Giustizia amministrativa (of2)

A.A. 2021/2022
9
Crediti massimi
63
Ore totali
SSD
IUS/10
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Obiettivo formativo dell'insegnamento è sviluppare conoscenze relative agli istituti fondamentali del sistema di giustizia amministrativa, con un'attenzione particolare ai profili di maggiore complessità e problematicità.
Tale obiettivo è perseguito presentando i tratti caratteristici della tutela delle persone, formazioni sociali e imprese nei confronti della pubblica amministrazione e la disciplina del processo amministrativo, nella loro articolazione sistematica, nelle loro origini storiche e nel loro significato concreto.
L'approfondimento dell'operatività degli istituti, di eventuali contrasti giurisprudenziali e della conformità ai principi costituzionali delle soluzioni prospettate consentirà di acquisire un metodo di ragionamento idoneo ad affrontare temi giuridici più specifici e complessi rispetto alle nozioni istituzionali della giustizia amministrativa.
Risultati apprendimento attesi
L'insegnamento, in conformità con le indicazioni fornite dai descrittori di Dublino, mira a far conseguire agli studenti una conoscenza dei caratteri del sistema di giustizia amministrativa e dei problemi giuridici che esso pone, nonché delle ragioni di fondo dei diversi istituti.
Le lezioni si fondano su materiali normativi, testi giurisprudenziali e riflessioni dottrinali e richiedono allo studente lo sviluppo di capacità di ascolto, attenzione, comprensione e analisi delle nozioni presentate, nonché l'elaborazione di posizioni critiche rispetto ai problemi approfonditi.
È altresì necessario che lo studente sia in grado di formulare opinioni personali in riferimento ai temi oggetto del corso, sostenendole sulla base di argomentazioni logiche e giuridiche.
Ancora, lo studente deve dimostrare di saper esprimere le nozioni acquisite con proprietà di linguaggio, coerenza argomentativa e rigore sistematico.
Infine, è naturalmente richiesta la padronanza dei profili di maggiore rilievo della materia e la conoscenza dei singoli istituti alla luce del quadro normativo di riferimento italiano e sovranazionale.
Programma e organizzazione didattica

Cognomi A-C

Responsabile
Periodo
Primo semestre
In relazione alle modalità di erogazione delle attività formative per l'A.A. 2021/21 verranno date indicazioni più specifiche nel prossimi mesi, in base all'evoluzione della situazione sanitaria
Programma
- Origini e sviluppo del sistema italiano di giustizia amministrativa
- I principi costituzionali sulla tutela giurisdizionale del cittadino nei confronti della pubblica amministrazione
- L'influenza della Convenzione Europea dei diritti dell'Uomo e del diritto dell'Unione Europea sulla tutela del cittadino nei confronti della pubblica amministrazione
- I bisogni di tutela e le situazioni giuridiche soggettive (diritto soggettivo e interesse legittimo)
- Unicità e pluralità delle giurisdizioni
- I criteri di riparto tra le giurisdizioni; in particolare i criteri di riparto tra giudice ordinario e giudice amministrativo
- La giurisdizione del giudice ordinario nei confronti della pubblica amministrazione
- La giurisdizione del giudice amministrativo: giurisdizione generale di legittimità, esclusiva e di merito
- Le forme di tutela e la tipologia delle azioni nel processo amministrativo: di annullamento, di condanna, di adempimento, avverso il silenzio inadempimento, di nullità e di accertamento
- Le parti del processo amministrativo
- La legittimazione e l'interesse a ricorrere
- Il giudizio davanti ai Tribunali Amministrativi Regionali
- Il ricorso introduttivo e l'oggetto del giudizio
- Il ricorso incidentale
- La tutela cautelare
- L'istruttoria
- La sentenza e le impugnazioni
- Il giudicato amministrativo
- L'esecuzione della sentenza
- I riti speciali
- I ricorsi amministrativi
- I metodi alternativi di soluzione delle controversie
Prerequisiti
Come da regolamento didattico del corso di laurea; in particolare sono propedeutici il superamento e la registrazione degli esami di Istituzioni di diritto privato, Diritto costituzionale, Diritto processuale civile e Diritto amministrativo
Metodi didattici
Durante le lezioni frontali verrà fatto riferimento ai testi normativi, ai precedenti giurisprudenziali più significativi, alle riflessioni dottrinali e, talvolta, anche ad atti processuali, così da permettere allo studente una diretta conoscenza e utilizzazione degli strumenti di lavoro utilizzati per la soluzione delle controversie tra cittadino e pubblica amministrazione.
Le lezioni offrono un quadro degli argomenti indicati nel programma; la frequenza permette di sviluppare le competenze e offrire le conoscenze necessarie ai fini del proficuo superamento dell'esame.
Sono raccomandati lo studio e l'approfondimento individuale da svolgere nello stesso periodo in cui si svolgono le lezioni in modo che l'apprendimento avvenga giorno per giorno essenzialmente attraverso la frequenza e lo studio contestuale dei singoli argomenti.
Potranno essere invitati a tenere alcune lezioni dell'insegnamento altri docenti o esperti, in modo tale da offrire agli studenti frequentanti ulteriori contributi o spunti di interesse.
L'organizzazione, in via telematica, di seminari, esercitazioni o convegni di approfondimento di tematiche legate all'insegnamento verrà puntualmente segnalata agli studenti frequentanti, in modo da favorire la partecipazione degli interessati.
Sul sito web dell'insegnamento nel portale didattico on line di Ateneo Ariel (ariel.unimi.it) sono pubblicati il calendario delle lezioni con i relativi argomenti e gli avvisi relativi a eventuali variazioni, i materiali di accompagnamento delle lezioni orali e il giorno e orario di ricevimento degli studenti.
Materiale di riferimento
Sia per gli studenti frequentanti che per gli studenti non frequentanti si consiglia

