Studi Umanistici

7 corsi triennali e 9 corsi magistrali disegnano l'offerta complessa e articolata degli studi umanistici. I titoli che i laureati conseguono al termine degli studi attestano l’acquisizione di una moderna formazione umanistica che può essere valorizzata nei settori del mondo del lavoro dove sono richieste competenze culturali, metodo e capacità di articolare saperi diversi.

Via Festa del Perdono 7

Presidente del Comitato di Direzione
Prof.ssa Emilia Perassi

Sportello Garante

Dal 17 gennaio 2022 lo sportello del Garante degli studenti e dei dottorandi è temporaneamente sospeso e riprenderà appena possibile.

Modalità a distanza per tutti gli esami orali

Il nuovo Decreto Rettorale emanato il 7 gennaio prevede che gli esami orali si svolgano a distanza fino al 31 gennaio. Restano in presenza lezioni, esami scritti e sedute di laurea.

Leggi il nuovo Decreto 

Dall’anno accademico 2021/2022 la presentazione del piano di studio sarà vincolante per sostenere gli esami non obbligatori. 

Torna al 100% l’occupabilità delle aule per attività didattiche, commissioni d'esame e di laurea, a seguito del decreto legge n.139 dell’8 Ottobre 2021.

Offerta a.a. 2021/2022
A.A. 2021/2022
Filosofia
A.A. 2021/2022
Lettere
A.A. 2021/2022
Lingue e letterature straniere
A.A. 2021/2022
Scienze dei beni culturali
A.A. 2021/2022
Scienze umane dell'ambiente, del territorio e del paesaggio
A.A. 2021/2022
Scienze umanistiche per la comunicazione
Vedi anche
 
A.A. 2021/2022
Lingua e cultura italiana per stranieri (online)
A.A. 2021/2022
Archeologia
A.A. 2021/2022
Editoria, culture della comunicazione e della moda
A.A. 2021/2022
Filologia, letterature e storia dell'antichità
A.A. 2021/2022
Lettere moderne
A.A. 2021/2022
Lingue e letterature europee ed extraeuropee
A.A. 2021/2022
Scienze della musica e dello spettacolo
A.A. 2021/2022
Scienze filosofiche
A.A. 2021/2022
Scienze storiche
A.A. 2021/2022
Storia e critica dell'arte

Perché studiare Studi Umanistici nel nostro Ateneo: le caratteristiche particolari e i punti di forza della facoltà



Sede

La Facoltà di Studi umanistici ha sede a Milano, in Via Festa del Perdono 7.

Aule

  • Via Festa del Perdono 3 - Settore didattico (Aule 102, 104, 109, 111, 211, 433, 435, 510, 515, 517)
  • Via Mercalli (entrata Via S.Sofia) (Aule M101, M102, M103, M201, M202, M203, M204, M205, M301, M302, M303, M400, M401, M402, M501)
  • Piazza S. Alessandro 1 (Aule A1, A2, A3, A4, A5, A6, A7, A8, A9)
  • Via S. Antonio 5 (Aule Pio XII, S.AntonioI, S.AntonioIII)
  • Via Noto 8 (Aule K01, K02, K11, K12, K21, K22, K23, K31, K32, K33, K43)

Dipartimento di Beni culturali e ambientali 
Via Festa del Perdono 7 - 20122 Milano

Dipartimento di Filosofia "Piero Martinetti"
Via Festa del Perdono 7 -20122 Milano

Dipartimento di Lingue e letterature straniere
Piazza S. Alessandro 1 - 20122 Milano

Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici
Via Festa del Perdono 7 - 20122 Milano

Dipartimento di Studi storici
Via Festa del Perdono 7 - 20122 Milano

Settore Se.Fa. Area Umanistico Sociale
Responsabile di settore: Dott.ssa Laura Carradori

Segreteria della Facoltà di Studi Umanistici
Via Festa del Perdono 7, Milano
email: [email protected]
email: [email protected]

Segreteria del Presidente del Comitato di Direzione
Responsabile: Dott.ssa Rina Mandelli
Telefono: 02 50312701
Fax: 02 50312708

Segreterie studenti

Via Santa Sofia 9/1 - 20122 Milano (ingresso dal cortile interno)

Rappresentanti degli Studenti
Vedi in rappresentanti in carica negli organi di Ateneo

Eventi di Facoltà

Il rapporto tra populismi e democrazia liberale nella compagine storica, politica e giurisprudenziale al centro dell’incontro, su Teams e in presenza con ingresso secondo normativa vigente, organizzato dal dipartimento di Studi storici dell’Università Statale di Milano. Un’analisi tra esperti di differenti aree disciplinari sugli aspetti del fenomeno e sulle differenti accezioni attribuite, da ideologia flessibile anti-elitista e anti-pluralista a pura espressione dell’anima popolare.

Sei interessato a conoscere la nostra offerta formativa post diploma? In attesa degli Incontri di Area 2022 partecipa al webinar organizzato dell'Ufficio orientamento in ingresso del COSP nel quale, al termine della presentazione, potrai farci tutte le tue domande sui corsi triennali e magistrali a ciclo unico e sui servizi offerti agli studenti dell'Università degli Studi di Milano - la Statale. Per maggiori informazioni visita la piattaforma di orientamento https://cosp.orientamentounimi.it/

Concerto dell’Orchestra UniMi, preceduto dalla conversazione con gli artisti della serata e la giornalista Giuseppina Manin. Dirige Andreas Gies. In programma, la prima esecuzione assoluta de “Il nome del luogo si chiama mondo, sulla via della scomparsa” della compositrice Rachel Beja, “Concerto per violino e orchestra n. 1 in sol minore op. 26” di Max Bruch e “Sinfonia n. 4 in do minore D 417 ‘Tragica’” di Franz Schubert. Daniela Cammarano solista al violino. Accesso con Super Green Pass.

La costituzione del concetto di bellezza in relazione alla retorica è il tema dell’incontro, online e in presenza con ingresso secondo normativa vigente, organizzato dal dipartimento di Filosofia “Piero Martinetti” dell’Università Statale di Milano. Un approfondimento a partire dal pensiero di Nicholas d’Autrécourt, filosofo e teologo nella Francia medievale, attraverso la sua espressione argomentativa negli ambiti della natura, del discorso, della creazione dell’opera e della civitas.

Il ruolo dei movimenti nella costruzione delle politiche locali del cibo per sistemi alimentari più resilienti e democratici al centro dell’incontro online organizzato da Università Statale di Milano, Rete italiana per le politiche locali del cibo, Associazione EStà e Cascina Cuccagna. Un confronto tra rappresentanti delle istituzioni, dei movimenti e della ricerca, tra food policy, movimenti dal basso, campagne volte alla transizione agro-ecologica e altri temi sul binomio cibo e sostenibilità.

Le differenti rappresentazioni dei perpetratori della Shoah in letteratura, al cinema e in altri media sono il tema dell’incontro, su Zoom e in presenza secondo normativa vigente, organizzato dall’Università Statale di Milano. Un approfondimento non solo sulle figure di gerarchi e criminali nazisti, ma anche sulle centinaia di migliaia di semplici cittadini, giuristi, funzionari, studenti e padri di famiglia che in diversi ruoli e modalità presero parte attiva al più grande crimine dell’umanità.