Geografia storica del mondo antico

A.A. 2021/2022
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
L-ANT/02
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento si propone di fornire allo studente gli strumenti per comprendere gli aspetti geografici principali del mondo antico, considerati sul piano sincronico e diacronico. Lo studio antologico delle fonti (letterarie, documentarie e cartografiche) completeranno la conoscenza dello studente nell'ambito del Mediterraneo antico, dal Vicino Oriente a Roma.
Risultati apprendimento attesi
Laurea triennale
CONOSCENZE: alla fine del Corso, gli studenti conosceranno le fonti esaminate in modo analitico e nel loro contesto; lo svolgimento storico della Geografia greco-romana fino alle soglie del Medioevo; i temi principali anche in un'ottica interdisciplinare.
COMPETENZE: gli studenti sapranno esprimersi su temi geografici in modo appropriato e con un lessico specifico; sapranno impiegare concetti di base quali: oikoumene, spazio odologico, klimata, latitudine e longitudine. Saranno in grado di usare gli strumenti bibliografici di base.
Laurea magistrale
CONOSCENZE: alla fine del Corso, gli studenti padroneggiano in modo critico le fonti esaminate (eventualmente, anche nella lingua originale); conoscono i problemi aperti della disciplina, anche in riferimento ai maggiori studi internazionali.
COMPETENZE: gli studenti sanno usare le diverse fonti (letterarie, archeologiche) in modo comparativo; sanno organizzare una bibliografia scientifica su un tema dato; sanno impostare una ricerca autonoma, anche in vista della tesi.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
Programma
Il Corso si articola in tre Parti. La I Parte studia la storia della Geografia antica e la geografia degli Storici attraverso le fonti : una scelta antologica di Autori greci e romani, letti e commentati.
Due i filoni: la geografia descrittiva, da Omero, i Peripli, Erodoto, Polibio, Strabone, Plinio il Vecchio, Dionisio il Periegeta; la geografia scientifica con Eratostene e Claudio Tolomeo.
La II Parte presenta la cartografia antica, o meglio i reperti superstiti dal Vicino Oriente Antico alla Tabula Peutingeriana, attraverso immagini e testi. In particolare, si esaminano: le tavolette-mappa dalla Mesopotamia, la cosiddetta Carta delle Miniere d'oro (Papiro torinese), l'ostracon di Soleto, alcuni papiri di epoca greco-romana con planimetrie, il cosiddetto Papiro di Artemidoro, la Forma Urbis Romae, lo stadiasmos Patarensis, il cosiddetto Scudo di Dura Europos, la Mappa di Madaba, Cosma Indicopleuste, la Tabula Peutingeriana. Accanto alle "Carte" degli antichi, si studiano le testimonianze letterarie (e non solo) sul loro uso effettivo nella realtà quotidiana e le successive interpretazioni nella critica storiografica dal XIX secolo ad oggi.
La III Parte studia le forme e i modi del viaggio attraverso alcuni testi papiracei (greci) di epoca romana.
Per capire come le persone viaggiavano nella pratica quotidiana, come "trovavano la loro strada", saranno presi in considerazione alcuni itinerari:
tra i quali, il viaggio d'affari di Theophanes nei Papiri Rylands 627, 628 e 638.
I testi saranno presentati sia nella lingua originale sia in traduzione, tuttavia, agli studenti magistrali antichisti ne è raccomandato lo studio in greco.
Prerequisiti
Non sono richieste conoscenze preliminari, tuttavia, è consigliabile una conoscenza di base della storia antica.
Metodi didattici
Lezioni frontali, completate da immagini e audio (powerpoint e podcast), links a documenti su casi di studio; discussioni nel Forum del sito Ariel (https://ariel.unimi.it/).
Tutti i materiali e informazioni aggiornate saranno date sul sito Ariel (e per le notizie anche via mail al Gruppo-classe, durante tutto il Corso).
Materiale di riferimento
Le Indicazioni bibliografiche per l'esame sono diverse per gli studenti frequentanti e per gli studenti non-frequentanti. Le Fonti e le Letture proposte nelle Lezioni entrano nel Programma d'esame.
Tutti gli studenti Magistrali devono concordare con la Docente una parte integrativa.

