Lingua spagnola lm 2

A.A. 2019/2020
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
L-LIN/07
Lingua
Spagnolo
Obiettivi formativi
Il corso costituisce il momento finale del percorso di biennale di apprendimento/acquisizione della lingua spagnola nell'ambito dello studio avanzato della lingua straniera. A livello teorico, approfondisce l'analisi del discorso colloquiale con particolare attenzione ai marcatori del discorso; con pratica attiva e seminariale si sviluppano inoltre gli strumenti critici per la ricerca scientifica pragmalinguistica.
A livello pratico, lo scopo è di avviare gli studenti che partono da un livello minimo C1 all'acquisizione della competenza comunicativa di livello C1+ del QCER, con la quale lo studente "comprende un'ampia gamma di testi complessi e lunghi e ne sa riconoscere il significato implicito. Si esprime con scioltezza e naturalezza. Usa la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali ed accademici. Riesce a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un sicuro controllo della struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione".
Risultati apprendimento attesi
I risultati attesi in termini di conoscenza e comprensione sono che lo studente si appropri di basi sicure di analisi del discorso e di analisi della conversazione e acquisisca le strutture del registro colloquiale dello spagnolo.
In termini di soft skills, lo studente si appropria criticamente della metodologia di analisi pragmalinguistica, si forma alle dinamiche dell'argomentazione orale, diventa autonomo nel riconoscere le strutture linguistiche al fine di apprenderle anche in contesti reali (e non solo accademici) e sperimenta attività analisi delle dinamiche dei gruppi in apprendimento cooperativo.
I risultati attesi in termini di competenze applicate sono la capacità di concepire la lingua come un uso socialmente e culturalmente contestualizzato, capacità di variare il registro nelle proprie produzioni e capacità di analisi pragmalinguistica. Inoltre, è atteso il raggiungimento del livello C1+ per tutte le attività linguistico-comunicative: ricezione (ascolto e lettura), produzione di testi, presentazioni e interazioni orali.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
annuale
Programma
A livello teorico, il corso approfondisce il registro colloquiale spagnolo e i relativi marcatori del discorso; con pratica attiva e seminariale si sviluppano inoltre gli strumenti critici per la ricerca scientifica pragmalinguistica.
A livello pratico è abbinato alle Esercitazioni linguistiche (livello QCER C1+).
Il corso eroga 9 CFU. Non è possibile acquisirne solo 6.
Il programma del corso è valido fino a settembre 2021 compreso.
Prerequisiti
Il corso si tiene totalmente in lingua spagnola. I materiali e la bibliografia d'esame presuppongono delle competenze di lingua spagnola di livello QCER minimo B2 e di uso della terminologia e di analisi critica maturate nei corsi precedenti.
Inoltre, è necessario disporre dei requisiti di accesso alla LM C73 relativi alla lingua spagnola, come indicato nel Manifesto degli Studi.
Metodi didattici
Il corso adotta i seguenti metodi didattici: lezioni euristiche con partecipazione attiva degli studenti e con il sussidio di realia di spagnolo conversazionale. Inoltre, si prevedono lavori di ricerca in gruppi di Apprendimento cooperativo.
Inoltre, è integrato da esercitazioni, per le quali si rimanda all'apposita scheda.
Materiale di riferimento
Il corso dispone di un sito sulla piattaforma on line per la didattica Ariel, al quale si rimanda per i materiali forniti dal docente.

