Multilevel, multiparty and multisector cross-border litigation in europe

A.A. 2021/2022
6
Crediti massimi
52
Ore totali
SSD
IUS/15
Lingua
Inglese
Obiettivi formativi
Aims of the course
· Acquiring knowledge of the principles, rules and praxis governing cross-border litigation in civil and commercial matters in Europe, with a particular focus on the relationships between national courts and European Courts, on multiparty disputes brought through the collective redress mechanism and on the main procedural issues related to cross-border litigation in different strategic sectors (financial law disputes; IP law disputes; labour law disputes; environmentale litigation)
· Acquiring knowledge on the main legal sources governing cross-border litigation in Europe (national laws; European Regulations; international treaties and conventions; the case law of the European Court of Human Rights and the Court of Justice of the European Union) and on their relations and coordination, highlighting all the European implications of civil and commercial litigation before domestic courts, in terms of the impact of EU legislation on the main steps of judicial proceedings, the role and effect of the CJEU's and the ECtHR's case law, the relationship between the latter European courts and national courts, the cooperation among different EU courts.
· Acquiring knowledge on the functioning of the European Court of Human Rights and the Court of Justice of the European Union and on the importance of fundamental procedural rights in cross-border litigation in Europe, as defined by European regulations and international treaties, as well as by the case law of the ECtHR and the CJEU)
· Making autonomous judgments on legal issues related to cross-border litigation and solving complex legal problems by applying the different sources to practical cases; developing legal arguments, in general and in respect of special fields (cross-border financial, competition, IP and labour law disputes)
· In general, acquiring a particular EU angle and perpsective of the field of civil and commercial litigation, which in Italian universities is mostly studied and taught from a purely domestic perspective. However, civil litigation in a cross-border dimension presents greater complexity than domestic litigaton, due to differences in legal traditions and regimes, as well as in cultural and social values among jurisdictions. A recent EU Study (JUST/2014/RCON/PR/CIVI/0082) shows that M.S.'s procedural law regimes are still far from being harmonized, what negatively impacts on free circulation of judgments, equivalence and effectiveness of procedural protection and the functioning of the internal market.
Risultati apprendimento attesi
At the end of the course, students will have an advanced knowledge of:
- fundamental features of litigating and arbitrating cross-border civil and commercial disputes in Europe;
- a peculiar EU's angle into a legal field (civil litigation) usually dealt with only from a national perspective;
- fundamental Procedural Rights in light of the ECHR and CJEU case law;
- theoretical and practical problems arising out of the overlap and possible clashes between adjudicatory bodies of different character (judicial courts, arbitral tribunals, supranational courts based on international treaties or conventions);
- an overall picture of the collective redress mechanisms, from a comparative, European and transnational perspective. A mechanism which, in the globalized world, will become more and more relevant to protect different types of collective rights (healts, economic assets, environment, consumers' protection, IP rights );
- fields which are of strategic importance and very relevant for their future career in law (especially in international and multicultural environments, such as: international law firms, international organizations, European institutions, international courts and tribunals, arbitral institutions, foreign universities and research centers), thus enhancing their level of employability; indeed, the future of legal profession is undisputably international. This follows from the steady globalization of economies, the integration of legal systems and the enhanced people, workers and professionals' mobility across Europe. Therefore, lawyers and judges involved in civil litigation will increasingly need to be familiar, knowledgeable and expert in the theoretical and practical aspects of cross-border litigation in Europe;
- the basic principles and rules of of written and oral legal advocacy (in Englsih), including the ability to organize and present legal arguments in a clear, fluid and convincing manner the ability to draft legal memorials or memorandum both for claimants and respondents the ability to plead orally in front of a court or a tribunal;
- a multidisciplinary approach whereby to deal with the field of cross-border litigation, on one hand, due to wide range of topics covered by the course, which transcend international civil procedure (the teaching staff's main area of expertise) and encompass European Union Law, International Law, Private Internatioanl Law, Constitutional Law, as well as Financial, IP, Labour and Family Law); on the other hand, due to the involvement in the teaching staff - in the academic course and in the events which will be annually organized within the Jean Monnet Module 2020-2023 - of academic and legal professionals from different jurisdictions, with different legal background and with different legal expertise; finally, due to the fact that the course will be addressed no only to Italian and foreign students (undergraduate, Ph.D/LL.M. candidates) enrolled at Università degli Studi, Milan, but also to Italian and foreign legal professionals (lawyers, judges, notaries);
- the actual functioning of leading European Institutions (the European Court of Human Rights; the Court of Justice of the European Union; Max Planck Institute Luxembourg for International, European and Regulatory Procedural Law), thanks to a series of study-visits organized annually after the course (i.e. in the Fall semester).

