Pianificazione ambientale e governo del territorio

A.A. 2021/2022
6
Crediti massimi
48
Ore totali
SSD
ICAR/20
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
1) L'insegnamento fornisce agli studenti strumenti teorici e operativi per analizzare, interpretare e valutare i sistemi urbani e territoriali esaminati nel loro contesto ambientale e nel quadro dei rischi naturali ed antropici cui sono soggetti, alle diverse scale.

2) I 6 CFU partono dalle basi per conoscere la pianificazione territoriale "d'area vasta", nel rapporto tra i diversi livelli e tipi di piano e affrontano tecniche e metodi per valutare la sostenibilità delle strategie di governo del territorio con particolare attenzione ai territori metropolitani, alle aree protette e ai territori agroforestali.

3) I contenuti didattici veicolati dall'insegnamento si connettono agli obiettivi formativi comuni del Corso di Studio fornendo conoscenze teoriche e abilità operative per governare la tutela dell'ambiente nella pianificazione dello sviluppo territoriale. L'insegnamento contribuisce al raggiungimento degli obiettivi formativi del CdS coerentemente con i profili professionali e gli sbocchi occupazionali previsti per l'intero percorso formativo. La formazione ricevuta darà al laureato strumenti e competenze per partecipare alla pianificazione e organizzazione delle attività finalizzate alla gestione e riqualificazione del territorio e operare nell'ambito della gestione e recupero degli ambienti rurali e naturali.
Risultati apprendimento attesi
Alla fine del percorso didattico, lo studente acquisirà:

1) conoscenza degli strumenti di piano per analizzare i sistemi urbani e territoriali

2) comprensione di come operare nel campo della pianificazione e della progettazione territoriale, ambientale e paesaggistica per fronteggiare le emergenze ambientali

3) applicazione di conoscenza e comprensione per valutare la sostenibilità dei processi di sviluppo rispetto ai sistemi ambientali e identificare i caratteri qualificanti le diverse politiche di gestione e programmazione per integrare le risorse agroambientali nei processi di piano. In particolare lo sviluppo dell'esercitazione pratica darà modo di sperimentare in casi di studio metodi e tecniche per interpretare, valutare e gestire le trasformazioni ambientali nel progetto territoriale.

4) competenze trasversali critiche, comunicative e di studio per esplicitare a pubblico e operatori i processi decisionali che governano gli effetti delle scelte pianificatorie sull'evoluzione dei sistemi territoriali e ambientali alle diverse scale spaziali d'intervento.

5) capacità di operare in piena autonomia per proseguire gli studi e approfondire metodi, strumenti conoscitivi e abilità operative sia per analizzare, interpretare e spiegare fenomeni e processi riguardanti l'ambiente nei processi di piano, sia per imparare a guidare la rigenerazione territoriale, anche lavorando in gruppo.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
Le informazioni che seguono potrebbero variare in relazione alle regole che saranno in vigore all'inizio del secondo semestre. Nell'attuale contesto dell'emergenza sanitaria si prevede che le lezioni si terranno sulla piattaforma Microsoft Teams e potranno essere seguite sia in sincrono, sulla base dell'orario del secondo semestre, sia in asincrono. Le lezioni a questo scopo saranno registrate e lasciate a disposizione degli studenti sulla medesima piattaforma per tutto il semestre.
Al fine di fornire chiarimenti, approfondimenti e svolgere attività di supporto agli argomenti dell'insegnamento e rispondere alle domande degli studenti in relazione all'applicazione delle competenze acquisite a casi di studio verranno organizzati periodicamente degli incontri con gli studenti, in presenza, se l'emergenza lo consentirà, o in modalità sincrona utilizzando la piattaforma M.Teams.
Il programma e il materiale di riferimento non subiranno variazioni. Per ogni aggiornamento si invitano gli studenti a contattare il Docente.
Programma
Le lezioni sono finalizzate ad acquisire gli strumenti per diagnosticare i caratteri fisici, storico-culturali, ecologico-ambientali, paesaggistici e socio-economici di un sistema territoriale a vasta scala e costruire un quadro critico delle tecniche urbanistiche, delle regole e dei procedimenti da impiegare per salvaguardare la qualità delle risorse presenti nello sviluppo sostenibile.
Argomenti trattati:
- Interpretazione dei processi territoriali
- Pianificazione sostenibile
- Principali modelli di pianificazione di area vasta
- Relazioni tra ambiente naturale, antropico e costruito.
- Analisi del sistema insediativo e infrastrutturale
- Elementi di forestazione e disegno del territorio
- Studio e valutazione delle problematiche ambientali
- Analisi del paesaggio
- Costruzione del quadro conoscitivo per orientare le scelte di programmazione e pianificazione territoriale
- Azioni di trasformazione e valutazioni strategiche
- Ambiente e fruizione: la progettazione delle aree protette
- Apparato normativo di riferimento
- Aspetti applicativi : Proposte di scenari di sviluppo e di azioni di piano
Prerequisiti
Non sono richieste conoscenze preliminari
Metodi didattici
Nell'articolazione del programma le lezioni frontali si integrano ad attività pratiche in modo da comprendere come applicare strumenti teorici e operativi per analizzare, interpretare e spiegare fenomeni e processi riguardanti le risorse ambientali e paesaggistiche nei processi di governo del territorio .
Le risorse disponibili e le attività formative sono funzionali al raggiungimento dei risultati attesi, fornendo agli studenti criteri e metodi per tutelare l'ambiente nello sviluppo del territorio.
L'insegnamento si avvale di materiale didattico e-learning che sarà reso disponibile sulla piattaforma Ariel dell'insegnamento man mano che si sviluppano le lezioni.
I metodi didattici prevedono una stretta correlazione fra teoria e pratica, unendo alle lezioni frontali, esercitazioni in campo, discussioni in classe, analisi di casi di studio e report individuali degli studenti
In relazione alle regole del contesto dell'emergenza sanitaria le uscite didattiche potrebbero essere sostituite da seminari.
La comprensione degli strumenti di pianificazione ambientale verrà approfondita durante il corso delle lezioni guidando gli studenti ad applicare i contenuti delle lezioni a casi di studio.
Lo sviluppo del caso di studio , da predisporsi lungo lo sviluppo dell' insegnamento consentirà allo studente di approfondire la conoscenza, nella forma e nei contenuti degli strumenti per l'analisi, la programmazione, la pianificazione, e gestione degli interventi di trasformazione di un sistema agroambientale, nel quadro dei rischi naturali ed antropici e in relazione a quanto previsto dalle normative di riferimento.
Lo svolgimento dell'esercitazione sarà accompagnata da alcuni momenti di revisione e, ulteriori momenti di confronto potranno svolgersi al termine delle singole lezioni.
A conclusione dell'insegnamento gli studenti presenteranno in forma seminariale il risultato delle loro elaborazioni in modo da sviluppare le capacità di comunicare e trasmettere quanto appreso.

