Istituzioni politiche e processi decisionali

A.A. 2019/2020
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
SPS/04
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Nell'ambito della formazione interdisciplinare del corso di Laurea Magistrale, questo insegnamento si propone di fornire una serie di competenze analitiche, metodologiche e interpretative per la conoscenza, la comprensione e l'analisi dei processi decisionali all'interno di arene politiche istituzionalizzate, a partire da basi teoriche ed applicative derivate dalla teoria sociale (con particolare riferimento alla teoria della scelta razionale e alla teoria dei sistemi), dalla politica comparata e dalla teoria politica positiva. Dopo un'introduzione ai modelli teorici fondamentali per lo studio dei processi decisionali, ci si concentrerà sull'analisi di alcune specifiche arene istituzionali (sistema elettorale, sistema dei partiti, parlamento, governo) del sistema politico italiano, che verranno esaminate in chiave sincronica e diacronica, a partire da molteplici riferimenti alla loro origine ed evoluzione, oltre che alle loro strutture fondamentali e alle congiunture critiche che hanno attraversato nel corso del tempo.
Risultati apprendimento attesi
- Conoscenza e capacità di comprensione: a conclusione del corso, lo studente avrà acquisito un insieme di competenze analitiche, metodologiche e interpretative inerenti i contenuti e gli esiti (attori, processi, output, outcome, feedback, effetti emergenti, effetti di composizione) dei processi decisionali nelle principali arene istituzionali di una polity democratica. Dal punto di vista metodologico, tali competenze si inquadreranno in una conoscenza sistematica di alcuni strumenti della teoria dei giochi e della teoria dei sistemi utili più in generale a diagnosticare le caratteristiche dei processi decisionali nell'ambito delle istituzioni politiche.
- Capacità di applicare conoscenza e Capacità di apprendimento spontaneo: le conoscenze acquisite dovrebbero consentire allo studente di procedere autonomamente all'analisi dei principali processi decisionali che pertengono il funzionamento di un sistema politico e di partiti, servendosi del bagaglio concettuale della teoria dei giochi e della teoria dei sistemi. In particolare, lo studente imparerà ad esaminare l'interazione strategica (cooperativa o competitiva) fra partiti, le dinamiche che presiedono alla costruzione e all'approvazione di un provvedimento legislativo, i rapporti fra parlamento ed esecutivo in termini di maggioranza e opposizione, le relazioni fra le forze politiche di un governo di coalizione. Alla comprensione di tali processi si combinerà una conoscenza relativamente approfondita del funzionamento del sistema politico italiano.
- Abilità comunicative: attraverso la presentazione e discussione in aula di casi studio, lo studente dovrebbe apprendere a comunicare i contenuti e gli esiti dell'analisi di un dato processo decisionale di tipo politico a interlocutori di vario genere, specialisti e non specialisti.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo trimestre
Programma
Il programma si articola in due Unità Didattiche (a+b), ciascuna di venti ore.

Programma dell'Unità didattica (a)
La prima Unità didattica, a carattere introduttivo, si occupa di indagare i principali paradigmi teorici inerenti l'analisi dei processi decisionali e lo studio delle istituzioni politiche e sociali. Particolare attenzione verrà rivolta ai meccanismi fondamentali del comportamento sociale, fra vincoli di osservanza delle norme sociali e libertà di azione in termini di razionalità strategica. Si prenderà dapprima a riferimento il modello della decisione nella prospettiva della teoria della scelta razionale. Si passerà successivamente a esaminare altre varianti della teoria dell'azione, che hanno per presupposto modelli di razionalità del soggetto agente diversamente qualificati, fino al paradigma della razionalità limitata. Si introdurranno infine le teorie neoistituzionaliste e la teoria dei sistemi sociali, integrandole con approcci di stampo evoluzionistico utili allo studio del cambiamento.

Programma dell'Unità didattica (b)
La seconda Unità didattica si propone di analizzare il funzionamento di alcune arene istituzionali (sistema elettorale, sistema dei partiti, parlamento, governo) del sistema politico italiano, nella sua evoluzione dalle origini dello stato unitario agli anni più recenti. Si esamineranno le diverse fasi di sviluppo del sistema politico italiano, concentrandosi in particolare sulla sua evoluzione dal secondo dopoguerra alle ultime elezioni politiche (2018): dall'approvazione della Costituzione italiana, attraverso la cosiddetta "Repubblica dei partiti", fino alla tripolarizzazione instabile che ha caratterizzato gli anni più recenti. Si privilegerà lo studio del comportamento degli attori e delle caratteristiche strutturali degli assetti istituzionali fondamentali, mettendo in luce le anomalie e le criticità che hanno segnato l'esperienza storica del nostro paese, dalle origini dello stato unitario alla fase costituente repubblicana, fino a oggi.
Prerequisiti
Nell'ambito della formazione interdisciplinare del corso di Laurea Magistrale, questo insegnamento si propone di fornire una serie di competenze analitiche, metodologiche e interpretative per la conoscenza, la comprensione e l'analisi dei processi decisionali all'interno di arene politiche istituzionalizzate, a partire da basi teoriche ed applicative derivate dalla teoria sociale (con particolare riferimento alla teoria della scelta razionale e alla teoria dei sistemi), dalla politica comparata e dalla teoria politica positiva. Dopo un'introduzione ai modelli teorici fondamentali per lo studio dei processi decisionali, ci si concentrerà sull'analisi di alcune specifiche arene istituzionali (sistema elettorale, sistema dei partiti, parlamento, governo) del sistema politico italiano, che verranno esaminate in chiave sincronica e diacronica, a partire da molteplici riferimenti alla loro origine ed evoluzione, oltre che alle loro strutture fondamentali e alle congiunture critiche che hanno attraversato nel corso del tempo.
Metodi didattici
Lezioni frontali, presentazioni da parte degli studenti, studi di caso, discussioni di gruppo, anche con testimonianza del mondo politico e istituzionale. Materiali di ausilio e di integrazione alla didattica sono disponibili sul blog personale del docente.