Di seguito viene indicata la bibliografia per gli studenti frequentanti, da intendersi come lettura di riferimento per completare le lezioni in classe:
Martín Zorraquino Mª. A., Portolés Lázaro J., "Los marcadores del discurso" en I. Bosque, V. Demonte (coord.), Gramática descriptiva del español. Entre la oración y el discurso. Morfología, Madrid, Espasa Calpe, vol. 3., 1999, pp. 4055-4082; Briz Gómez A., Grupo Val.Es.Co., "Presentación", en A. Briz Gómez et alii (eds.), Diccionario de partículas discursivas del español, Universidad de Valencia, 2000-2004, online; Cortés Rodríguez L., Co'mo hacer una exposicio'n oral, Madrid, Arco/Libros, 2018; S. De los Heros, M. Niño-Murica (eds), Fundamentos y modelos del estudio pragmático y sociopragmáticoa del español, Washington, Washington University Press, 2012, SOLO: Cap. 5 (Análisis de la conversación), cap. 7 (Análisis crítico del discurso), cap. 8 (Lengua y género); Cortés Rodríguez L., Camacho Adarve M. M., ¿Qué es el análisis del discurso?, Octaedro, Barcelona, 2003; Riccio, A., Gli strumenti per la ricerca linguistica: corpora, dizionari e database, Roma, Carocci, 2016.


Avvertenze per i non frequentanti
Di seguito viene indicata la bibliografia di studio obbligatoria per gli studenti frequentanti:
Briz Gómez A., El español coloquial en la conversación. Esbozo de pragmagramática, Barcelona, Ariel, 1998; Landone E., Los marcadores del discurso y la cortesía verbal en español, Berna, Peter Lang, 2009, SOLO: capp. 2 e 3; Martín Zorraquino Mª. A., Portolés Lázaro J., "Los marcadores del discurso" en I. Bosque, V. Demonte (coord.), Gramática descriptiva del español. Entre la oración y el discurso. Morfología, Madrid, Espasa Calpe, vol. 3., 1999, pp. 4055-4082;Briz Gómez A., Grupo Val.Es.Co., "Presentación", en A. Briz Gómez et alii (eds.), Diccionario de partículas discursivas del español, Universidad de Valencia, 2000-2004, online; López Alonso C., Análisis del discurso, Editorial Síntesis, Madrid, 2014; S. De los Heros, M. Niño-Murica (eds), Fundamentos y modelos del estudio pragmático y sociopragmáticoa del español, Washington, Washington University Press, 2012, SOLO: Cap. 5 (Análisis de la conversación), cap. 7 (Análisis crítico del discurso), cap. 8 (Lengua y género); Cortés Rodríguez L., Camacho Adarve M. M., ¿Qué es el análisis del discurso?, Octaedro, Barcelona, 2003; Riccio, A., Gli strumenti per la ricerca linguistica: corpora, dizionari e database, Roma, Carocci, 2016.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame si compone di un accertamento di livello linguistico (orale e scritto) e di un colloquio orale sui contenuti del corso. L'accertamento linguistico (parte scritta) e le parti orali (corso ed esercitazioni) si svolgono in giorni diversi e possono essere sostenuti in sequenza libera. Si consiglia in ogni caso di sostenere prima l'accertamento linguistico scritto e successivamente il colloquio del corso (in caso si scelga la sequenza contraria è bene avvisare la docente per ricevere istruzioni relative alla verbalizzazione del voto).

Tutte le parti dell'esame si sostengono interamente in lingua spagnola.

La prova di accertamento linguistico scritta si svolge in tre appelli annuali (maggio, settembre e gennaio) e valuta le competenze scritte relative alle esercitazioni. La prova dura circa quattro ore e non è ammesso l'uso di dizionari. Si compone, similmente al DELE, di comprensione di lettura e uso della lingua e di espressione e interazione scritta (per quest'ultima si tratta di una comprensione uditiva con espressione scritta di 400 parole, una riscrittura di un testo di 150-250 parole e un'espressione con interazione scritta di 200-250 parole) (di cui si valutano la correttezza grammaticale, la varietà lessicale, la coerenza e chiarezza delle idee, la coesione del testo con l'uso di connettivi). Il voto della prova scritta è la media matematica del voto delle due parti, che devono essere entrambe sufficienti. Il voto è in trentesimi e lo studente ha facoltà di rifiutarlo. Il voto di sufficienza è 18/30. I risultati sono disponibili solitamente entro una decina di giorni dallo svolgimento dello scritto e vengono pubblicati sulla piattaforma Ariel del corso. Le prove vengono corrette integralmente e l'esercitatore destina un minimo di due ricevimenti affinchè gli studenti prendano visione della correzione e per un eventuale commento autovalutativo. La prova di accertamento scritto ha validità di un anno, da sessione a sessione (compresa).

