Sicurezza, diritto e religione. corso jean monnet future (From understanding to countering religious extremism)

A.A. 2021/2022
6
Crediti massimi
42
Ore totali
SSD
IUS/11
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone di illustrare non solo i processi di radicalizzazione violenta di matrice religiosa, ma, più in dettaglio, di approfondire le strategie di contro-narrativa, de-radicalizzazione e prevenzione dell'estremismo jihadista in Europa.
A tal fine, le lezioni intendono:

- fornire gli strumenti giuridici per analizzare e gestire le sfide poste dal fondamentalismo in una prospettiva interdisciplinare;
- approfondire criticamente l'esame dei modelli di contro-narrazione implementati in Europa;
- indagare il ruolo dell'esercizio dei diritti fondamentali, ed in particolare del diritto di libertà religiosa, in una strategia di contrasto alla radicalizzazione jihadista
Risultati apprendimento attesi
- Conoscenza e capacità di comprensione delle principali questioni giuridiche poste dalla radicalizzazione violenta di matrice religiosa
- Attitudine a ragionare in chiave interdisciplinare;
- Autonomia di giudizio nell'analisi dei casi trattati e nell'individuazione delle soluzioni ad essi applicabili;
- Abilità di comunicazione, coerenza argomentativa, rigore sistematico e proprietà di linguaggio;
- Capacità di adeguare le proprie conoscenze in relazione ai contesti studiati e ai casi giuridici affrontati.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
In relazione alle modalità di erogazione delle attività formative per l'a.a. 2021/22, verranno date indicazioni più specifiche nei prossimi mesi, in base all'evoluzione della situazione sanitaria
Programma
Il corso Sicurezza, diritto e religione rientra nel quadro delle attività di formazione che l'Unione Europea finanzia con l'Azione Jean Monnet nell'ambito del programma Erasmus+.
Obiettivo di queste attività di formazione è promuovere gli studi europeistici, con particolare attenzione ai temi dell'integrazione europea e al ruolo dell'Europa nel contesto globale. Nello specifico il corso Sicurezza, diritto e religione verte sulle strategie di contrasto all'estremismo religioso attraverso un approccio multidisciplinare che, muovendo dalla comprensione dei processi di radicalizzazione, intende fornire un quadro degli strumenti giuridici e delle misure sin qui adottate per contrastare la radicalizzazione violenta in Italia e in Europa.
Ma soprattutto, intende promuovere nuove strategie di contrasto alla radicalizzazione violenta di matrice religiosa muovendo dal rispetto dei principi e dei valori fondamentali che caratterizzano tanto il nostro ordinamento quanto quello dell'Unione Europea. Non ultimo il riconoscimento dei diritti fondamentali. E, più in particolare, l'esercizio del diritto di libertà religiosa che - come affermato dal Relatore speciale sulla libertà di religione e credo delle Nazioni Unite nel 2017 - costituisce uno strumento indispensabile nella strategia globale contro l'estremismo jihadista.
Il corso vuole agevolare infine forme di cooperazione con diverse figure professionali e attori della società civile che sono a loro volta coinvolti nella lotta alla radicalizzazione come autorità di pubblica sicurezza, esperti di criminalità informatica, magistrati, avvocati e leader di comunità religiose.

Il corso si articola in 42 ore (21 lezioni) così articolate:

1. Introduzione ai temi del corso (Daniela Milani)
2. Sociologia della radicalizzazione (Letizia Mancini)
3. Il terrorismo di matrice jihadista nel XXI secolo (Daniela Milani)
4. Strategie di contrasto alla radicalizzazione nell'UE (Alessandro Negri)
5. Strategie di contrasto alla radicalizzazione fuori dall'Europa: focus su Egitto, Yemen e Arabia Saudita (Alessandro Negri)
6. Focus su estremismo religioso e democrazia: la giurisprudenza della Corte EDU (Marcello Toscano)
7. Focus su estremismo religioso e democrazia: la giurisprudenza della Corte di giustizia dell'UE (Natascia Marchei)
8. Il diritto islamico: fonti e principi (Cristiana Cianitto)
9. Islam e laicità nel mondo occidentale: lo status giuridico delle comunità islamiche in Italia (Cristiana Cianitto)
10. Prevenzione e contrasto alla radicalizzazione in Italia (Daniela Milani)
11. Diritto penale: terrorismo (Alessandra Galluccio)
12. Diritto amministrativo: flussi migratori, politiche di accoglienza e integrazione nell'UE e in Italia (Alessandro Ceserani)
13. La misura dell'espulsione come risposta all'estremismo religioso (Alessandro Ceserani)
14. La radicalizzazione online (Giovanni Ziccardi)
15. La propaganda terroristica a base religiosa: strumenti giuridici di prevenzione e contrasto (Jlia Pasquali Cerioli)
16. L'Islam in carcere (Daniela Milani)
17. La radicalizzazione in carcere (Daniela Milani)
18. Il ruolo della mediazione culturale e religiosa per prevenire la radicalizzazione e favorire la de-radicalizzazione (Daniela Milani)
19. Focus sui diritti fondamentali: la libertà religiosa come strumento essenziale di contrasto alla radicalizzazione (Daniela Milani)
20. Case studies (Daniela Milani)
21. Good practices (Daniela Milani)
Prerequisiti
Non sono previsti specifici prerequisiti.
Metodi didattici
Le lezioni, a taglio prevalentemente frontale, saranno integrate da approfondimenti riguardanti case studies e good practices.
Materiale di riferimento
N. Colaianni, Sicurezza e prevenzione del terrorismo cosiddetto islamista: il disagio della libertà, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, rivista telematica (www.statoechiese.it), fascicolo n. 32/2019;

D. Milani, A. Negri, Tra libertà di religione e istanze di sicurezza: la prevenzione della radicalizzazione jihadista in fase di esecuzione della pena, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, rivista telematica (www.statoechiese.it), fascicolo n. 23/2018;

L. S. Martucci, Radicalizzati jihadisti: profilazione e de-radicalizzazione Constitution-compliant, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, rivista telematica (www.statoechiese.it), fascicolo n. 8/2019;

G. Fattori (a cura di), Libertà religiosa e sicurezza, Pacini Giuridica, Pisa, 2021.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame si svolgerà in forma orale utilizzando la piattaforma Microsoft Teams o, laddove la regolamentazione lo consentisse, in presenza, sempre in forma orale.
L'esame verterà sulla totalità del programma indicato e sarà volto all'accertamento della comprensione dei fondamenti della materia nonché alla verifica del possesso di un'adeguata terminologia giuridica oltre che alla maturazione di un pensiero critico sui temi oggetto di studio.
Docente/i
Ricevimento:
Il ricevimento avverrà per via telematica, attraverso la piattaforma Microsoft Teams, previo appuntamento da concordare via e-mail con il docente.
Ricevimento:
Giovedì ore 10.30
ll ricevimento si svolge su Teams (codice canale 4k42xpx) previo appuntamento da concordare con la docente via mail scrivendo all'indirizzo cristiana.cianitto@unimi.it
Ricevimento:
Per tutto il mese di settembre il ricevimento si svolge su appuntamento concordato via mail in presenza presso la stanza della docente o da remoto sulla piattaforma di MTeams .
Dipartimento 'Cesare Beccaria', piattaforma di MTeams
Ricevimento:
Venerdì h. 10,30
Il ricevimento si svolge su Teams (codice canale hgqmlly) previo appuntamento da concordare con la docente via mail scrivendo all'indirizzo daniela.milani@unimi.it
Ricevimento:
online - Teams di Ateneo
Sezione di Diritto ecclesiastico e canonico
Ricevimento:
In giorno e orario da concordare, scrivendo a marcello.toscano@unimi.it
In alternativa, a scelta degli studenti, su piattaforma MS Teams o di persona
Ricevimento:
giovedì dalle 10,30 alle 11,30 scrivendo per mail a giovanni.ziccardi@unimi.it
Dipartimento "Cesare Beccaria"