ALDO TRAVI, Lezioni di giustizia amministrativa, Torino, Giappichelli, ultima edizione.

È richiesta la conoscenza diretta del codice del processo amministrativo (decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104) e delle principali fonti normative e più importanti sentenze in tema di giustizia amministrativa. Un elenco delle fonti e sentenze è a disposizione degli studenti sul sito dell'insegnamento di Giustizia amministrativa nel portale didattico on line di Ateneo Ariel (ariel.unimi.it). Le fonti e le sentenze indicate nei predetti elenchi sono reperibili on-line nelle diverse banche dati a ciò dedicate o, per quanto concerne le fonti, anche nelle numerose raccolte in commercio (ultima edizione aggiornata).
Il sito web del corso è costantemente aggiornato con le informazioni relative a eventuali modifiche normative e sentenze fondamentali.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame finale di profitto relativo all'insegnamento si svolge al termine del corso e consiste in una prova orale, con valutazione numerica espressa in trentesimi ed eventuale lode.
I criteri per la valutazione delle prove orali e scritte e del lavoro svolto durante i seminari/esercitazioni sono: correttezza, completezza e accuratezza dei contenuti, nonché chiarezza e padronanza argomentativa e capacità di analisi critica e di rielaborazione.
Sono previste per gli studenti frequentanti due prove scritte intermedie facoltative di verifica dell'apprendimento tra il 20 e il 30 del mese di ottobre (prima prova) e il 20 e il 30 del mese di novembre (seconda prova). Le date delle prove scritte sono confermate dopo l'inizio delle lezioni sulla base della disponibilità delle aule. Le prove consistono in domande aperte relative agli istituti della giustizia amministrativa ovvero nella soluzione di un caso pratico ovvero nel commento di una sentenza ovvero nell'analisi e interpretazione di un testo normativo.
Tutte le indicazioni circa le date e le modalità di svolgimento della prova parziale saranno comunicate agli studenti a lezione e pubblicate sulla piattaforma Ariel.
Saranno altresì organizzati seminari/esercitazioni che richiedono anche un lavoro personale di approfondimento e di esposizione di cui si tiene conto ai fini dell'attribuzione del voto finale.
IUS/10 - DIRITTO AMMINISTRATIVO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Docente: Sica Marco

