Letteratura italiana

A.A. 2020/2021
12
Crediti massimi
80
Ore totali
SSD
L-FIL-LET/10
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento si propone di fornire agli studenti una conoscenza critica degli snodi fondamentali del sistema letterario italiano, dalle Origini al Seicento, seguendo la tradizione e trasformazione di modelli, temi, forme.
Risultati apprendimento attesi
Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà conoscere e saper collocare, entro il contesto storico e secondo una adeguata periodizzazione, gli aspetti e le questioni fondamentali della letteratura italiana dalle Origini al Seicento, con specifico riferimento ai generi, temi e poetiche, autori e opere, modalità di trasmissione dei testi e loro definizione sul piano filologico. Inoltre lo studente dovrà conoscere gli strumenti (elementi di metrica, retorica, teoria degli stili e narratologia) e le metodologie critiche necessarie ad analizzare e interpretare i testi.
Tra le sue competenze, lo studente dovrà poi dimostrare la capacità di comprendere e analizzare i testi letterari (nei loro aspetti tematici e formali), collocandoli nei rispettivi contesti. Allo stesso modo, lo studente dovrà dimostrare competenza nella comprensione e nell'uso dei contributi di saggistica letteraria, capacità di identificare la bibliografia e di fare ricorso ai primi strumenti di risorse bibliografiche, nonché la capacità di comunicare con chiarezza e correttezza nell'esposizione orale e scritta, facendo uso appropriato del lessico della disciplina.
Programma e organizzazione didattica

A-De

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica D
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Ravera Giulia

Di-N

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Le lezioni si svolgeranno in modalità a distanza, in parte in forma sincrona tramite la piattaforma Microsoft Teams, in parte asincrona tramite Power point con audio.
Gli studenti potranno trovare tutte le informazioni per accedere alle lezioni (link ecc.), eventuali cambiamenti del programma ed eventuali variazioni del materiale di riferimento (bibliografia ecc.) sul sito Ariel dell'insegnamento.
Qualora non fosse possibile svolgere l'esame secondo le modalità previste nel Programma la prova d'esame si svolgerà in forma telematica con le modalità che saranno comunicate sul sito Ariel dell'insegnamento.
Programma
Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): La letteratura italiana del Due-Trecento
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): La letteratura italiana dall'Umanesimo al Barocco
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Immagini di luce, metafore, similitudini nel Purgatorio dantesco
Unità didattica D (20 ore, 3 cfu): Esercizi di lettura

Il corso (prima annualità) è rivolto agli studenti del triennio il cui cognome inizia con Di-N del Corso di laurea in Lettere (12 CFU) e del Corso di laurea in Scienze umanistiche per la comunicazione (6 o 9 CFU): questi ultimi prepareranno le unità didattiche A e C (6 cfu; esame solo orale) o A, B e C (9 cfu; esame scritto e orale).