In addition, the Host Institution of the Jean Monnet Module on Multilevel, Multiparty and Multisector Cross-Border Litigation in Europe (i.e. Università degli Studi di Milano) will broaden its range of academic courses on EU related studies, thus enhancing its international reputation and attractivity. At European level, the project might convince many foreign students to enroll for a semester in our Law.



As the Module's activities will also be implemented within the framework of the Centre of Research EUTraDis (https://sites.unimi.it/translitigation/), there will be room for developing relations with similar Centres or Institutes in other jurisdictions, both in the EU and outside the EU, raising interest in foreign colleagues to contact us for developing joint research projects and other forms of cooperation.

The Jean Monnet Module's outputs might be a valuable tool for Italian and EU Institutions' policy-makers.

At local (Milan), national (Italy) and European level, the Module's activities will provide lawyers and judges, still unfamiliar with cross-border litigation, with a valuable tool for coping with it in their profession.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
La didattica, ove non svolta "in presenza", verrà implementata avvalendosi delle due piattaforme Ariel e Microsoft Teams. In particolare, su Ariel verrà uploadato tutto il materiale rilevante del corso, accessibile e scaricabile da ciascuno studente, nonchè attivata la funzione "Forum", uno strumento interattivo per agevolare la comunicazione tra docenti e studenti su ogni questione riguardante l'organizzazione e i contenuti del corso. Le lezioni verranno in linea di principio tenute in modalità "sincrona", attraverso cioè lezioni on line sulla piattaforma Microsoft Teams (che verranno sempre registrate, potendo dunque sempre essere recuperate dalla "Classe" del corso attivata nell'ambito della piattaforma Microsoft Teams), eventualmente alternate da lezioni pre-registrate e caricate sulla medesima piattaforma (modalità "asincrona"). I docenti sono sempre raggiungibili attraverso la mail istituzionale.
Per quanto riguarda l'esame finale del corso, esso si terrà (secondo i contenuti illustrati più sotto nella sezione "Modalità di verifica dell'apprendimento e criteri di valutazione") sempre in modalità 'sincrona' sulla piattaforma, con tutti gli accorgimenti (condivisione dello schermo, panoramica della stanza tramite videocamera etc..) per evitare che lo studente, durante lo scritto, acceda a materiale (cartaceo o elettronico) non consentito.
Ove l'emergenza legata al Covid-19 dovesse cessare, l'insegnamento proseguirà in modalità "in presenza", secondo modi e tempi che verranno tempestivamente comunicati alla classe (sia oralmente, sia attraverso le due piattaforme Ariel e Microsoft Teams, sia per email).
Programma
Il corso accademico "Multilevel, Multiparty and Multisector Cross-Border Litigation in Europe" è solo una delle diverse attività che verranno attuate ogni anno (nel triennio 2020-2023) nell'ambito del Modulo Jean Monnet, finanziato dall'Unione Europea, che comprende conferenze, tavole rotonde, workshops e visite di studio, oltre a numerosi prodotti accademici e scientifici (ad esempio pubblicazioni).

Il corso si articola in 4 moduli, ciascuno composto da una serie di lezioni tenute da eminenti esperti italiani e stranieri del settore.


PARTE I
The Dialogue between European and National Courts

Argomenti
Preliminary Ruling Procedure under Art. 267 TFEU, between fostering EU integration process, protecting national autonomy and balancing conflicting needs?

Individual Application to the ECHR and the implementation of the European Convention on Human Rights at national level

The dialogue between the European Court of Human Rights and national courts in light of the new advisory jurisdiction under Protocol No. 16

Access to justice in cross-border litigation and the role of third-party funding

Cross-border service of documents and access to justice in cross-border litigation in Europe

Fundamental procedural rights in light of the recent ECHR's case law on Art. 6 of the European Convention on Human Rights

The right to strike and the principle of non-discrimination as fundamental rights in the dialogue between European and national courts

Fundamental Procedural Rights in Cross-Border Litigation, in light of the recent CJEU's case law

Relationships and conflicts between national courts and private commercial tribunals under EU law.

