Produzione artistica e società industriale

A.A. 2020/2021
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
L-ART/03
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso intende offrire un'occasione di riflessione sulle metodologie d'indagine della storiografia, relativamente all'affermarsi, nel XIX e XX secolo, accanto alle belle arti tradizionali, delle arti applicate all'industria, delle arti decorative e del design. In particolare si propone di presentare ai discenti delle sequenze di oggetti, dalle "Arts and Crafts" al Postmoderno, che si ispirano all'estetica della produzione industriale.
Risultati apprendimento attesi
Conoscenze: Conoscenze specifiche nel campo delle arti applicate, del design e delle loro connessioni con le altre arti, attraverso l'esame diretto di oggetti esposti nei principali Musei di Milano.
Competenze: Sviluppo di un pensiero critico e di un metodo di analisi dell'oggetto artistico a partire dalle definizioni storiche sulla forma del prodotto artistico.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Secondo semestre
Se l'emergenza sanitaria dovesse protrarsi anche nei primi mesi del 2021 le lezioni si svolgeranno in modalità a distanza, principalmente in forma asincrona, tramite Ariel e Teams.
Gli studenti potranno trovare tutte le informazioni per accedere alle lezioni (link ecc.), eventuali cambiamenti del programma ed eventuali variazioni del materiale di riferimento (bibliografia ecc.) sul sito Ariel dell'insegnamento all'inizio del 2° semestre.

Qualora non fosse possibile svolgere l'esame secondo le modalità previste nel Syllabus, la prova d'esame si potrà svolgere in forma telematica con le modalità che saranno comunicate sul sito Ariel dell'insegnamento al termine del corso.
Programma
Parte A (20 ore e cfu 3): Produzione artistica e società industriale. Temi e problemi
Introduzione metodologica alla disciplina e analisi di alcuni "Pioneer work" dedicati al nesso arte e rivoluzione industriale

Parte B ((20 ore e cfu 3):): Arti decorative e disegno industriale
Casi studio nell'ambito delle arti applicate e del disegno industriale tra XIX e XX secolo

Parte C ((20 ore e cfu 3):): Le Triennali milanesi del Dopoguerra
Nell'unità didattica saranno presentati alcuni casi studio di rapporti tra architettura, arti figurative e design nelle triennali milanesi del secondo dopoguerra.
Prerequisiti
Buona conoscenza della storia dell'arte moderna e contemporanea. Si richiede anche una conoscenza di base delle vicende dell'architettura contemporanea.
Metodi didattici
Lezioni frontali con approfondimenti seminariali e letture monografiche su periodi, contesti o singoli oggetti.
Saranno svolte uscite didattiche allo scopo di conoscere e visitare musei del design e delle arti applicate e durante il Salone del Mobile 2021.
Materiale di riferimento
Parte A-B
Programma d'esame per studenti frequentanti

-Argomenti trattati durante il corso

Sono obbligatori

A. Negri, Storia dell'arte e cultura dell'industria possibili indirizzi di ricerca, in La macchina arrugginita. Materiali per un'archeologia dell'industria, a c. di A. Castellano, prefaz. di E. Battisti, Milano, Feltrinelli, 1982, pp. 23-32.
"L'Uomo nero", Faber, Arti applicate, XI, nn. 11-12, 2015.