Il programma dell'insegnamento è suddiviso in quattro unità didattiche. Le prime due unità didattiche riguardano temi ed autori della Letteratura italiana dai poeti Siciliani a Petrarca (unità A) e dall'Umanesimo a Galileo (unità didattica B), privilegiando direttrici e percorsi "esemplari" mediante i quali si metteranno in rilievo aspetti salienti relativi sia alla continuità nella tradizione letteraria sia alle peculiarità storiche e stilistiche.
L'unità didattica C, di carattere monografico, sarà dedicata al Purgatorio di Dante.
Nell'unità didattica D si svolgeranno letture e approfondimenti di testi di carattere novellistico.
Prerequisiti
Non sono previsti requisiti d'accesso. Si fa presente però che gli studenti del Corso di Laurea in Lettere immatricolati nell'a.a. 2020-2021 che al test d'accesso abbiano ottenuto un punteggio inferiore a 5 nella sezione 2 (Conoscenze e competenze acquisite negli studi) sono indirizzati a adempiere agli Obblighi formativi aggiuntivi (OFA) previsti, che mirano in particolare a colmare carenze pregresse in questa disciplina. Tutti gli studenti immatricolati nell'a.a. 2020-2021 sono tenuti a consultare la pagina del sito del Corso di Laurea per sapere qual è il percorso indicato per loro.
Gli studenti immatricolati nell'a.a. 2019-2020 che abbiano ottenuto un punteggio inferiore a 65 al test d'ingresso e non abbiano frequentato il corso di sostegno all'esame di Letteratura italiana nell'a.a. 2019-2020 devono prendere contatto via mail con i docenti.
Metodi didattici
Le lezioni del corso saranno svolte a distanza, in parte in modo sincrono (sulla piattaforma Microsoft Teams), in parte mediante Power point con audio o pdf: tutte saranno registrate dalla docente e caricate nel sito Ariel (https://ariel.unimi.it/) dell'insegnamento. Tutti gli studenti del corso saranno dunque considerati frequentanti.
Nelle lezioni delle unità a A e B, a partire dai testi e con proiezioni di slide o uso di altri materiali, saranno messi a fuoco aspetti di rilievo, snodi cruciali e problematiche critiche relative alla storia della letteratura italiana dei secoli dal Duecento al Seicento. I testi in programma, che gli studenti sono tenuti a scaricare dal sito Ariel (o secondo quanto ivi specificato nella bibliografia), saranno oggetto di parafrasi e di approfondite letture, di analisi tematiche e stilistiche e di discussioni secondo diverse interpretazioni e prospettive critiche.
Nell'unità didattica C saranno sottoposti ad approfondita analisi tematica, semantica e stilistica selezionati passi del Purgatorio privilegiando un taglio che metta a fuoco aspetti salienti relativi alle immagini di luce nei loro diversi aspetti, ai campi metaforici, alle similitudini. Le lezioni dell'unità didattica D consisteranno in particolare in una approfondita lettura ed analisi di selezionate parti del Decameron.
Materiale di riferimento
Unità A e B. Il programma dettagliato e i testi relativi alle prime due unità didattiche saranno resi disponinili in Ariel https://acabrinilidn.ariel.ctu.unimi.it prima dell'inizio del corso.
Per la preparazione è indispensabile un sicuro inquadramento storico e culturale di autori e opere. Come manuale di riferimento si indica G. Ferroni, Storia e testi della letteratura italiana, Milano, Mondadori Università o un buon manuale per i licei con ampia scelta antologica. Si consigliano inoltre: per la metrica, P. Beltrami, Gli strumenti della poesia, Bologna, Il Mulino (Universale Paperbacks); per la retorica, B. Mortara Garavelli, Il parlar figurato. Manualetto di figure retoriche, Bari, Laterza.

Unità didattica C
Testo
Dante Alighieri, Purgatorio, in una delle seguenti edizioni, a cura di: Sapegno (La Nuova Italia), Bosco-Reggio (Le Monnier), Chiavacci Leonardi (Mondadori o Zanichelli), Bellomo-Carrai (Einaudi).
Saranno oggetto dell'esame i passi analizzati, commentati e indicati a lezione.

Bibliografia critica:
E. Pasquini, Il dominio metaforico in Dante le figure del vero, Milano, Bruno Mondadori, 2001, pp. 179-217.
Anna Pegoretti, Dal "lito diserto" al giardino. La costruzione del paesaggio nel "Purgatorio" di Dante, Bologna, Bononia University Press, 2007,
L. Serianni, Sulle similitudini della Commedia, in «L'Alighieri», 35 (2010), pp. 25-43.
Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno fornite durante le lezioni e riportate in Ariel.