Il lavoro autonomo richiesto allo studente, si articola nelle seguenti attività: studio individuale dei libri di testo e dei materiali didattici indicati dal docente; lavoro libero su testi di approfondimento a scelta; svolgimento delle esercitazioni assegnate dal docente, mediante la redazione - individuale o in piccoli gruppi di lavoro - di osservazioni in campo, relazioni tematiche e di elaborati tecnici.

ALTRE INFORMAZIONI
Per il carattere fortemente applicativo del insegnamento la frequenza alle lezioni è vivamente consigliata, ma non è obbligatoria .

[Lingua di insegnamento]:
Italiano
Materiale di riferimento
Materiale didattico fornito dalla docenza (www.ariel.it)
Bibliografia di base:
Agostini S., Urbanistica periagricola. Pratiche di rigenerazione territoriale, Maggioli, 2018
Il testo è reperibile presso la Biblioteca della Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari.

Testi di approfondimento
Fabiano N., Paolillo P.L., La valutazione ambientale nel piano, Maggioli, 2008.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
Specifiche per gli studenti frequentanti
In relazione al contesto dell'emergenza sanitaria, saranno considerati studenti frequentanti coloro che partecipano, anche in modo asincrono, alla classe della piattaforma M.Teams, partecipando, anche in modo differito, alle pratiche proposte durante lo sviluppo delle lezioni.
L'esame finale verte su un colloquio finale che consiste nella presentazione seminariale dell'analisi di un caso di studio, svolto applicando i contenuti del programma, da predisporsi lungo lo sviluppo delle lezioni.
La valutazione finale terrà conto di tutto il lavoro svolto, compresi gli elaborati esercitativi in itinere.

Specifiche per gli studenti non frequentanti
Per gli studenti non frequentanti l'elaborazione del caso di studio si struttura come da programma in una tesina, il cui tema e la cui bibliografia di riferimento vanno concordati con il docente. L'esame finale verte su una prova orale, che sarà incentrata sulla sul programma del insegnamento, sulla bibliografia di riferimento compreso un testo di approfondimento opzionale concordato con la docenza per supportare lo sviluppo del caso di studio e sulla presentazione della tesina svolta. In merito al testo di opzionale dovrà essere redatta una breve scheda di 4000 battute da consegnare/inviare ( secondo le modalità consentite dall' emergenza sanitaria) congiuntamente alla tesina, una settimana prima della data d'appello scelta per sostenere l'esame.
La valutazione finale dello studente non frequentante deriverà dalla combinazione dell'esito complessivo della prova.

Indicazioni generali
. Se le regole non consentiranno la presenza ,l'intero esame si svolgerà utilizzando le piattaforma M. Teams o Zoom. Il voto finale sarà espresso in trentesimi e sarà la media ponderata delle valutazioni conseguite dalle esercitazioni sviluppate e dalle prove d'esame.
I parametri di valutazione saranno rivolti ad accertare:
-il raggiungimento degli obiettivi in termini di conoscenza e capacità di comprensione dei diversi livelli degli strumenti di piano
- la capacità di applicare conoscenza e comprensione attraverso la discussione/valutazione di strategie di pianificazione sulle risorse agroambientali .
-l'autonomia di giudizio dello studente anche attraverso l'analisi di casi di studio discussi durante il insegnamento o illustrati nei libri di testo
-la padronanza, la correttezza e l'appropriatezza del linguaggio inerente alla pianificazione ambientale e al governo del territorio.
-la capacità di esporre gli argomenti in modo chiaro e logico
ICAR/20 - TECNICA E PIANIFICAZIONE URBANISTICA - CFU: 6
Lezioni: 48 ore
Docente: Agostini Stella
Docente/i
Ricevimento:
su appuntamento
DEFENS - Sezione di Scienze dei sistemi agroambientali