Cognomi D-L

Periodo
Primo semestre
In relazione alle modalità di erogazione delle attività formative per l'a.a. 2021/21 verranno date indicazioni più specifiche nel prossimi mesi, in base all'evoluzione della situazione sanitaria
Programma
- Origini e sviluppo del sistema italiano di giustizia amministrativa
- I principi costituzionali sulla tutela giurisdizionale del cittadino nei confronti della pubblica amministrazione
- La Convenzione Europea dei diritti dell'Uomo e il diritto dell'Unione Europea e la tutela del cittadino nei confronti della pubblica amministrazione
- I bisogni di tutela e le situazioni giuridiche soggettive
- Unicità e pluralità delle giurisdizioni
- I criteri di riparto tra le giurisdizioni; in particolare i criteri di riparto tra giudice ordinario e giudice amministrativo
- La giurisdizione del giudice ordinario nei confronti della pubblica amministrazione
- La giurisdizione del giudice amministrativo: giurisdizione generale di legittimità, esclusiva e di merito
- Le forme di tutela e la tipologia delle azioni: di annullamento, di condanna, di adempimento, avverso il silenzio, di nullità e di accertamento
- Le parti del processo amministrativo
- La legittimazione a ricorrere e l'interesse a ricorrere
- Il giudizio di primo grado
- Il ricorso introduttivo e l'oggetto del giudizio
- Il ricorso incidentale
- La tutela cautelare
- La fase istruttoria
- La sentenza e le impugnazioni
- Il giudicato amministrativo
- L'esecuzione della sentenza
- I riti speciali
- I ricorsi amministrativi
- I metodi alternativi di soluzione delle controversie
Prerequisiti
Come da regolamento didattico del corso di laurea. In particolare è propedeutico il superamento e la registrazione degli esami di Istituzioni di diritto privato, Diritto costituzionale, Diritto processuale civile e Diritto amministrativo
Metodi didattici
Lezioni frontali ed esercitazioni, che faranno riferimento a testi normativi, precedenti giurisprudenziali più significativi, riflessioni dottrinali e, talvolta, anche atti processuali, così da permettere allo studente una diretta conoscenza e utilizzazione degli strumenti di lavoro utilizzati per la soluzione delle controversie tra cittadino e pubblica amministrazione.
Le lezioni offrono un quadro degli argomenti indicati nel programma; la frequenza permette di sviluppare le competenze e offrire le conoscenze necessarie ai fini del proficuo superamento dell'esame.
Sono raccomandati lo studio e l'approfondimento individuale da svolgere nello stesso periodo in cui si svolgono le lezioni in modo che l'apprendimento avvenga giorno per giorno essenzialmente attraverso la frequenza e lo studio contestuale dei singoli argomenti.
Potranno essere invitati a tenere alcune lezioni dell'insegnamento altri docenti o esperti, in modo tale da offrire agli studenti frequentanti ulteriori contributi o spunti di interesse.
L'organizzazione di seminari, esercitazioni o convegni di approfondimento di tematiche legate all'insegnamento verrà puntualmente segnalata agli studenti frequentanti, in modo da favorire la partecipazione degli interessati.
Sul sito web dell'insegnamento nel portale didattico on line di Ateneo Ariel (ariel.unimi.it) sono pubblicati il calendario delle lezioni con relativi argomenti, le slides di accompagnamento delle lezioni orali, gli avvisi relativi a eventuali variazioni del calendario e dell'orario di lezioni, nonché di data e orario di ricevimento degli studenti.
Materiale di riferimento
Sia per gli studenti frequentanti che per gli studenti non frequentanti si consiglia

MARCELLO CLARICH, Manuale di giustizia amministrativa, Bologna, il Mulino, 2021

oppure, in alternativa,

ALDO TRAVI, Lezioni di giustizia amministrativa, Torino, Giappichelli, 2021.