Unità didattica D
Testo:
G. Boccaccio, Decameron, a cura di V. Branca, Torino, Einaudi (Einaudi tascabili).
La scelta dei passi, altre letture e riferimenti bibliografici saranno indicati durante le lezioni e riportati in Ariel.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame da 12 e 9 cfu consiste in una prova scritta preliminare sulle unità didattiche A e B e in una prova orale sulle unità didattiche C e D (12 cfu; solo C, 9 cfu,), volte ad accertare le conoscenze degli studenti sugli argomenti in programma. L'esame da 6 cfu avrà svolgimento solo orale, sulle unità didattiche A e C.
La prova scritta si tiene a gennaio, maggio e settembre 2021 e il suo superamento è requisito necessario per l'accesso all'esame orale; dà luogo a un giudizio qualitativo in quattro fasce (sufficiente, discreto, buono, ottimo) che sarà considerato nel giudizio finale complessivo. Gli esiti della prova scritta saranno pubblicati su Ariel nella sezione specificamente dedicata.
La prova scritta, della durata di 90 minuti, è a risposta aperta ed è articolata in tre parti: la prima consiste nello svolgimento di uno degli argomenti, opere o autori compresi nel programma delle due unità didattiche A e B; la seconda parte riguarda la parafrasi e il commento relativi ad uno dei componimenti poetici in programma; la terza parte consiste in una sorta di test: quattro domande a risposta aperta, in forma breve e sintetica, pertinenti alla materia delle due unità didattiche.
Gli studenti che, sulla base del Test di accesso, abbiano dovuto sostenere il corso di sostegno e abbiano superato la prova finale non dovranno sostenere la domanda relativa a parafrasi e commento.
La prova scritta sarà valutata sulla capacità di elaborazione di una risposta organica e coerente con la richiesta e di rielaborare autonomamente le conoscenze e le competenze acquisite, nonché sulla competenza nell'esposizione scritta, con uso del registro formale e del lessico specialistico.
La prova orale consiste nella discussione critica su aspetti fondamentali dell'opera affrontata nelle unità C e D. Lo studente, se richiesto, dovrà comunque dimostrare una piena capacità di parafrasi del testo. Oggetto della valutazione saranno la capacità di organizzare criticamente e discorsivamente le conoscenze derivate dalle lezioni e dallo studio della bibliografia e la capacità di esporre esaustivamente ed efficacemente problemi e questioni ricorrendo al linguaggio specialistico.
Il voto finale, che contempla anche il giudizio della prova scritta, sarà espresso in trentesimi.
Indicazioni dettagliate sul programma e sulla prova d'esame saranno fornite in Ariel e specificate nella prima lezione del corso.
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso.
Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica D
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

O-Z

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Le lezioni si svolgeranno in modalità a distanza, in parte in forma sincrona tramite la piattaforma Microsoft Teams, in parte attraverso power point con audio. Le registrazioni delle lezioni, insieme con tutti i materiali condivisi nel corso della lezione, nonché i power point con audio, saranno caricati sul sito Ariel.
Gli studenti potranno trovare il calendario e tutte le informazioni per accedere alle lezioni sul sito Ariel. Eventuali variazioni del materiale di riferimento saranno anch'essi comunicati sul sito Ariel dell'insegnamento.
Modalità di verifica dell'apprendimento:
Qualora non fosse possibile svolgere l'esame secondo le modalità previste nel Syllabus, la prova d'esame si svolgerà in forma telematica con le modalità che saranno comunicate sul sito Ariel dell'insegnamento.
Programma
Titolo del corso Storia e interpretazione del testo letterario (80 ore, 12 cfu)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): I primi secoli [Sandra Carapezza]
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Dall'umanesimo al barocco [Sandra Carapezza]
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): L'Aminta di Torquato Tasso [Guglielmo Barucci]
Unità didattica D (20 ore, 3 cfu): Elementi di retorica e di metrica esemplificati su testi della tradizione [Guglielmo Barucci]

Il corso (prima annualità) è rivolto agli studenti del triennio il cui cognome inizia con O-Z del Corso di laurea in Lettere (12 CFU) e del Corso di laurea in Scienze umanistiche per la comunicazione (6 o 9 CFU). Gli studenti che sosterranno un esame da 12 CFU prepareranno tutte e quattro le unità didattiche. Gli studenti che sosterranno un esame da 9 CFU prepareranno le unità didattiche A, B e C. Gli studenti che sosterranno un esame da 6 CFU accederanno direttamente alla prova orale e prepareranno le unità didattiche A e C.

