Storia degli antichi stati italiani

A.A. 2021/2022
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
M-STO/02
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso intende delineare la geografia di poteri e territori, le dinamiche politiche, economiche e sociali che interessarono gli stati italiani durante l'antico regime. Il corso si propone di raggiungere un duplice obiettivo: a) una sicura conoscenza di istituzioni, economia, società, cultura della Penisola italiana durante l'antico regime; b) la capacità di affrontare i problemi storici in maniera critica, da acquisire mediante l'esame di testi, fonti e dibattiti storiografici esaminati a lezione. Il corso si articola in lezioni frontali e attività seminariali comprendenti la lettura di fonti e relazioni in aula degli studenti su testi proposti dalla docente.
Risultati apprendimento attesi
Conoscenze: padronanza di temi e problemi relativi alla storia degli stati italiani di ancien régime, da conseguire mediante la frequenza alle lezioni, lo studio delle monografie e dei documenti esaminati in aula.
Competenze: saper leggere in modo critico i testi e acquisirne il contenuto; conoscere e sapersi orientare sulle fonti della storia e sulle principali correnti storiografiche; saper esporre gli argomenti con ordine e con un linguaggio appropriato.
Gli studenti non frequentanti potranno approfondire gli argomenti principali tramite apposite letture e confrontarsi con la docente sia via mail sia durante gli orari di ricevimento.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo semestre
In relazione alle modalità di erogazione delle attività formative per l'a.a.2021/22 verranno date indicazioni più specifiche nel corso ei prossimi mesi, in base all'evoluzione della situazione sanitaria.
Programma
Titolo del corso: Dalla crisi della coscienza europea all'età delle Riforme
Parte I: Stati e società nell'Italia della prima età moderna
Parte II: Fonti e ricerche per la storia degli stati italiani
Parte III: L'Italia del Settecento
Prerequisiti
Non vi sono prerequisiti specifici differenti da quelli richiesti per l'ammissione al corso di laurea magistrale in scienze storiche.
Metodi didattici
La frequenza delle lezioni è fortemente consigliata, anche se non obbligatoria. L'insegnamento è costituito da lezione frontali volte innanzitutto all'acquisizione delle conoscenze, delle competenze, delle fonti e del linguaggio propri della disciplina. La discussione in aula col docente è parte integrante del metodo didattico e mira a promuovere presso lo studente lo spirito critico e la capacità di applicare le competenze e le conoscenze acquisite.
L'insegnamento si avvale di materiale didattico caricato dalla docente sulla piattaforma Ariel.
Accanto alle lezioni frontali sono previste relazioni in aula.
Materiale di riferimento
STUDENTI FREQUENTANTI:
- Programma per 6 cfu:
-Conoscenza degli argomenti trattati a lezione (unità didattiche A e B) e studio della storia italiana sul manuale di V. Criscuolo, Storia Moderna, Milano, Pearson, 2019, capitoli 12, 14, 19, 21, 24, 26, 29, 30, oppure C. Capra, Storia Moderna 1492-1848, Milano, Le Monnier, 2021, capitoli 7, 10, 14,17, 22, 25, 26, 27.
-Lo studio di uno fra i seguenti volumi:
F. Benigno - E. I. Mineo (a cura di), L'Italia come storia. Primato, decadenza, eccezione, Roma, Viella, 2020, fino a p.230;
R. Bizzocchi, I cognomi degli italiani. Una storia lunga 1000 anni, Roma-Bari, Laterza, 2014;
C. Capra, La felicità per tutti. Figure e temi dell'Illuminismo lombardo, Milano, Aracne, 2017;
P. Delpiano, Il governo della lettura. Chiesa e libri nell'Italia del Settecento, Bologna, Il Mulino, 2007;
F. Gilbert, Machiavelli e Guicciardini. Pensiero politico e storiografia a Firenze nel Cinquecento, Torino, Einaudi, 2012;
G. Greco, Storia del Granducato di Toscana, Brescia, Morcelliana, 2020, fino a p.327;
O. Niccoli, La vita religiosa nell'Italia moderna. Secoli XV-XVIII, Roma, Carocci, 2017;
W. Panciera, La Repubblica di Venezia nel Settecento, Roma, Viella, 2014.