3) Due testi a scelta dall'elenco che segue

Le Corbusier, L'art décoratif d'aujourd'hui, Paris, Crès et Cie, 1925 (= Arte decorativa e design, trad. edizione 1959 di M. Cocever e N. Mazzoccoli Rettmeyer, Bari, Laterza, 1972)
H. Read, Art and Industry. The Principles of Industrial Design, London, Faber & Faber, 1934 (= Arte e industria, trad. di G. Dorfles, Milano, Lerici Editori, 1962 [Forma e Vita, 4])
N. Pevsner, Pioneers of the Modern Movement. From William Morris to Walter Gropius, London, 1936 (= I pionieri dell'architettura moderna, trad. di A. Negri, Milano, Garzanti, 1983 ed edizioni successive)
W. Benjamin, L'oeuvre d'art à l'époque de sa reproduction mécanisée, "Zeitschrift für Sozialforschung", V, 1936 (= L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, trad. it. di E. Filippini, Torino, Einaudi, 1966, 1991 e 2011)
F.D. Klingender, Art and the Industrial Revolution, London, Carrington, 1947 (= Arte e Rivoluzione industriale, trad. it. di E. Einaudi, Torino, Einaudi, 1972)
S. Giedion, Mechanization Takes Command, New York, Oxford U.P., 1948 (= L'era della meccanizzazione, trad. di M. Labò, Milano, Feltrinelli, 1967)
R. Banham, Theory and Design in the First Machine Age, London, Architectural Press, 1960 (=Architettura della prima età della macchina, trad. it. di S. Montagner, Milano, Christian Marinotti Edizioni, 2005)
M. Praz, La filosofia dell'arredamento. I mutamenti del gusto nella decorazione interna attraverso i secoli, Milano, Longanesi, 1964 (Nuova edizione, Parma, Guanda, 2012).
G. Veronesi, Stile 1925. Ascesa e caduta delle Arts Déco, Firenze, Vallecchi, 1966.
F. Bologna, Dalle arti minori all'industrial design. Storia di una ideologia, Bari, Laterza, 1972
A. Scharf, Art and Photography, London, Allen Lane, 1968 (= Arte e fotografia, trad. it. di L. Lovisetti Fua, Torino, Einaudi, 1979)
M. Whiteway, Christopher Dresser 1834-1904, (Milano, Palazzo della Triennale, 30.10.2001-3.3.2002), ed. scientifico M. Valsecchi, Milano, Skira, 2001
M. Rinaldi, La casa elettrica e il caleidoscopio. Temi e stile dell'allestimento in Italia dal Razionalismo alla neoavanguardia, Roma, Bagatto, 2003.
1923-1930: Monza, verso l'unità delle arti : oggetti d'eccezione dalle esposizioni internazionali di arti decorative, a cura di A. Pansera con M. Chirico, Cinisello Balsamo, Silvana, 2004
I. De Guttry, M.P. Maino, Il mobile déco italiano. 1920-1940, Roma-Bari, GLF editori Laterza, 2006, Nuova ed. riveduta e aggiornata.
Arti Tecnologia Progetto. Le esposizioni d'industria in Italia prima dell'Unità, a c. di G. Bigatti, S. Onger, Milano, Franco Angeli, 2007
A. Bassi, Design anonimo in Italia. Oggetti comuni e progetto incognito, Milano, Electa, 2007
A.C. Cimoli, Musei effimeri, Allestimenti di mostre in Italia 1949-1963, Milano, Il Saggiatore, 2007
D. Scodeller, Negozi. L'architetto nello spazio della merce, Milano, Electa, 2007.
P. Sparke, The Modern Interior, London, Reaktion Books, 2008 (=Interni moderni. Spazi pubblici e privati dal 1850 ad oggi, trad. it. di C. Veltri, Torino, Einaudi, 2011)
E. Dellapiana, Il design della ceramica in Italia. 1850-2000, Milano, Electa architettura, 2010
Gli Anni Trenta a Milano. Tra architetture, immagini e opere d'Arte, a c. di S. Bignami, P. Rusconi, Milano, Mimesis, 2014.
F. Bulegato, Il design degli architetti italiani. 1920-2000, Milano, Electa architettura, 2014
Jules Verne e le illustrazioni"straordinarie", a c. di P. Rusconi, Milano, Mimesis, 2015
Storie d'interni. L'architettura dello spazio domestico moderno, a c. di F. Irace, Roma, Carocci, 2015.
Architecture of Great Expositions 1937-1959. Messages of Peace, Images of War, a c. di R. Devos, A. Ortenberg, London, New York, Routledge, 2016.


Parte C
Programma d'esame per studenti frequentanti

È obbligatorio

A. Pansera, Storia e cronaca della triennale, Milano, Longanesi, 1978.

Un testo a scelta tra:
A. Pica Storia della Triennale di Milano, 1918-1957, Milano, Edizioni del Milione, 1957.
C- De Carli Schumè, Il tema dell'unità delle arti alla X Triennale di Milano 1954, in Il presente si fa storia. Scritti di storia dell'arte in onore di Luciano Caramel, Milano, Vita e Pensiero, 2008, pp. 381-400.
E. Modena, La Triennale in mostra. Allestire ed esporre tra studio e spettacolo (1947-1954), Verona, Scripta, 2015.


All'inizio del corso sarà fornita una bibliografia aggiuntiva poi pubblicata sul sito ARIEL del docente


Parte A-B
Programma d'esame per studenti non frequentanti

Sono obbligatori

A. Negri, Storia dell'arte e cultura dell'industria possibili indirizzi di ricerca, in La macchina arrugginita. Materiali per un'archeologia dell'industria, a c. di A. Castellano, prefaz. di E. Battisti, Milano, Feltrinelli, 1982, pp. 23-32.
"L'Uomo nero", Faber, Arti applicate, XI, nn. 11-12, 2015.