Il programma dell'insegnamento prevede la presentazione e trattazione dei seguenti argomenti: nelle prime due unità didattiche (A e B) sarà affrontata la storia della letteratura italiana dalle Origini al Barocco; l'unità didattica C è dedicata all'analisi dell'Aminta di Torquato Tasso nel contesto del genere, dell'epoca e del macrotesto tassiano; l'unità didattica D presenterà, attraverso esercitazioni di lettura e di analisi di testi, approfondimenti della parte istituzionale relativa alla retorica e alla metrica.
Prerequisiti
Non sono previsti requisiti d'accesso. Si fa presente però che gli studenti del Corso di Laurea in Lettere immatricolati nell'a.a. 2020-2021 che al test d'accesso abbiano ottenuto un punteggio inferiore a 5 nella sezione 2 (Conoscenze e competenze acquisite negli studi) sono indirizzati a adempiere agli Obblighi formativi aggiunti (OFA) previsti, che mirano in particolare a colmare carenze pregresse in questa disciplina. Tutti gli studenti immatricolati nell'a.a. 2020-2021 sono tenuti a consultare la pagina del sito per sapere qual è il percorso indicato per loro.
Gli studenti immatricolati nell'a.a. 2019-2020 che abbiano ottenuto un punteggio inferiore a 65 al test d'ingresso e non abbiano frequentato il corso di sostegno all'esame di Letteratura italiana nell'a.a. 2019-2020 devono prendere contatto via mail con i docenti.
Metodi didattici
Le lezioni del corso saranno svolte a distanza, in parte in modo sincrono (sulla piattaforma Microsoft Teams), in parte mediante power point con audio o pdf: tutte saranno registrate dai docenti e caricate in Ariel. Tutti gli studenti del corso saranno dunque considerati frequentanti.
Durante le lezioni, anche grazie alla proiezione di slide, verranno messe a fuoco le nozioni fondamentali per collocare storicamente le correnti, gli autori, le opere; le principali questioni di natura critica e interpretativa per ciascuno degli argomenti trattati (attraverso numerose citazioni di saggi critici e confronti tra diverse posizioni); gli elementi di base nella trasmissione e ricezione di opere e testi; gli aspetti formali di maggiore interesse nei testi esaminati. Tutti i materiali proiettati saranno resi disponibili su Ariel. (http://ariel.unimi.it)
La lettura dei testi partirà sempre dalla parafrasi, mettendo in luce nei casi più rilevanti anche ipotesi interpretative differenti, per dare rilievo poi agli elementi tematici, concettuali e formali più significativi.
Nell'unità didattica C, l'analisi dell'edizione commentata dell'Aminta, dei materiali di confronto caricati su Ariel, nonché della bibliografia critica permetterà un approfondimento critico su uno dei principali testi della tradizione letteraria italiana, collocandolo nell'evoluzione di un genere di difficile definizione, nonché nelle scelte formali adottate dall'autore. Il modulo C sarà un momento di approfondimento per affinare strumenti e metodi di analisi e per apprendere il lessico della disciplina.
Nell'unità didattica D lo studio dei materiali caricati su Ariel permetterà di conoscere tanto gli elementi formali quanto gli elementi di continuità, trasformazione e mescolanza delle forme metriche.
Materiale di riferimento
Unità didattica A
I testi relativi alle unità A e B e il programma dettagliato saranno resi disponibili in Ariel (Contenuti > Materiali Didattici) all'inizio del corso. Sarà cura degli studenti scaricare integralmente i materiali così forniti. Non sarà prodotta nessuna dispensa cartacea.
Per la preparazione è indispensabile un sicuro inquadramento storico e culturale di autori e opere. Si consiglia di ricorrere a un buon manuale per i licei con ampia scelta antologica (per esempio Guglielmino-Grosser, Il sistema letterario, Milano, Principato; Grosser, Il canone letterario, Milano, Principato; Segre-Martignoni, Leggere il mondo, Milano, Bruno Mondadori; Alfano-Italia-Russo-Tomasi, Letteratura italiana, Milano, Mondadori).

Unità didattica B
Vale quanto indicato per l'unità didattica A.

