

Non frequentanti

a) Facchi, A., Breve storia dei diritti umani. Dai diritti dell'uomo ai diritti delle donne, Il Mulino, Bologna, 2013.
b) Pino, G., Il costituzionalismo dei diritti, Il Mulino, Bologna, 2017.
Un testo a scelta tra i seguenti:
c1) Facchi, A. I diritti nell'Europa multiculturale, Laterza, Roma-Bari, 2007.
c2) Nussbaum, M.C., Diventare persone. Donne e universalità dei diritti, Il Mulino, Bologna, 2001.
c3) Okin, S.M., Diritti delle donne e multiculturalismo, Cortina, Milano, 2007.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
Per sostenere l'esame da frequentanti è richiesta la frequenza di 4/5 delle lezioni.
Per i frequentanti l'esame, che verterà sul contenuto delle lezioni e sui testi indicati nelle sezioni relative del programma, consisterà in un'unica prova scritta, obbligatoria, e in una prova orale, facoltativa, che potrà modificare al massimo di due punti, in positivo o in negativo, il risultato della prova scritta.
Potrà essere prevista una presentazione in classe durante le lezioni.

Per i non frequentanti l'esame, che verterà sui testi indicati nelle sezioni relative del programma, consisterà in un'unica prova scritta, obbligatoria, e in una prova orale, facoltativa, che potrà modificare al massimo di due punti, in positivo o in negativo, il risultato della prova scritta.
Moduli o unità didattiche
Unità didattica 1
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unità didattica 2
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Docente/i
Ricevimento:
Il ricevimento si terrà, su appuntamento, in presenza o via Microsoft Teams il martedì a partire dalle 14,30 o in altri orari da concordare. Per appuntamenti e informazioni scrivere a [email protected]
Ufficio 207, Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, via Conservatorio 7, Milano.