Diritto del mercato interno dell'unione europea

A.A. 2019/2020
6
Crediti massimi
42
Ore totali
SSD
IUS/14
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
-Conoscenza e capacità di comprensione delle tematiche oggetto del programma. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito un'adeguata conoscenza e comprensione del processo di realizzazione del mercato unico e delle norme e dei principi che ne regolano il funzionamento.
-Capacità di analisi di casi concreti. Lo studente deve dimostrare di sapere applicare le nozioni di diritto apprese a casi concreti, attraverso lo studio di documenti ufficiali dell'UE e, in particolare, della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea.
-Autonomia di giudizio. Lo studente deve dimostrare di sapere assumere posizioni argomentate e giuridicamente sostenibili con riferimento alle tematiche oggetto del corso.
-Padronanza della terminologia giuridica. Lo studente deve dimostrare di saper esprimere le conoscenze del diritto dell'Unione europea acquisite con coerenza argomentativa e proprietà di linguaggio.
-Capacità di apprendimento. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito gli strumenti di base per l'aggiornamento delle proprie conoscenze del diritto materiale dell'Unione europea, applicando il quadro normativo e giurisprudenziale di riferimento.
Risultati apprendimento attesi
Al termine del corso, lo studente dovrà aver acquisito: (i) una buona conoscenza e comprensione del processo di realizzazione del mercato interno e dei fondamenti delle relative libertà di circolazione; (ii) la capacità di analisi critica e di rielaborazione delle nozioni acquisite, nonché di applicazione delle stesse a fattispecie concrete; (iii) la capacità di interpretare le norme giuridiche esaminate nel corso e di assumere posizioni argomentate e giuridicamente sostenibile con riguardo alle tematiche oggetto di discussione; (iv) la padronanza della terminologia giuridica afferente alla sfera del diritto dell'Unione europea; (v) gli strumenti necessari per il futuro aggiornamento sul tema.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Programma
L'insegnamento, muovendo dall'analisi della progressiva realizzazione del mercato interno, ovvero dalle sue diverse fasi di evoluzione, dedicherà particolare attenzione alla sua attuale configurazione complessiva e ai suoi possibili futuri sviluppi, anche in considerazione delle sfide che l'Unione europea si trova ad affrontare: l'eventuale recesso di uno Stato membro, la crisi economico - finanziaria, gli importanti fenomeni migratori. Verrà successivamente introdotta la nozione di cittadinanza europea, insieme ai diritti connessi allo status di cittadino.
Ognuna delle quattro libertà fondamentali del mercato interno (la libera di circolazione di persone, merci, servizi e capitali) sarà poi oggetto di un approfondito esame, in modo da fornire allo studente gli strumenti per comprendere il funzionamento del mercato interno nell'attuale contesto economico e giuridico dell'Europa.
Lo studio del mercato interno sarà condotto attraverso l'analisi della normativa rilevante (le norme dei Trattati, ma anche gli specifici strumenti di diritto derivato), nonché attraverso l'esame approfondito della giurisprudenza della Corte di giustizia, che ha contribuito a delineare i principi alla base del funzionamento del mercato interno e che tuttora fornisce uno strumento fondamentale per la sua comprensione e la sua costruzione.
Prerequisiti
Gli studenti devono aver già sostenuto l'esame di Diritto dell'Unione europea.
Metodi didattici
Il corso prevede una serie di lezioni frontali affiancate da incontri di carattere seminariale, ove è richiesta una partecipazione attiva dello studente. In tali incontri verrà stimolato il dibattito attraverso l'esame di un caso pratico.
Materiale di riferimento
L. Daniele, Diritto del mercato unico europeo e dello spazio di libertà, sicurezza e giustizia, Milano, Giuffré, 2019.
Per ogni riferimento utile alle norme dell'Unione europea, si rinvia a:
B. Nascimbene, Unione europea - Trattati, 4ª ed., Torino, Giappichelli, 2017.
Per ogni riferimento utile alla giurisprudenza dell'Unione europea e nazionale, si rinvia a B. Nascimbene, Massimo Condinanzi (eds.), Giurisprudenza di diritto dell'Unione europea. Casi scelti, Milano, 2018.
Per i frequentanti, i testi consigliati costituiranno soltanto un riferimento generale, la preparazione dell'esame dovendo basarsi essenzialmente sul contenuto delle lezioni e sul materiale distribuito a lezione.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
La prova finale del profitto relativa all'insegnamento si svolge in forma orale e la valutazione è espressa con un voto in trentesimi, con eventuale lode.
I criteri per la valutazione della prova orale tengono conto della correttezza dei contenuti, della chiarezza argomentativa e delle capacità di analisi critica e di rielaborazione.
IUS/14 - DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA - CFU: 6
Lezioni: 42 ore