Relationships and conflicts between intra-EU investment arbitration and EU law

Relatori
Alan Uzelac - Full Professor of Civil Procedure, University of Zagreb
Albert Henke - Aggregate Professor of Transnational Commercial Litigation & Int'l Commercial and Investment Arbitration, Università degli Studi, Milan
Dr. Apostolos Anthimos, Lecturer of Civil Procedure - European University, Cyprus
Barbara Randazzo - Full Professor of Public Law, Università degli Studi, Milan
Prof. Maria Teresa Carinci - Full Professor of Labour Law, Università degli Studi, Milan
Prof. Francesca Marinelli - Associate Professor of Labour Law Università degli Studi, Milan
Pietro Ortolani - Full Professor of Digital Conflict Resolution, Radboud University, Nijmegen

PARTE II
Multiparty Cross-Border Litigation in Europe

Argomenti
Collective redress mechanisms - PART I - A comparative perspective

Collective redress mechanisms - PART II - A European perspective

Collective redress mechanisms - PART III - Collective redress mechanisms in a cross-border dimension (Bruxelles I bis Regulation v. 2019 Hague Convention on enforcement of foreign judgments)

Collective redress mechanisms - PART IV - Cross-border collective redress in labour law disputes

Collective redress mechanisms - PART V - Cross-border collective redress in consumer law disputes and in environmental litigation

Choice of courts, lis pendens and related actions in the Bruxelles I bis Regulation. Latest developments

Relatori
Stefaan Voet - Associate Professor of Civil Procedure, KU Leuven / Alan Uzelac
Fernando Gascón Inchausti - Full Professor (Catedrático ) of Civil Procedure, Universidad Complutense de Madrid
Albert Henke - Aggregate Professor of Transnational Commercial Litigation & Int'l Commercial and Investment Arbitration, Università degli Studi, Milan
Prof. Maria Teresa Carinci - Full Professor of Labour Law, Università degli Studi, Milan
Prof. Francesca Marinelli - Associate Professor of Labour Law Università degli Studi, Milan
Marcello Stella - Associate Professor of Civil Procedure, Università degli Studi di Napoli Federico II

PARTE III
Workshops on Written and Oral Legal Advocacy in Cross-Border Litigation

Argomenti
Theroretical Hints on Written and Oral Legal Advocacy

Practical Session on Written and Oral Legal Advocacy

Questo workshop ha lo scopo di fornire ai partecipanti al corso gli strumenti e le competenze di base dell'oratoria giuridica scritta e orale (in inglese), al fine di redigere memorie legali, memoranda e papers convincenti per una molteplicità di scenari (procedimenti giudiziari ordinari, arbitrati commerciali internazionali, procedimenti arbitrali in materia di investimenti, richieste di pronuncia pregiudiziale alla CGUE, ricorsi individuali alla Corte europea dei diritti dell'uomo...) e di presentarle oralmente dinanzi a un tribunale.

Le abilità oratorie scritte sono della massima importanza per gli avvocati, in particolare per coloro che sono coinvolti in contenzioso transfrontalieri. In effetti, scrivere bene è uno strumento potente nella pratica del diritto, dato che gli elaborati scritti che risultino involuti, oscuri impenetrabili, caotici privi di struttura o di concatenazione logica avranno un impatto negativo sul fruitore dello scritto (arbitro o giudice), mettendo così a rischio la possibilità di vincere una causa.

A loro volta, le capacità oratorie orali sono della massima importanza per chi intenda sostenere udienze orali in inglese, anche molto lunghe dinanzi a giudici e tribunali internazionali.