- Programma per 9 cfu:
-Conoscenza degli argomenti trattati a lezione (unità didattiche A e B) e studio della storia italiana sul manuale di V. Criscuolo, Storia Moderna, Milano, Pearson, 2019, capitoli 12, 14, 19, 21, 24, 26, 29, 30, oppure C. Capra, Storia Moderna 1492-1848, Milano, Le Monnier, 2021, capitoli 7, 10, 14,17, 22, 25, 26, 27.
-Lo studio di due fra i seguenti volumi:
F. Benigno - E. I. Mineo (a cura di), L'Italia come storia. Primato, decadenza, eccezione, Roma, Viella, 2020, fino a p.230;
R. Bizzocchi, I cognomi degli italiani. Una storia lunga 1000 anni, Roma-Bari, Laterza, 2014;
C. Capra, La felicità per tutti. Figure e temi dell'Illuminismo lombardo, Milano, Aracne, 2017;
P. Delpiano, Il governo della lettura. Chiesa e libri nell'Italia del Settecento, Bologna, Il Mulino, 2007;
F. Gilbert, Machiavelli e Guicciardini. Pensiero politico e storiografia a Firenze nel Cinquecento, Torino, Einaudi, 2012;
G. Greco, Storia del Granducato di Toscana, Brescia, Morcelliana, 2020, fino a p.327;
O. Niccoli, La vita religiosa nell'Italia moderna. Secoli XV-XVIII, Roma, Carocci, 2017;
W. Panciera, La Repubblica di Venezia nel Settecento, Roma, Viella, 2014.

STUDENTI NON FREQUENTANTI:
- Programma per 6 cfu:
-Conoscenza degli argomenti trattati a lezione (unità didattiche A e B) e studio della storia italiana sul manuale di V. Criscuolo, Storia Moderna, Milano, Pearson, 2019, capitoli 12, 14, 19, 21, 24, 26, 29, 30, oppure C. Capra, Storia Moderna 1492-1848, Milano, Le Monnier, 2021, capitoli 7, 10, 14,17, 22, 25, 26, 27.
-più lo studio del volume F. Benigno - E. I. Mineo (a cura di), L'Italia come storia. Primato, decadenza, eccezione, Roma, Viella, 2020.
-Lo studio di uno dei seguenti volumi:
R. Bizzocchi, I cognomi degli italiani. Una storia lunga 1000 anni, Roma-Bari, Laterza, 2014;
C. Capra, La felicità per tutti. Figure e temi dell'Illuminismo lombardo, Milano, Aracne, 2017;
P. Delpiano, Il governo della lettura. Chiesa e libri nell'Italia del Settecento, Bologna, Il Mulino, 2007;
F. Gilbert, Machiavelli e Guicciardini. Pensiero politico e storiografia a Firenze nel Cinquecento, Torino, Einaudi, 2012;
G. Greco, Storia del Granducato di Toscana, Brescia, Morcelliana, 2020, fino a p.327;
O. Niccoli, La vita religiosa nell'Italia moderna. Secoli XV-XVIII, Roma, Carocci, 2017;
W. Panciera, La Repubblica di Venezia nel Settecento, Roma, Viella, 2014.
- Programma per 9 cfu:
-studio della storia italiana sul manuale di V. Criscuolo, Storia Moderna, Milano, Pearson, 2019, capitoli 12, 14, 19, 21, 24, 26, 29, 30, oppure C. Capra, Storia Moderna 1492-1848, Milano, Le Monnier, 2021, capitoli 7, 10, 14,17, 22, 25, 26, 27.
-più lo studio del volume F. Benigno - E. I. Mineo (a cura di), L'Italia come storia. Primato, decadenza, eccezione, Roma, Viella, 2020.
-Lo studio di due fra i seguenti volumi:
R. Bizzocchi, I cognomi degli italiani. Una storia lunga 1000 anni, Roma-Bari, Laterza, 2014;
C. Capra, La felicità per tutti. Figure e temi dell'Illuminismo lombardo, Milano, Aracne, 2017;
P. Delpiano, Il governo della lettura. Chiesa e libri nell'Italia del Settecento, Bologna, Il Mulino, 2007;
F. Gilbert, Machiavelli e Guicciardini. Pensiero politico e storiografia a Firenze nel Cinquecento, Torino, Einaudi, 2012;
G. Greco, Storia del Granducato di Toscana, Brescia, Morcelliana, 2020, fino a p.327;
O. Niccoli, La vita religiosa nell'Italia moderna. Secoli XV-XVIII, Roma, Carocci, 2017;
W. Panciera, La Repubblica di Venezia nel Settecento, Roma, Viella, 2014.

Il presente programma d'esame è valido da dicembre 2021 fino a settembre 2022.

Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso per concordare il programma d'esame.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
- Metodo: esame orale
- Tipo di esame: colloquio orale
- Criteri di valutazione: capacità di dimostrare e elaborare le conoscenze acquisite, capacità di riflettere criticamente sul lavoro svolto; qualità dell'esposizione, competenza nell'uso del lessico della disciplina, efficacia comunicativa e chiarezza.
- Tipo di valutazione: voto in trentesimi
Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
M-STO/02 - STORIA MODERNA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
M-STO/02 - STORIA MODERNA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
M-STO/02 - STORIA MODERNA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Docente/i
Ricevimento:
Martedì 10,30-13,30
Dipartimento di Studi Storici, settore B, stanza 21