3) Quattro testi a scelta dall'elenco che segue

Le Corbusier, L'art décoratif d'aujourd'hui, Paris, Crès et Cie, 1925 (= Arte decorativa e design, trad. edizione 1959 di M. Cocever e N. Mazzoccoli Rettmeyer, Bari, Laterza, 1972)
H. Read, Art and Industry. The Principles of Industrial Design, London, Faber & Faber, 1934 (= Arte e industria, trad. di G. Dorfles, Milano, Lerici Editori, 1962 [Forma e Vita, 4])
N. Pevsner, Pioneers of the Modern Movement. From William Morris to Walter Gropius, London, 1936 (= I pionieri dell'architettura moderna, trad. di A. Negri, Milano, Garzanti, 1983 ed edizioni successive)
W. Benjamin, L'oeuvre d'art à l'époque de sa reproduction mécanisée, "Zeitschrift für Sozialforschung", V, 1936 (= L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, trad. it. di E. Filippini, Torino, Einaudi, 1966, 1991 e 2011)
F.D. Klingender, Art and the Industrial Revolution, London, Carrington, 1947 (= Arte e Rivoluzione industriale, trad. it. di E. Einaudi, Torino, Einaudi, 1972)
S. Giedion, Mechanization Takes Command, New York, Oxford U.P., 1948 (= L'era della meccanizzazione, trad. di M. Labò, Milano, Feltrinelli, 1967)
R. Banham, Theory and Design in the First Machine Age, London, Architectural Press, 1960 (=Architettura della prima età della macchina, trad. it. di S. Montagner, Milano, Christian Marinotti Edizioni, 2005)
M. Praz, La filosofia dell'arredamento. I mutamenti del gusto nella decorazione interna attraverso i secoli, Milano, Longanesi, 1964 (Nuova edizione, Parma, Guanda, 2012).
G. Veronesi, Stile 1925. Ascesa e caduta delle Arts Déco, Firenze, Vallecchi, 1966.
F. Bologna, Dalle arti minori all'industrial design. Storia di una ideologia, Bari, Laterza, 1972
A. Scharf, Art and Photography, London, Allen Lane, 1968 (= Arte e fotografia, trad. it. di L. Lovisetti Fua, Torino, Einaudi, 1979)
M. Whiteway, Christopher Dresser 1834-1904, (Milano, Palazzo della Triennale, 30.10.2001-3.3.2002), ed. scientifico M. Valsecchi, Milano, Skira, 2001
M. Rinaldi, La casa elettrica e il caleidoscopio. Temi e stile dell'allestimento in Italia dal Razionalismo alla neoavanguardia, Roma, Bagatto, 2003.
1923-1930: Monza, verso l'unità delle arti : oggetti d'eccezione dalle esposizioni internazionali di arti decorative, a cura di A. Pansera con M. Chirico, Cinisello Balsamo, Silvana, 2004
I. De Guttry, M.P. Maino, Il mobile déco italiano. 1920-1940, Roma-Bari, GLF editori Laterza, 2006, Nuova ed. riveduta e aggiornata.
Arti Tecnologia Progetto. Le esposizioni d'industria in Italia prima dell'Unità, a c. di G. Bigatti, S. Onger, Milano, Franco Angeli, 2007
A. Bassi, Design anonimo in Italia. Oggetti comuni e progetto incognito, Milano, Electa, 2007
A.C. Cimoli, Musei effimeri, Allestimenti di mostre in Italia 1949-1963, Milano, Il Saggiatore, 2007
D. Scodeller, Negozi. L'architetto nello spazio della merce, Milano, Electa, 2007.
P. Sparke, The Modern Interior, London, Reaktion Books, 2008 (=Interni moderni. Spazi pubblici e privati dal 1850 ad oggi, trad. it. di C. Veltri, Torino, Einaudi, 2011)
E. Dellapiana, Il design della ceramica in Italia. 1850-2000, Milano, Electa architettura, 2010
Gli Anni Trenta a Milano. Tra architetture, immagini e opere d'Arte, a c. di S. Bignami, P. Rusconi, Milano, Mimesis, 2014.
F. Bulegato, Il design degli architetti italiani. 1920-2000, Milano, Electa architettura, 2014
Jules Verne e le illustrazioni"straordinarie", a c. di P. Rusconi, Milano, Mimesis, 2015
Storie d'interni. L'architettura dello spazio domestico moderno, a c. di F. Irace, Roma, Carocci, 2015.


Parte C
Programma d'esame per studenti non frequentanti

Sono obbligatori

A. Pansera, Storia e cronaca della triennale, Milano, Longanesi, 1978.
A. Pica Storia della Triennale di Milano, 1918-1957, Milano, Edizioni del Milione, 1957.
C. De Carli Schumè, Il tema dell'unità delle arti alla X Triennale di Milano 1954, in Il presente si fa storia. Scritti di storia dell'arte in onore di Luciano Caramel, Milano, Vita e Pensiero, 2008, pp. 381-400.
E. Modena, La Triennale in mostra. Allestire ed esporre tra studio e spettacolo (1947-1954), Verona, Scripta, 2015.
Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione
La prova orale consiste in un colloquio sugli argomenti a programma, volto ad accertare le conoscenze e le competenze critiche acquisite dal discente. Eventuali attività didattiche aggiuntive ed esercitazioni saranno presentate durante il corso.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-ART/03 - STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-ART/03 - STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-ART/03 - STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Docente/i
Ricevimento:
Ottobre: martedì 6 (ore 14,30), martedì 13 (ore 14,00), martedì 20 (ore 13,00), martedì 27 (ore 14,00) in modalità a distanza
Dipartimento di Beni culturali e ambientali, via Noto 6