Risultati di apprendimento attesi:

a) Conoscenza e capacità di comprensione: a conclusione del corso, lo studente avrà acquisito un insieme di competenze analitiche, metodologiche e interpretative inerenti i contenuti e gli esiti (attori, processi, output, outcome, feedback, effetti emergenti, effetti di composizione) dei processi decisionali nelle principali arene istituzionali di una polity democratica. Dal punto di vista metodologico, tali competenze si inquadreranno in una conoscenza sistematica di alcuni strumenti della teoria dei giochi e della teoria dei sistemi utili più in generale a diagnosticare le caratteristiche dei processi decisionali nell'ambito delle istituzioni politiche.

b) Capacità di applicare conoscenza e Capacità di apprendimento spontaneo: le conoscenze acquisite dovrebbero consentire allo studente di procedere autonomamente all'analisi dei principali processi decisionali che pertengono il funzionamento di un sistema politico e di partiti, servendosi del bagaglio concettuale della teoria dei giochi e della teoria dei sistemi. In particolare, lo studente imparerà ad esaminare l'interazione strategica (cooperativa o competitiva) fra partiti, le dinamiche che presiedono alla costruzione e all'approvazione di un provvedimento legislativo, i rapporti fra parlamento ed esecutivo in termini di maggioranza e opposizione, le relazioni fra le forze politiche di un governo di coalizione. Alla comprensione di tali processi si combinerà una conoscenza relativamente approfondita del funzionamento del sistema politico italiano.

c) Abilità comunicative: attraverso la presentazione e discussione in aula di casi studio, lo studente dovrebbe apprendere a comunicare i contenuti e gli esiti dell'analisi di un dato processo decisionale di tipo politico a interlocutori di vario genere, specialisti e non specialisti.
Materiale di riferimento
Unità didattica (a):
1- N. Addario e L.M. Fasano, La logica della società. Uno studio sul problema dell'ordine sociale, Egea Università Bocconi Editore, Milano 2012.

Unità didattica (b):
1- N. Addario e L.M. Fasano, Il sistema politico italiano. Origini, evoluzione, struttura, Laterza, Roma-Bari 2019.
2- P. Martelli, L'istituzione del disordine. Regole del gioco e giocatori nella politica italiana dal 1946 al 2018, Rubbettino, Soveria Mannelli 2018.

Testi consigliati per ulteriori approfondimenti:
- per la teoria della scelta razionale e la teoria dei giochi:
a) F. Colombo, Introduzione alla teoria dei giochi, Carocci editore, Roma 2003.
b) S. Hargreaves Heap, M. Hollis, B.R. Lyons, R. Sugden, A. Weale, La teoria della scelta. Una guida critica, Laterza, Roma-Bari 1996.
c) E. Angner, Economia comportamentale. Guida alla teoria della scelta, Hoepli, Milano 2017.

- per il rapporto fra teoria sociale e spiegazione dei fenomeni politici:
a) A. Panebianco, L'automa e lo spirito. Azioni individuali, istituzioni, imprese collettive, il Mulino, Bologna 2009.
b) A. Panebianco,
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
Esame orale: un colloquio finalizzato alla verifica dell'apprendimento di competenze analitiche, metodologiche e interpretative atte a conoscere e padroneggiare il processo decisionale per come si realizza nell'ambito delle istituzioni politiche, con particolare riferimento al sistema politico italiano e alla sua evoluzione nel corso del tempo.
SPS/04 - SCIENZA POLITICA - CFU: 6
Lezioni: 40 ore
Docente/i
Ricevimento:
Il ricevimento si tiene dietro appuntamento richiesto via email al docente. Si prega di indicare in oggetto “Ricevimento studenti: RICHIESTA DI APPUNTAMENTO”.
Stanza 313 - SPS Dipartimento di Scienze sociali e politiche, 3° piano, lato via Passione, per il ricevimento in presenza. Durante l'Emergenza Covid-19 solo per i miei tesisti e dietro appuntamento.