Rettore

Elio Franzini
Thumbnail

Classe 1956, Elio Franzini si laurea in Filosofia Teoretica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università Statale di Milano nel 1979, dove diventa successivamente ricercatore nel 1984, dopo un’esperienza come professore all'Università degli Studi di Udine.

Dal 1994 professore ordinario di Estetica e di Estetica degli oggetti all'Università Statale, dal 2004 al 2010, il professor Franzini è stato Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, dopo essere stato Presidente del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione.

Ha inoltre presieduto, dal 2005 al 2010, la Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Lettere e Filosofia e dal 2011, per poco più di un anno, è stato prorettore per la Programmazione e i servizi alla didattica.

Da marzo 2015 è Presidente della Società Italiana di Estetica (SIE) e dall'ottobre 2015 è membro del Senato Accademico dell’Università Statale. È membro del Comitato scientifico della Fondazione Collegio San Carlo di Modena, del Centro Internazionale Studi di Estetica, della Fondazione "Corrente", del Consiglio direttivo della "Fondazione Luzzatto", dell'Istituto Lombardo di Scienze, Lettere, Arti e della Giuria del Premio Letterario “Bagutta”.

Ruolo e funzioni del Rettore

Il Rettore è il rappresentante istituzionale e legale dell’Ateneo con funzioni di indirizzo, iniziativa e coordinamento delle attività scientifiche e didattiche ed è responsabile del perseguimento delle finalità dell’Ateneo secondo criteri di qualità e nel rispetto dei princìpi di efficacia, efficienza, trasparenza e promozione del merito.

Figura di alto profilo con significative esperienze gestionali nel settore universitario e/o della ricerca, il Rettore viene eletto tra i professori di ruolo di prima fascia in servizio presso le università italiane, viene nominato con decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il suo mandato, non rinnovabile, dura sei anni.

Le funzioni del Rettore

Lo statuto di Ateneo stabilisce le funzioni del rettore, all'articolo 25