Istituzioni di diritto penale

A.A. 2021/2022
9
Crediti massimi
63
Ore totali
SSD
IUS/17
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento mira a far conseguire agli studenti:
- La conoscenza dei principi fondamentali, degli istituti basilari e delle fonti del diritto penale italiano.
- La conoscenza della più significativa casistica giurisprudenziale riguardante istituti di parte generale.
- La capacità di interpretare le norme della parte generale del codice penale ed individuare loro relazioni elementari con le norme della parte speciale.
- La capacità di utilizzare con dimestichezza il codice penale, orientandosi nella ricerca degli istituti.
- La capacità di affrontare, discutere e risolvere problemi esegetici ovvero attinenti alla qualificazione giuridica di semplici fatti concreti.
- La capacità di comprendere ed utilizzare la terminologia giuridica appropriata.
Risultati apprendimento attesi
Al termine del corso la studentessa e lo studente che abbiano proficuamente appreso la materia disporranno di una solida conoscenza istituzionale della parte generale del diritto penale. Inoltre avranno maturato un metodo che consentirà loro di orientarsi all'interno del codice penale, di identificare ed interpretare le norme rilevanti per la soluzione di semplici casi, nonché di esporre ragionamenti giuridici con terminologia appropriata.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
In relazione alle modalità di erogazione delle attività formative per l'a.a. 2021/2022, verranno date indicazioni più specifiche nei prossimi mesi, in base all'evoluzione della situazione sanitaria.
Programma
Il corso ha ad oggetto lo studio delle funzioni e degli istituti fondamentali del diritto penale, tradizionalmente indicati come "parte generale" della materia. Gli argomenti trattati includono: legittimazione del diritto penale e teorie della pena; fonti del diritto penale ed rilevanti principi costituzionali; sistematica del reato; tentativo ed concorso di persone; concorso di reati; circostanze; profili sanzionatori (pene e misure di sicurezza); responsabilità da reato delle persone giuridiche. Per una migliore comprensione del funzionamento degli istituti trattati, durante le lezioni la parte generale sarà posta in continua relazione con la parte speciale (ossia con il catalogo delle singole figure di reato), fornendo di volta in volta esemplificazioni pratiche. Inoltre, allo scopo di favorire lo sviluppo di autonome capacità di analisi e applicazione delle regole, sarà incoraggiata la discussione di specifici problemi interpretativi, sulla base di casi di scuola e giurisprudenziali.
Prerequisiti
Secondo quanto previsto dall'art. 5 del Regolamento didattico del Corso di Laurea in Scienze dei servizi giuridici, gli esami di Diritto costituzionale ed Istituzioni di diritto privato sono propedeutici rispetto all'esame di Istituzioni di diritto penale.
Metodi didattici
Il corso è articolato in lezioni frontali di due ore ciascuna ed ha una durata totale di 63 ore. Durante le lezioni sarà costantemente incoraggiata la partecipazione attraverso la discussione di problematiche attinenti all'interpretazione di norme giuridiche ed alla qualificazione di fatti concreti, individuati sulla base di casistica di scuola e giurisprudenziale.
Materiale di riferimento
G. Marinucci, E. Dolcini, G.L. Gatta, Manuale di diritto penale. Parte generale, Decima edizione, Giuffrè, 2021.
Sono ESCLUSI dal programma d'esame i seguenti paragrafi: CAP. I, nn. 2.3, 4, 5, 6, 7, 8.3, 8.4; CAP. II, nn. 2.2, 2.3, 2.6, 9, 10; CAP. III, nn. 4, 9, 10, 11, da 14 a 28; CAP. VI, nn. 1.3, 4.3, 4.5; CAP. VIII, nn. da 8.1 a 8.6; CAP. IX, nn. 2, 3, 4, 6.2, 6.3, 6.8, 6.9, 7; CAP. X, nn. 6, 7, 8, da 17 a 24; tutto il CAP. XI; CAP. XII, da 6 a 14; CAP. XIII, 6.3, 7.4, 7.5, 8, da 9.3. a 9.9, da 10.2.3 a 10.4.4., da 12 a 17, 20; CAP. XIV, nn. da 2 a 15, 17, 19.
Sulla pagina Ariel del corso verranno di volta in volta caricati eventuali materiali integrativi, in vista delle discussioni in aula.
È indispensabile disporre di un codice penale aggiornato.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame è volto ad accertare la conoscenza degli argomenti oggetto del programma del corso, nonché l'acquisizione di adeguate capacità espositive e di rielaborazione delle nozioni apprese. Sarà altresì oggetto di valutazione la capacità di orientarsi tra le disposizioni del codice penale menzionate nel Manuale e di articolare ragionamenti interpretativi. La valutazione è espressa in trentesimi.

E' prevista a metà semestre una prova intermedia (quiz a scelta multipla) avente per oggetto il programma svolto a lezione fino a quel momento. L'esito positivo della prova parziale consentirà di sostenere l'esame finale, in modalità di prova orale, esclusivamente sulla parte di programma trattata a lezione nella seconda parte del semestre. La prova parziale potrà essere sostenuta solo una volta.

Le studentesse e gli studenti che non abbiano sostenuto o comunque superato la prova parziale, sosterranno l'esame per intero, in modalità orale, a partire dalla prima sessione successiva alla fine delle lezioni.

Al momento dell'iscrizione all'esame orale sarà possibile esprimere la preferenza per lo svolgimento della prova con il docente titolare dell'insegnamento. In caso di elevato numero di preferenze verrà data precedenza a coloro che abbiano superato la prova parziale.

Non è previsto un programma specifico per studenti e studentesse Erasmus.
IUS/17 - DIRITTO PENALE - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Docente: Zirulia Stefano
Docente/i
Ricevimento:
Mercoledì ore 14:30 (via Microsoft Teams, su appuntamento)
Microsoft Teams o Dipartimento Cesare Beccaria, Sezione di scienze penalistiche (Via Festa del Perdono 3, II piano)