Istituzioni di diritto del lavoro

A.A. 2021/2022
9
Crediti massimi
63
Ore totali
SSD
IUS/07
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
-Conoscenza e capacità di comprensione. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito una conoscenza di base degli istituti del diritto sindacale e del diritto del lavoro.
-Capacità applicative. Lo studente deve dimostrare di sapere applicare le nozioni apprese a contesti concreti e casi specifici concernenti il diritto sindacale ed il diritto del lavoro.
-Autonomia di giudizio. Lo studente deve dimostrare di sapere assumere posizioni argomentate e giuridicamente sostenibili con riferimento alle tematiche oggetto del corso.
-Abilità nella comunicazione. Lo studente deve dimostrare di saper esprimere le nozioni acquisite con coerenza argomentativa, rigore sistematico e proprietà di linguaggio.
-Capacità di apprendere. Lo studente deve dimostrare di sapere ricostruire i profili storici ed evolutivi del diritto del lavoro, applicando il quadro normativo di riferimento.
Risultati apprendimento attesi
Lo studente, ai fini del positivo superamento dell'esame, deve essere in grado di dimostrare la conoscenza dei profili essenziali della disciplina del diritto sindacale e del diritto del lavoro, mettendone in luce gli aspetti peculiari rispetto al diritto civile. Partendo da tali conoscenze, gli studenti sono chiamati ad assumere motivate opinioni rispetto all'applicazione dei principi di carattere generale alle fattispecie concrete.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Programma
Il diritto del mercato del lavoro - Le fonti del diritto del lavoro - La libertà sindacale ex art. 39, comma 1, Cost. - La libertà sindacale nel Titolo II, L. 300/1970 - Rappresentanza e rappresentatività sindacale - Le rappresentanze sindacali aziendali e le rappresentanze sindacali unitarie - La repressione della condotta antisindacale - La contrattazione collettiva - I profili giuridici del contratto collettivo di diritto comune - La contrattazione collettiva nel pubblico impiego - Lo sciopero e la serrata - Lo sciopero nei servizi pubblici essenziali - L'evoluzione della disciplina del rapporto di lavoro subordinato; la tassatività ed inderogabilità della disciplina del lavoro subordinato - Gli orientamenti giurisprudenziali in materia di qualificazione del rapporto di lavoro - Le collaborazioni etero-organizzate ed il lavoro autonomo c.d. "parasubordinato" - La costituzione del rapporto di lavoro - L'obbligo di diligenza del prestatore di lavoro - La disciplina delle mansioni - I limiti ai poteri del datore di lavoro ed il divieto di discriminazioni - Il potere disciplinare del datore di lavoro e l'obbligo di fedeltà - La retribuzione ed il tfr - Le cause di sospensione del rapporto di lavoro - Il lavoro accessorio e le prestazioni occasionali - I tirocini - Il recesso dal contratto di lavoro: dimissioni e risoluzione consensuale, licenziamento individuale - Le tutele per i lavoratori contro i licenziamenti ingiustificati - I licenziamenti collettivi - Le forme di lavoro non standard e, in particolare, il contratto di lavoro a tempo determinato - L'apprendistato - I contratti di lavoro ad orario ridotto e/o flessibile e, in particolare, il lavoro a tempo parziale - La somministrazione di lavoro, il distacco e l'appalto - Il trasferimento d'azienda. - Le rinunzie e le transazioni.
Prerequisiti
Non sono richieste conoscenze preliminari, ad eccezione di quanto indicato dal regolamento didattico del corso di laurea triennale ai fini della propedeuticità con gli altri insegnamenti
Metodi didattici
Le lezioni frontali saranno accompagnate anche dall'analisi di casi pratici svolti con la partecipazione degli studenti e da incontri con operatori del mercato del lavoro (consulenti del lavoro, avvocati, magistrati, sindacalisti, dirigenti d'impresa). Per lo svolgimento delle lezioni nella fase epidemiologica emergenziale, si veda la sezione di questo programma "didattica fase emergenziale".
Materiale di riferimento
A. Tursi- P.A. Varesi, Istituzioni di diritto del lavoro, VIII edizione, Giappichelli, Torino, 2019.
Lo studio del manuale deve essere accompagnato da un rigoroso apprendimento diretto delle disposizioni della Costituzione, del codice civile e delle fondamentali leggi speciali richiamate nelle lezioni e dal libro di testo. A tal fine è opportuno avvalersi nello studio di una raccolta aggiornata delle principali fonti documentali di Diritto del lavoro. In commercio vi sono numerosi codici di diritto del lavoro, fra questi v. M.T. Carinci (a cura di), Codice del lavoro, Giuffrè, Milano, ultima edizione disponibile.
Sulla piattaforma ARIEL dedicata all'insegnamento sarà pubblicato anche il materiale di supporto (slides power point e documentazione).
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame si svolgerà in forma orale. I criteri per la valutazione della prova orale tengono conto della correttezza dei contenuti, della chiarezza argomentativa e delle capacità di analisi critica e di rielaborazione. Gli studenti frequentanti potranno accedere a prove intermedie secondo le modalità che saranno indicate a lezione e pubblicate sulla pagina Ariel del corso. Esse sono relative agli argomenti trattati a lezione e sono articolate sotto forma di questionari a risposte multiple.
Per lo svolgimento degli esami nella fase epidemiologica emergenziale, si veda la sezione di questo programma "didattica fase emergenziale".
IUS/07 - DIRITTO DEL LAVORO - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Docente/i
Ricevimento:
lunedì e venerdì dalle 13:00 alle 15:00, previo appuntamento da concordare via e-mail
Milano, Via Festa del Perdono 7