In particolare, verranno insegnate e sviluppate le seguenti abilità e tecniche:

· Identificare e inquadrare, in ogni controversia legale, le principali questioni legali, fattuali e probatorie

· Svolgere ricerche giuridiche, avvalendosi di fonti e banche dati legali cartacee ed elettroniche

· Utilizzare di skeleton arguments e acquisire le tecniche di "strutturazione" di un legal argument

· Presentare un argomento in modo chiaro, ben strutturato, scorrevole, efficace e persuasivo. Apprendere la regola fondamentale del CRUPAC [es. Conclusione - Regola - Prova - Applicazione - Riassunto della conclusione]

· Acquisire abilità redazionali

· imparare i metodi di citazione della dottrina e della giurisprudenza

· Formulare le conclusioni, in modo coerente alle argomentazioni esposte in precedenza

· Come strutturare un "pleading" (ie. Una presentazione) orale, secondo lo schema che prevede un'introduzione, un'illustrazione sintetica della materia del contendere, una road map, l'esposizione di ogni sigolo argomento, le conclusioni

· Apprendere le "tecniche" di discussione orale (contatto visivo, tono di voce, postura, ritmo)

Relatore
Albert Henke - Aggregate Professor of Transnational Commercial Litigation & Int'l Commercial and Investment Arbitration, Università degli Studi, Milan

PARTE IV
Multisector Cross-Border Litigation in Europe

Argomenti

Arbitrating Cross-border Financial Disputes in Europe

Litigating Cross-border IP Disputes in Europe - PART I - General Overview

Litigating Cross-border IP Disputes in Europe - PART II - The Unified Patent Court

Arbitrating Cross-border IP Disputes in Europe

Outstanding issues of applicable law and determination of jurisdiction in employment disputes via the web

Settlement of cross-border family law dispute in Europe

Judicial cooperation in civil matters in after Brexit. The European Perepsective

Relatori

Diego P. Fernández Arroyo - Professor of Transnational Litigation and Arbitration - Sciences Po Law School, Paris
Prof. Gilles Cuniberti - Professor of Transnational Litigation and Arbitration, Private International Law, University of Luxembourg
Erik Wilbers - Senior Director - WIPO Arbitration and Mediation Center
Prof. Maria Teresa Carinci - Full Professor of Labour Law, Università degli Studi, Milan
Prof. Francesca Marinelli - Associate Professor of Labour Law Università degli Studi, Milan
Dr. Apostolos Anthimos, Lecturer of Civil Procedure - European University, Cyprus

Ci sarà una "linea rossa" che collega tutte le attività da svolgere durante il triennio del Modulo Jean Monnet. Tutte le attività previste (attività di ricerca; prodotti; eventi, quali conferenze, tavole rotonde, workshops) rispecchieranno la struttura del corso articolato in 4 moduli, e faranno luce sui temi affrontati durante questi ultimi, adottando una prospettiva più ampia e più approfondita sugli stessi temi trattati durante il corso.

Ad esempio, durante il primo anno sarà organizzata una Conferenza su "Accesso alla giustizia nelle controversie transfrontaliere multilivello", che tratterà alcuni degli argomenti trattati nella prima parte del corso (come il dialogo tra giudici nazionali e corti europee; i diritti procedurali fondamentali nelle controversie transfrontaliere in Europa; il third-party funding nelle controversie transfrontaliere ...).

Lo stesso si può dire, ad esempio, per le pubblicazioni previste durante il triennio, che riprendono la maggior parte degli argomenti già trattati durante il corso (si vedano ad esempio le pubblicazioni previste su "Litigating Cross-border IP Disputes in Europe. The Unified Patent Court" or "Third-party funding in international commercial and investment arbitration. Parties' arrangements and procedural issues": temi già trattati all'interno del corso e affrontati anche in convegni e tavole rotonde).