La prova scritta può essere facoltativamente sostituita da due prove parziali scritte in itinere durante l'anno, che seguono le stesse modalità di esecuzione e validità indicate per la prova scritta. Si accede ai parziali dimostrando l'assistenza a un minimo del 75% delle esercitazioni. I parziali si svolgono alla fine di ogni semestre e prevedono gli stessi contenuti della prova scritta. I parziali vengono valutati in trentesimi, il voto di sufficienza è 18/30 e tutte le parti che li integrano devo essere sufficienti. L'esito totale dei parziali è dato dalla media fra il primo e il secondo parziale e il voto può essere rifiutato. Nel caso in cui il voto del primo parziale risulti particolarmente penalizzante per lo studente rispetto all'esito del secondo, la media verrà calibrata a favore dello studente laddove vi è un miglioramento tangibile della competenza durante l'anno. Nel caso di non superamento del secondo parziale, si considera esito negativo di tutta la valutazione in itinere e deve essere sostenuta la prova scritta. Il non superamento del primo parziale non preclude lo svolgimento del secondo: in tal caso, se viene superato il secondo parziale, il voto totale viene calcolato facendo la media matematica fra 18/30 e il voto preso nel secondo parziale superato.

La prova di accertamento linguistico orale si attiene alle regolari sessioni d'esame ed è in concomitanza con il colloquio del corso. L'accertamento orale valuta le competenze comunicative orali relative alle esercitazioni in una conversazione della durata di circa 20 minuti sui temi del materiale pubblicato in Ariel. Tale prova è propedeutica al colloquio del corso monografico, nel caso non venisse superata lo studente non potrà accedere al colloquio e dovrà ripresentarsi ad un altro appello per entrambe le parti orali. In ogni caso, l'accertamento orale e il colloquio del corso monografico vanno superati nello stesso appello. Il giudizio è approvato/ non approvato e lo studente ha facoltà di rifiutarlo. Non è ammesso l'uso di dizionari.

Il colloquio orale sui contenuti del corso si attiene alle regolari sessioni d'esame. Dura circa 20 minuti e prevede domande poste dal docente volte a verificare la conoscenza dei testi studiati e la precisione nell'uso della terminologia specifica, nonché la capacità di riflessione critica e personale sulle tematiche proposte. Per gli studenti frequentanti è prevista un'autovalutazione ragionata. Il voto è in trentesimi e lo studente ha facoltà di rifiutarlo. Il voto di sufficienza è 18/30. Il colloquio sul corso (avendo superato previamente l'accertamento orale) ha validità di un anno, da sessione a sessione (compresa). Se è già stato superato l'accertamento scritto, con il colloquio l'esame risulta terminato e si procede alla verbalizzazione del voto complessivo, dato dalla media matematica tra la prova di accertamento scritta e il colloquio del corso che devono essere entrambi sufficienti. Se non è ancora stato superato lo scritto, la verbalizzazione avverrà posteriormente al superamento dello scritto (lo studente dovrà iscriversi e presentarsi a un successivo appello orale per la sola verbalizzazione) e a seguito del solo esame orale lo studente riceverà un verbale di annullamento con indicato "respinto".

Altre avvertimenti:

Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente.

Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.
L-LIN/07 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA - CFU: 9
Lezioni: 60 ore
Docente: Landone Elena
Docente/i
Ricevimento:
Contattare tramite posta elettronica
Piazza S. Alessandro, 1 - Sezione Iberistica 1º piano