STUDENTI FREQUENTANTI
Parte I
Oltre agli Appunti del Corso, per la parte di questa disciplina concernente la storia della geografia antica (Parte istituzionale) scegliere uno tra questi due testi:

- S. BIANCHETTI, Geografia storica del mondo antico, Bologna, Monduzzi editore, 2008

- F. CORDANO, La geografia degli antichi, Roma-Bari, Laterza, 2006.

Lo studio di ogni parte del Programma dovrà essere completato dall'uso di un Atlante storico del mondo antico. Si consiglia:
- G. ARRIGONI (a cura di), A. van Kampen, Orbis terrarum antiquus. Atlante storico del mondo antico, Bergamo, Sestante edizioni, 2010.

Parte II
Oltre agli Appunti del Corso:
- H.J. GEHRKE, Antiche rappresentazioni dello spazio e imperialismo romano, articolo da "Geographia antiqua" 16-17, 2007-08, pp. 61-71 (periodico disponibile sia online, sia nella Biblioteca Sottocrociera)

- P. JANNI, Meglio piatta che sferica. Cosmologia arcaica e propaganda imperiale, articolo da "Geographia antiqua" 18, 2009, pp. 107-122

- F. PRONTERA, Il Mediterraneo: scoperta e rappresentazione, articolo da "Geographia antiqua" 16-17, 2007-08, pp. 41-59.

Parte III
Gli Appunti del Corso, che comprenderanno anche i testi su papiro esaminati a lezione.

Programma per gli STUDENTI NON-FREQUENTANTI
Parti I e II:
Oltre a tutto quello che è indicato sopra alle parti I e II,
aggiungere:
Appunti di cartografia dal sito ARIEL, ovvero, preparare le lezioni dalla n. 11 alla 21 comprese;

Per la parte III:
scegliere due contributi dal volume:
- F. PRONTERA, Geografia e storia nella Grecia antica, Firenze 2011 (reperibile nella Biblioteca SA.FM e anche online, con licenza limitata, attraverso il catalogo delle Biblioteche di Ateneo);

OPPURE, preparare i due capitoli seguenti dal volume:
- D. JOUANNA, Vicino, lontano. Come i Greci vedevano il mondo. Roma 2020, il cap. 3 (Immaginare l'altrove, pp. 35-44) e il cap. 10 (Fantasticherie sui mondi conosciuti e sconosciuti, pp. 165-182), libro disponibile presso la Biblioteca SA.FM.;

OPPURE, preparare i due articoli seguenti:
- G. AMIOTTI, I precursori di Cristoforo Colombo nell'Atlantico e la cultura classica del grande navigatore,
da "Aevum" 68, 1994, pp. 425-437;
- A.GALLIA, La descrizione geografica del Nilo in età moderna sulle orme di Erodoto, da "Africa" 64, 2009, pp. 206-222, (entrambi sono caricati nel sito Ariel dell'insegnamento).
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
La verifica consiste in un'interrogazione e discussione su un argomento (un problema, una fonte letteraria o documentaria, un Autore greco o latino di Geografia antica) dalle Lezioni o dai testi elencati nel Programma. Il voto dell'esame è in trentesimi.
I criteri di valutazione per lo studente del triennio sono: la conoscenza degli argomenti, la completezza espositiva, la proprietà del lessico specialistico. Per lo studente magistrale si valutano anche l'efficacia dell'esposizione, la capacità critica, la sicurezza nel confrontarsi con le fonti antiche (anche in lingua originale).
Gli studenti internazionali o Erasmus Incoming sono invitati a prendere contatto tempestivamente con la docente titolare del Corso. Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-ANT/02 - STORIA GRECA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-ANT/02 - STORIA GRECA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-ANT/02 - STORIA GRECA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Docente/i
Ricevimento:
In presenza è sospeso. Colloqui via Teams: il giov. alle 16.30. Sempre attiva la mail.
Oltre a Teams, i colloqui si tengono anche su Skype (previo appuntamento).