È inoltre richiesta la conoscenza diretta del codice del processo amministrativo (decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104).
Il sito web del corso è costantemente aggiornato con le informazioni relative a eventuali modifiche normative e sentenze fondamentali.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame di profitto relativo all'insegnamento si svolge all'esito del corso e consiste in una prova orale, con valutazione numerica espressa in trentesimi ed eventuale lode.
I criteri per la valutazione delle prove tengono conto della correttezza, completezza e accuratezza dei contenuti, nonché della chiarezza e padronanza argomentativa e capacità di analisi critica e di rielaborazione.
È prevista una prova scritta intermedia facoltativa di verifica dell'apprendimento a circa la metà del corso. La prova consiste in domande aperte relative agli istituti della giustizia amministrativa ovvero nel commento di una sentenza ovvero nella soluzione di un caso concreto.
Tutte le indicazioni circa la data e le modalità di svolgimento della prova parziale saranno comunicate agli studenti a lezione e sulla piattaforma Ariel.
Saranno altresì organizzate esercitazioni richiedenti un lavoro personale di approfondimento e di esposizione, oggetto specifico di valutazione secondo criteri comunicati a lezione.
IUS/10 - DIRITTO AMMINISTRATIVO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore

Cognomi M-Q

Periodo
Primo semestre
Salve ulteriori indicazioni connesse all'evoluzione della situazione sanitaria, l'insegnamento sarà impartito in presenza e contestualmente sulla piattaforma Microsoft Teams in modalità sincrona
Programma
Origini e affermazione del sistema italiano di giustizia amministrativa - I principi costituzionali sulla tutela giurisdizionale del cittadino nei confronti della pubblica amministrazione - La giurisdizione del giudice ordinario nei confronti della pubblica amministrazione - La giurisdizione del giudice amministrativo e la sua competenza - L'azione nel processo amministrativo - Le parti del processo amministrativo - Il giudizio di primo grado - La tutela cautelare - I riti speciali - La sentenza e le impugnazioni - L'esecuzione della sentenza e il giudicato amministrativo - I ricorsi amministrativi.
Prerequisiti
Per poter sostenere l'esame relativo all'insegnamento è necessario il previo superamento degli esami di Diritto Privato, Diritto Costituzionale, Diritto Amministrativo e Diritto Processuale Civile
Metodi didattici
Lezioni frontali in aula (vedi sopra voce Didattica Fase emergenziale)
Materiale di riferimento
A. TRAVI, Lezioni di giustizia amministrativa, Torino, Giappichelli, ultima edizione.
R. VILLATA, Scritti in tema di questioni di giurisdizione (tra giudice ordinario e giudice amministrativo), Padova, Wolters Kluwer, 2019.
È inoltre richiesta la conoscenza diretta del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame di profitto relativo all'insegnamento si svolge all'esito del corso e consiste in una prova orale, con valutazione numerica espressa in trentesimi ed eventuale lode.
I criteri per la valutazione della prova tengono conto della correttezza dei contenuti, della chiarezza argomentativa e delle capacità di analisi critica e di rielaborazione.
Non sono previste prove intermedie.
IUS/10 - DIRITTO AMMINISTRATIVO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore

Cognomi R-Z

Responsabile
Periodo
Primo semestre
IUS/10 - DIRITTO AMMINISTRATIVO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Docente/i
Ricevimento:
previo contatto e-mail (luca.bertonazzi@unimi.it)
Il Professore riceve nella sua stanza al piano rialzato (ingresso dipartimento diritto pubblico italiano e sovranazionale)
Ricevimento:
Nell'attuale situazione sanitaria, il ricevimento avverrà su Microsoft Teams, su appuntamento da concordare per email
Microsoft Teams
Ricevimento:
Lunedì ore 15.00, stanza piano terra, presso il Dipartimento di diritto pubblico. Durante l'emergenza COVID-19 il ricevimento si svolge su MT, previo invio di una mail a margherita.ramajoli@unimi.it
Ricevimento:
Sino a nuova disposizione, il ricevimento verrà effettuato in modalità telematica attraverso la piattaforma Teams (v. avviso su ARIEL), previo appuntamento da concordare con il docente inviando una e-mail a marco.sica@unimi.it