Unità didattica C
Testo di riferimento:
Torquato Tasso, Aminta, introduzione e note di Marco Corradini, Milano, Rizzoli, 2015 e successive.
È richiesta la conoscenza dell'intera opera (composizione, struttura, temi, stile).
Ulteriori testi analizzati durante il corso saranno forniti su file distinti sempre sul sito Ariel.
Gli studenti dovranno inoltre preparare:
1. L'introduzione e l'apparato di note all'edizione
2. C. Gigante, La favola pastorale: Aminta, in Id., Tasso, Roma, Salerno ed., 2007, pp. 95-123. Il libro è disponibile anche sulla biblioteca digitale di Ateneo.
3. Uno studio a scelta tra:
- A. Andrisano, Il Satiro dell'Aminta e la sua tradizione classica in Torquato Tasso e l'università, a cura di W. Moretti e L. Pepe, Firenze, Olschki, 1997, pp. 357-371
- A. Beniscelli, I pericoli della pastorale: natura, istituzioni, utopia, in La tradizione della favola pastorale in Italia, a cura di A. Beniscelli, M. Chiarla, S. Morando, Clueb 2016, pp. 385-450
- N. Borsellino, S'ei piace, ei lice. Sull'utopia erotica dell'Aminta, in Torquato Tasso e la cultura estense, a cura di G. Venturi, Firenze, Olschki, 1999, III, pp. 957-970
- A. Corsaro, Inquietudini filosofiche del Tasso. In margine ad una rilettura dell'Aminta in Torquato Tasso e l'università, a cura di W. Moretti e L. Pepe, Firenze, Olschki, 1997, pp. 249-277
- F. Croce, La teatralità dell'Aminta, in M. Chiabò e F. Doglio (a cura di), Sviluppi della drammaturgia pastorale nell'Europa del Cinque-Seicento, Viterbo, Centro Studi sul Teatro Medioevale e Rinascimentale, 1992, 131-157
- A. Di Benedetto, L'Aminta e la pastorale cinquecentesca in Italia, Torquato Tasso e la cultura estense, a cura di G. Venturi, Firenze, Olschki, 1999, III, pp. 1121-1149
- S. Morando, Un'ipotesi di lavoro per Aminta, favola dell'amor humano nella Ferrara dei figli illegittimi in La tradizione della favola pastorale in Italia, a cura di A. Beniscelli, M. Chiarla, S. Morando, Clueb 2016, 179-204
- S. Zatti, Natura e potere nell'Aminta, in Studi di filologia e letteratura offerti a Franco Croce, Roma, Bulzoni, 1997, 131-147

Unità didattica D
I materiali oggetto del corso saranno preventivamente pubblicati su Ariel.
Bibliografia specifica è invece costituita da due dei seguenti quattro articoli:
- G. Gorni, La canzone, in Metrica e analisi letteraria, Bologna, il Mulino, 1993, 15-62 (o la sezione dedicata alla canzone di Le forme primarie del testo poetico in Letteratura italiana, a cura di A. Asor Rosa, III, Le forme del testo. I. Testo e poesia, Torino, Einaudi, 1984)
- G. Gorni, Le ballate di Dante e del Petrarca, in Metrica e analisi letteraria, Bologna, il Mulino, 1993, 219-242 (o la sezione dedicata alla ballata di Le forme primarie del testo poetico in Letteratura italiana, a cura di A. Asor Rosa, III, Le forme del testo. I. Testo e poesia, Torino, Einaudi, 1984)
- A. Martini, Ritratto del madrigale poetico fra Cinque e Seicento, in «Lettere italiane», XXXIII, 1981, 529-548
- M. Picchio Simonelli, La sestina dantesca fra Arnaut Daniel e il Petrarca, in Figure foniche dal Petrarca ai petrarchisti, Firenze, Licosa, 1978, 1-15

Per chi volesse approfondire, utilissimi strumenti di riferimento saranno:

per la metrica:
F. Bausi e M. Martelli, La metrica italiana. Teoria e storia, Firenze, Le Lettere, 1996 e successive.
P. Beltrami, Gli strumenti della poesia, Bologna, Il Mulino, 1996 e successive
G. Lavezzi, Manuale di metrica italiana, Roma, NIS, 1996 e successive.