In linea di principio, l'idea alla base dell'intero Modulo è quella di affrontare lo stesso argomento da diverse prospettive: nel corso, fornendo una panoramica delle sue principali caratteristiche e caratteristiche; negli eventi (conferenze, seminari, tavole rotonde), discutendone con un pubblico specializzato multidisciplinare (accademici, professionisti, esperti del settore); nelle pubblicazioni, tentando una più solida ricostruzione scientifica dello stesso, analizzandone tutte le implicazioni procedurali.
Prerequisiti
Non ci sono requisiti specifici per l'ammissione, oltre a quelli generalmente previsti dal regolamento accademico del corso di laurea. Tuttavia, è altamente raccomandata un'ottima padronanza della lingua inglese (sia scritta che orale) nonchè aver superato gli esami di procedura civile, diritto internazionale e diritto internazionale privato.
Metodi didattici
Il corso farà riferimento a leggi, regole e prassi nazionali, convenzioni internazionali e trattati multilaterali, fonti giuridiche primarie e secondarie europee, esempi tratti da diverse giurisdizioni di civil law e di common law, nonché principi e regole puramente transnazionali (quali lex mercatoria) e strumenti non vincolanti (soft law), enfatizzando sempre approcci pratici e soluzioni a problemi concreti.
Ogni argomento trattato all'interno del corso verrà affrontato non solo da un punto di vista teorico, ma anche attraverso la lente della più rilevante giurisprudenza arbitrale e giudiziaria.
Il corso segue un approccio case - method. Oltre alle lezioni frontali e ai seminari, il personale docente interagirà con gli studenti mediante sessioni di domande e risposte tenute dopo la presentazione introduttiva di ciascun argomento. Gli studenti saranno inoltre invitati a partecipare attivamente presentando casi alla classe, discutendoli, lavorando in gruppo e prendendo parte a dibattiti e simulazioni.
Per gli studenti iscritti ad Unimi, la frequenza al corso è valutata positivamente nell'ambito delle procedure di selezione per la partecipazione a competizioni internazionali tra Università patrocinate dal nostro Ateneo (in particolare il PAX Moot, ovvero la competizione internazionale in materia di diritto internazionale privato e contenzioso transnazionale, organizzata da Science Po, Parigi: https://paxmoot.com/), nonché per gli stage professionali all'estero nell'ambito del programma Erasmus Placement
Materiale di riferimento
La maggior parte delle lezioni, seminari e workshops saranno svolti con il supporto di presentazioni power point, distribuite prima di ogni lezione o subito dopo.
Tutto il materiale rilevante del corso (oltre alle slides, articoli accademici, sentenze e lodi arbitrali, reports, risultati di studi e ricerche, statistiche, notizie, proposte di riforme legislative ...), sarà caricato sulla piattaforma web Ariel, accessibile per tutta la durata del Modulo Jean Monnet da tutte le persone iscritte al corso. Tale piattaforma rappresenterà la "cornice" del corso, dove caricare tutte le informazioni relative al corso, dove pubblicare le comunicazioni alla classe (es. il programma del corso, l'orario, le info sulla sede delle lezioni, i cambiamenti nel programma, le modalità degli esami, i voti delle prove intermedie e finali e degli esami ) e tutto il materiale didattico pertinente.
Ulteriori informazioni rilevanti per il corso possono essere trovate sul sito web EUCP - European Civil Procedure. News, Cases and Materials (https://sites.unimi.it/EUCivilProcedure/) e sulla piattaforma web del Center of Research on European and Transnational Dispute Settlement (https://sites.unimi.it/translitigation/).

Il testo che segue è da considerarsi solo come uno strumento di supporto (non obbligatorio) per meglio comprendere gli argomenti trattati durante il corso. È a discrezione dello studente se utilizzarlo o meno per approfondire le proprie conoscenze oltre al materiale già distribuito durante il corso:
· Paul Beaumont, Mihail Danov, Katarina Trimmings, Burcu Yüksel (a cura di), Cross-Border Litigation in Europe, Hart Publishing, 2017
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
La frequenza al corso è obbligatoria.
Sono ammessi alla prova scritta finale solo gli studenti che abbiano frequentato almeno l'80% del corso. Il voto finale (max 30/30 e lode) consisterà in una valutazione complessiva della partecipazione e delle attività svolte da ogni studente durante il corso (presentazioni, discussioni di casi, simulazioni), oltre al voto ottenuto nello test finale scritto, sche si svolgerà al termine del corso, durerù 2 ore e consisterà in: a) 20 domande a risposta multipla; b) 2 brevi saggi; c) la risoluzione di un problema legale.
Gli studenti che non accetteranno il voto finale potranno sostenere un colloquio orale sul programma complessivo del corso, durante le sessioni ufficiali di esame.
IUS/15 - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - CFU: 6
Lezioni: 52 ore
Docente: Henke Albert
Docente/i
Ricevimento:
Giovedì ore 11.00
Università degli Studi di Milano - Istituto di Diritto Processuale Civile - 4to piano - Via Festa del Perdono 3 - 20122 Milano