per la retorica:
B. Mortara Garavelli, Il parlar figurato. Manualetto di figure retoriche, Roma-Bari, Laterza, 2010 e successive.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
L'esame da 12 e 9 cfu consiste in una prova scritta preliminare sulle unità didattiche A e B e in una prova orale sulle unità didattiche C e D (12 cfu; solo C, 9 cfu), volte ad accertare le conoscenze degli studenti sugli argomenti in programma. L'esame da 6 cfu avrà svolgimento solo orale, sulle unità didattiche A e C.

La prova scritta si tiene a gennaio, maggio e settembre 2021 e il suo superamento è requisito necessario per l'accesso all'esame orale; dà luogo a un giudizio qualitativo in quattro fasce (sufficiente, discreto, buono, ottimo) che sarà considerato nel giudizio finale complessivo. Gli esiti della prova scritta saranno pubblicati su Ariel nella sezione specificamente dedicata.

La prova scritta, della durata di 90 minuti, è a risposta aperta ed è articolata su tre domande: una domanda per ognuno dei due moduli, incentrata su una delle opere o autori o scuole in programma, e una domanda che consiste nel riconoscimento e nella parafrasi di uno dei testi in programma. Gli studenti che, sulla base del test di accesso autovalutazione obbligatorio, abbiano frequentato il corso di sostegno di Letteratura italiana e abbiano superato la prova finale non dovranno sostenere la terza domanda.

La prova scritta sarà valutata in base ai criteri della pertinenza, dell'esaustività e della correttezza; verrà considerata la capacità di elaborare una risposta organica e coerente, di adottare il giusto registro formale e impiegare il lessico specialistico adeguato, e, nel caso della terza domanda, di rendere adeguatamente un testo, mostrando di aver conseguito una conoscenza soddisfacente della lingua letteraria.
Indicazioni dettagliate sul programma e sulla prova d'esame saranno comunque fornite nella prima lezione del corso.

La prova orale consiste nella discussione critica su aspetti fondamentali dell'opera affrontata nell'unità C e sulle nozioni di metrica, verificate attraverso i testi dell'unità D. Lo studente, se richiesto, dovrà comunque dimostrare una piena capacità di parafrasi del testo. Oggetto della valutazione saranno la capacità di organizzare criticamente e discorsivamente le conoscenze derivate dalle lezioni e dallo studio della bibliografia e la capacità di esporre esaustivamente ed efficacemente problemi e questioni ricorrendo al linguaggio specialistico.

Il voto finale sarà espresso in trentesimi, contemplando anche il giudizio della prova scritta.

Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso.

Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica D
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Docente/i
Ricevimento:
Giovedì 14.45-17.45 (via Teams su appuntamento). Causa esami il ricevimento del 18/6 sarà spostato a venerdì pomeriggio, terminati gli esami. E' necessario prender appuntamento via mail
Dipartimento di studi letterari, filologici e linguistici, sezione di Modernistica, primo piano (fino a nuove disposizioni, ricevimento online su appuntamento)
Ricevimento:
Venerdì 14.30-17.30. Il 4 marzo l'Ateneo ha annullato i ricevimenti in praesentia; il docente è contattabile via email e, per i laureandi, via skype.
Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici; sez. Filologia Moderna, I piano, via Festa del Perdono.
Ricevimento:
giovedì 14.30-17.30. Fino a nuovo avviso i contatti saranno tenuti via mail; per i laureandi i colloqui si terranno sulla piattaforma Teams, a seguito di appuntamento.
Via Festa del Perdono, 7. Dip. di Studi letterari, filologici e linguistici. Sezione di Modernistica, 2° piano
Ricevimento:
Giovedì 10.30-13.30
Il ricevimento si svolge in modalità telematica, tramite Microsoft Teams, previo appuntamento da concordare via mail
Ricevimento:
giovedì, 14.30-16.30
Dipartimento di studi letterari, filologici e linguistici, sezione di Modernistica, primo piano, studio prof. Baldassari,